Sede centrale Hasselblad

Editoriale Una breve storia di Hasselblad

© Sede centrale Hasselblad

"Non mettere in valigia la videocamera finché non hai lasciato il luogo" - Joe McNally


─── Isabel O'Toole, 19 maggio 2019


FW Hasselblad & Co. era una prospera casa commerciale di Gothenburg, Svezia, che alla fine del XIX secolo vide una lacuna nel mercato nel fiorente campo della fotografia. Fu solo quando Arvid Viktor Hasselblad, il figlio del fondatore e appassionato di fotografia amatoriale, incoraggiò suo padre a fondare una divisione fotografica che Hasselblad si rese conto che stavano facendo affari sbagliati ...

Irving Penn, utente Hasselblad, esamina i negativi della fotocamera per Spazzacamino, Londra, 1950 © Cecil Beaton


Principalmente un'azienda di import-export, Arvid Viktor Hasselblad convinse suo padre ad aprire una fazione fotografica della sua azienda di successo sulla base del fatto che potevano documentare i loro prodotti e lavorare mentre entravano e uscivano.

Notoriamente detto "Sicuramente non penso che guadagneremo molti soldi su questo, ma almeno ci permetterà di scattare foto gratuitamente" entrambi furono rapidamente smentiti poiché il dipartimento di fotografia divenne rapidamente una parte importante di FW Hasselblad & Co. e alla fine prese il comando.

Fondazione Hasselblad
© Fondazione Hasselblad
Libretto del sistema Hasselblad
Libretto del sistema Hasselblad


Durante una breve visita in Inghilterra, Arvid Viktor ha incontrato George Eastman che stava creando la Kodak Company, rendendo la fotografia accessibile al consumatore medio. Stringendosi la mano, i due uomini hanno formato una partnership che sarebbe durata 80 anni. A partire dal 1888, Hasselblad iniziò a importare i prodotti di Eastman.

Con l'aumentare della popolarità della fotografia, aumentò anche la domanda per i due produttori, rafforzando il loro legame. La divisione fotografica di Hasselblad crebbe così rapidamente che nel 1908 si separarono dall'attività originaria per diventare la loro azienda, Fotografiska AB di Hasselblad.

Girato con Hasselblad: Jean Shrimpton, 1965 © Bert Stern


Ben presto, Hasselblad iniziò a lavorare allo sviluppo di laboratori e punti vendita al dettaglio per vendere i prodotti Kodak Eastman. Victor Hasselblad, nipote del fondatore dell'azienda, nato per essere l'erede dell'azienda, è cresciuto con la passione per la fotografia e la determinazione a migliorare l'attrezzatura esistente, registrando meticolosamente suggerimenti per miglioramenti della fotocamera nei notebook. Suo padre, notando il suo entusiasmo, lo allontanò da scuola a 18 anni e lo mandò a Dresda per conoscere l'industria delle fotocamere e la produzione di ottiche.

Flyttfågelstråk (Passaggio degli uccelli migratori)
Pettazzurro maschio, Lapponia svedese, 1965 © Victor Hasselblad


Dopo aver lavorato come apprendista nell'industria della fotocamera in Europa, Hasselblad ha continuato a lavorare in fabbriche di fotocamere e pellicole negli Stati Uniti, sviluppando laboratori e negozi di fotocamere lungo la strada nel tentativo di fornire informazioni e comprensione al mondo della fotografia.

Il mondo è diventato rapidamente il suo laboratorio di ricerca e sviluppo. Avendo accesso alla comunità internazionale e ad alcune delle menti imprenditoriali più importanti del mondo, Victor ha sviluppato il suo rapporto con George Eastman, una delle figure più importanti nel mondo della fotografia.

Girato con Hasselblad: Estelle Lefébure, Karen Alexander, Rachel Williams, Linda Evangelista, Tatjana Patitz e Christy Turlington, Malibu, 1988 © Peter Lindbergh
Girato con Hasselblad: Estelle Lefébure, Karen Alexander, Rachel Williams, Linda Evangelista, Tatjana Patitz e Christy Turlington, Malibu, 1988 © Peter Lindbergh
Ansel Adams con la sua Hasselblad © Photographer unknown
Ansel Adams con la sua Hasselblad © Photographer unknown

 

Eastman, prendendo in giro Hasselblad Junior, prese Victor come suo pupillo nella sua casa di Rochester, New York. Quando Victor finalmente tornò in Svezia per continuare l'attività di famiglia, l'azienda Hasselblad si rese conto di quanto fosse stata fruttuosa l'amicizia tra le due società.

Nel 1939, lo scoppio della guerra provocò la totale mobilitazione dei militari svedesi, che a quel tempo erano impreparati alla guerra. La nazione con aria di sfida neutrale si preparò ad attrezzarsi mentre le truppe tedesche erano in attesa sul confine norvegese. I tedeschi avevano sviluppato una telecamera di sorveglianza aerea che era un pezzo di equipaggiamento di cui il governo svedese aveva estremamente bisogno. Non si sa come, ma l'esercito svedese in qualche modo ha catturato questa telecamera aerea e ha cercato di replicarla.

Buzz Aldrin, missione Apollo 12, 1969 © Neil Armstrong
Girato con Hasselblad: impronta lunare dallo sbarco sulla Luna dell'Apollo 11, 1969 © Buzz Aldrin
Girato con Hasselblad: impronta lunare dallo sbarco sulla Luna dell'Apollo 11, 1969 © Buzz Aldrin


Victor Hasselblad, che ora si era fatto una reputazione come esperto di macchine fotografiche, fu il primo porto di scalo dell'esercito svedese. Nel 1940 il governo gli si avvicinò e gli chiese se poteva produrre una macchina fotografica identica a quella tedesca recuperata.

La leggenda narra che Victor abbia risposto, "No, ma posso crearne uno migliore". Quella primavera, Hasselblad aprì un laboratorio fotografico in un semplice capannone a Göteborg. Il resto è storia.

Il leggendario fotografo Lee Friedlander con la sua Hasselblad, New York, 2002 © Richard Avedon
Lee Friedlander con la sua Hasselblad, New York, 2002 © Richard Avedon


Con l'aiuto di un talentuoso meccanico dell'officina automobilistica vicina, Hasselblad iniziò il reverse engineering della telecamera di sorveglianza aerea tedesca e riprogettò quella che sarebbe diventata la prima Hasselblad, la HK7, una fotocamera 7 × 9 che utilizzava pellicole da 80 mm ed era dotata una lente Zeiss Biotessar.

Tra il 1941 e il 1945, Hasselblad ha prodotto un totale di 342 diverse fotocamere in collaborazione con l'esercito svedese. Ma Hasselblad ha sempre visto la loro partnership come il primo passo verso lo sviluppo di una fotocamera civile, qualcosa di portatile che potrebbe stare in mano.

Foto scattata con Hasselblad: due paia di gambe in calze nere, Parigi 1979 © Helmut Newton
Foto scattata con Hasselblad: due paia di gambe in calze nere, Parigi 1979 © Helmut Newton

 

Victor riuscì a concentrarsi completamente su questo solo dopo la fine della guerra, ma nel 1948 riuscì a produrre la prima fotocamera consumer di Hasselblad, la 1600F, una fotocamera 6 × 6 con obiettivi Kodak e mirini intercambiabili. Successivamente la 1600F fu perfezionata, portando alla 1000F. È nata una leggenda.

Hasselblad 1600 F con obiettivo Kodak Ektar 2,8 / 80 mm
Hasselblad 1600 F con obiettivo Kodak Ektar 2,8 / 80 mm
Hasselblad 500 C / M con obiettivo Zeiss
Hasselblad 500 C / M con obiettivo Zeiss
Girato con Hasselblad: donna portoricana con un segno di bellezza, New York 1965. © Diane Arbus


Da allora Hasselblad ha sviluppato vari modelli e formati di fotocamere, affermandosi come leader nel campo dell'ingegneria fotografica e dell'ottica.

L'approccio Hasselblad è stato copiato ed emulato da molti, ma mai eguagliato. Un nome ambito familiare, i fotografi considerano ancora Hasselblad il Santo Graal delle macchine fotografiche.


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari