Stefano Shore

Editoriale Una breve storia della fotografia di paesaggio

© Stefano Shore

“La vita è come un paesaggio. Ci vivi in ​​mezzo ma puoi descriverlo solo dal punto di vista della distanza. " - Charles Lindbergh


─── di Edward Clay, 25 settembre 2020

Nei primi giorni della fotografia di paesaggio, i vincoli tecnici imponevano ai fotografi di lavorare con soggetti statici, a causa dei lunghi tempi di esposizione che rendevano sfocato qualsiasi movimento. Ciò ha reso i paesaggi e le città il materiale principale per le loro esposizioni.

Storia della fotografia paesaggistica in Color Sea of ​​Japan in Winter, Tohoku, Hiroji Kubota
Mar del Giappone in inverno, Tohoku, 2002 © Hiroji Kubota


Fu nel 1826 che la prima fotografia è stata ampiamente considerata come scattata da Joseph Nicéphore Niépce, nato in Francia. La sua prima esposizione ha richiesto umili otto ore!

Più di un decennio dopo Louis-Jacques-Mandé Daguerre inventò il dagherrotipo e fotografò per la prima volta un essere umano, per puro caso. Boulevard du Temple, L'inquadratura a lungo raggio di Daguerre di una strada parigina esemplificava i primi vincoli del mezzo.

Boulevard du Temple, Parigi, Francia, 1839 © Louis Daguerre History of Landscape Photography
Boulevard du Temple, Parigi, Francia, 1839 © Louis Daguerre


Raffigurante un uomo con le scarpe lucidate, la singola immagine ha impiegato dieci minuti per essere realizzata e per caso ha catturato l'individuo, che stava staticamente, una gamba appollaiata su uno sgabello. Il lustrascarpe che lavorava al Boulevard du Temple di Parigi quel giorno non aveva idea che avrebbe fatto la storia.

Man mano che il lato tecnico della fotografia si sviluppava e le fotocamere diventavano più convenienti, quasi chiunque poteva diventare un fotografo. Pur democratizzando e diversificando il mestiere, questo ha anche dato forma a una qualche forma di elitarismo, poiché alcuni artisti hanno iniziato a prendere le distanze dallo status quo creando i propri movimenti visivi.

Moonlight: The Pond, 1904 © Edward Steichen Storia della fotografia di paesaggio
Chiaro di luna: lo stagno, 1904 © Edward Steichen


Ciò ha visto l'ascesa del pittorialismo, una tendenza in cui le foto sono state manipolate attraverso una lunga esposizione o movimento per emulare i dipinti impressionisti. L'idea era di suggerire che l'espressione artistica fosse al di sopra del processo meccanico.

Per quanto successo fosse il pittorialismo, rimase un mezzo di espressione di nicchia. Nel frattempo, fotografi come Charles Fontayne e William S. Porter stavano creando Dagherrotipi panoramici di lungomare con livelli estremamente elevati di informazioni visive. Queste foto 6.5 x 8.5 pollici recentemente restaurate rivelano un'incredibile quantità di dettagli.

Fiume Ohio a Newport, Kentucky 1848 © Charles Fontayne / WS Porter Storia della fotografia paesaggistica
Fiume Ohio a Newport, Kentucky 1848 © Charles Fontayne / WS Porter
Fiume Ohio a Newport, Kentucky 1848 © Charles Fontayne / WS Porter Storia della fotografia paesaggistica
Fiume Ohio a Newport, Kentucky 1848 © Charles Fontayne / WS Porter


Con l'avvicinarsi del 20 ° secolo, l'arte della fotografia di paesaggio è stata guidata da fotografi americani che avevano un paesaggio vasto e vario con cui giocare. La loro influenza potrebbe anche essere dovuta alla crescente influenza della produzione culturale americana e ai miti di frontiera del destino manifesto.

Forse il più famoso di tutti i fotografi di paesaggi è il leggendario Ansel Adams, un ambientalista devoto il cui amore per il mondo naturale aveva lo scopo di incoraggiare le persone a rispettare e prendersi cura del proprio pianeta. Le sue crude immagini in bianco e nero di fiumi e canyon hanno stabilito i precedenti per i fotografi di paesaggi da allora in poi.

Storia della fotografia paesaggistica I Tetons e lo Snake River Wyoming 1942 di Ansel Adams
I Teton e il fiume Snake, Parco nazionale del Grand Teton, Wyoming 1942 © Ansel Adams
Il Golden Gate prima del ponte, San Francisco, 1932 © Ansel Adams
Storia della fotografia paesaggistica Jeffrey Pine Sentinel Dome Yosemite di Ansel Adams
Jeffrey Pine Sentinel Dome ', Yosemite, 1940 © Ansel Adams


Tuttavia, la legittimità della fotografia di paesaggio come arte è sempre stata definita accanto al suo rapporto con la pittura. Come risultato della sua esistenza messa in discussione nel contesto delle belle arti, anche la sua traiettoria è stata influenzata.

L'uso della profondità di campo di Edward Weston può essere visto come un riflesso della pittura astratta, ma in modo moderno e oggettivo.

Grand Canyon, Arizona, 1941 © Edward Weston Storia della fotografia paesaggistica
Grand Canyon, Arizona, 1941 © Edward Weston


“Il mio vero programma si riassume in una parola: la vita. Mi aspetto di fotografare qualsiasi cosa suggerita da quella parola che mi piace. "
- Edward Weston

Col passare del tempo, la nascita dell'industria automobilistica americana ha dato ai fotografi la possibilità di esplorare i loro paesaggi nativi in ​​un modo unico e senza ostacoli. Leggende come Robert Frank hanno contribuito a definire un'intera nazione, mentre anticonformisti come Lee Friedlander si sono scoperti sulla strada aperta.

Fotografia di paesaggi New York Across the Hudson, NYC, di Andreas Feininger
42nd Street vista da Across the Hudson, New York, 1945 © Andreas Feininger
Lusk, Wyoming, 1956 © Robert Frank
Route 9W, New York, 1969 © Lee Friedlander


Percorrendo l'autostrada con le loro station wagon, Stefano Shore e Joel Sternfeld si sono avvicinati alle ampie pianure del loro paese natale con un occhio unico e hanno ispirato generazioni di fotografi dopo di loro.
Accettando la sfida di affrontare l'enormità del mondo attraverso un mirino limitato, a volte scattando da un cruscotto o da uno specchietto retrovisore, i maestri della fotografia di paesaggio vedevano il mondo come un parco giochi da inquadrare.

Fotografia di paesaggi nuotatori nel Parco nazionale di Yosemite, California, USA Stephen Shore
Parco nazionale di Yosemite, California, USA 1979 © Stephen Shore
Da prospettive americane, 1987 © Joel Sternfeld
Senza titolo (macchina della polizia, California), 2000 © William Eggleston


Accettando la sfida di affrontare l'enormità del mondo attraverso un mirino limitato, a volte scattando da un cruscotto o da uno specchietto retrovisore, i maestri della fotografia di paesaggio vedevano il mondo come un parco giochi da inquadrare.

Quasi come un film drive-through, queste figure hanno incapsulato l'ovvio in immagini senza tempo che hanno ispirato innumerevoli altri a uscire e realizzare il loro mondo.

 


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.