Alec Soth

Book Review Dormire vicino al Mississippi

© Alec Soth

“La fotografia è un mezzo molto solitario. C'è una specie di bellissima solitudine nel voyeurismo. Ed è per questo che sono un fotografo. "


─── Isabel O'Toole, 26 gennaio 2021

Alec Soth è un amante autoproclamato della poesia. La sua sensibilità lirica è quindi facilmente leggibile nel suo lavoro. Piuttosto che produrre singole immagini che parlano singolarmente, Sleeping By the Mississippi è un viaggio eloquente attraverso i letti dei fiumi del sud americano, raccontato attraverso una narrazione intrecciata in cui ogni fotografia è il suo verso.

Herman's Bed, Venice, Louisiana 2003


In questo lavoro, il Mississippi funge da punto di partenza e di arrivo fisico, ma anche da metafora dei sogni non realizzati di chi vive sulle sue sponde.

Le improbabili fermate che Soth fa nel suo viaggio vanno dalle stazioni di servizio ghiacciate e innevate al sud caldo e afoso ei suoi sudditi, nella tradizione di tutti i migliori lavori del giornalismo lento americano, sono le voci abbandonate e dimenticate della società americana . Ma invece di limitarsi a rappresentare queste persone, il viaggio complesso e allegorico di Soth si propone di rivelare i sogni di questi abitanti della riva in dettagli nitidi e banali.

 

Crystal, Pasqua, New Orleans, Louisiana 2002
Charles, Vasa, Minnesota 2002
Lenny, Minneapolis, Minnesota 2002


“Credo che la fotografia sia essenzialmente non narrativa. Questo, mentre fa male a dirlo stories, non lo dice davvero stories che hanno un inizio, una metà e una fine. Questo mi ha costantemente frustrato riguardo al mezzo e l'ho costantemente combattuto. Quello che ho pensato è che quando guardo il lavoro di un fotografo, guardo tanto all'esperienza di quella persona come fotografo nel mondo, quasi come se fosse un narratore in prima persona, come io sto guardando i soggetti delle fotografie. "
- Alec Soth

Cimitero, Fountain City, Wisconsin 2002 © Alec Soth
Cimitero, Fountain City, Wisconsin 2002


Le foto di grande formato di Soth, che sono sature delle loro tavolozze uniche, parlano di tutta l'esperienza umana, coprendo temi come l'infanzia, i sogni, l'arte, la religione, la politica, il sesso e, in definitiva, la morte.

Gli abitanti delle sue foto, sia vivi che defunti, hanno tutti un ruolo da svolgere all'interno di questa storia, sebbene in vera forma poetica, questo ruolo non è esplicito e spetta allo spettatore decifrarlo.

Dallas City, Illinois 2002 © Alec Soth
Dallas City, Illinois 2002
Madre e figlia, Davenport, Iowa 2002 © Alec Soth
Madre e figlia, Davenport, Iowa 2002


Il viaggio lungo il fiume presentato in questa serie esplora una malinconia in cerca di libertà e abbandonata che ha affascinato i fotografi americani sin da quando Robert Frank si è messo in viaggio con The Americans. Eppure l'approccio di Soth è diverso, la sua tecnica più lenta e quindi meno dipendente dal caso.

Soth presenta un vagabondaggio lungo il fiume sebbene interni trascurati, edifici abbandonati, tombe, erbe infestanti che strisciano su un telaio del letto abbandonato e persone in lutto rannicchiate sotto Angel Oaks, tra una varietà di ritratti che raffigurano le varie speranze deluse degli americani.

Joshua, prigione di stato dell'Angola, Louisiana 2002
Libro di studio biblico (Il profeta nel deserto), Vicksburg, Mississippi 2002 © Alec Soth
Libro di studio biblico, Vicksburg, Mississippi 2002
Fort Jefferson Memorial Cross, Wickliffe, Kentucky 2002 © Alec Soth
Fort Jefferson Memorial Cross, Wickliffe, Kentucky 2002


Quando il libro è stato pubblicato originariamente nel 2004, è stata una sensazione improvvisa. Ora ha acquisito la celebrità di grandezza di culto. L'interpretazione di Soth degli archetipi americani, di predicatori e prostitute, prigionieri e pescatori, aggiorna la versione malinconica del discutibile sogno americano di Robert Frank.

Soth dimostra che quando il documentario incontra la poesia, non importa quanto i dettagli apparentemente insignificanti della vita moderna possano sembrare in superficie, ci sono stories essere trovato sotto ogni superficie. Sebbene il suo titolo parli di Dormire, ciò che senza dubbio significa davvero è "Sognare". Presumibilmente, mentre Soth stava imparando a fotografare e ha iniziato a cercare la propria voce visiva, ha dovuto sforzarsi di avvicinarsi alle persone, timido com'era.

Kym, Palazzo polacco, Minneapolis, Minnesota 2000 © Alec Soth
Kym, Palazzo polacco, Minneapolis, Minnesota 2000
Alec Soth - Sleeping By The Mississippi

La storia racconta che quando ha iniziato a lavorare con la fotocamera 4 × 5, che aveva un approccio molto più lento, ha riempito i silenzi chiedendo ai suoi soggetti di parlare dei loro sogni. In qualche modo, in Dormire vicino al Mississippi, questi sogni malinconici sono penetrati nel film, lasciando le loro tracce.

 

 Sleeping by the Mississippi è disponibile all'indirizzo MACK

Tutte le immagini ©  Alec Soth