André Kertész

Esposizione André Kertész: Cartoline da Parigi

© André Kertész

“La fotocamera è il mio strumento.
Attraverso di essa, do una ragione a tutto ciò che mi circonda”. 


─── di Josh Bright, 23 dicembre 2021

L'Art Institute of Chicago presenta una mostra storica dei primi lavori sperimentali del famoso fotografo André Kertész.

André Kertész, Fotografia in bianco e nero, Chez Mondrian, 1926
André Kertész. Chez Mondrian, 1926. The Art Institute of Chicago, Collezione Julien Levy, dono di Jean e Julien Levy © Estate of André Kertész 2021


Un vero maestro del suo mestiere,
Kertész è stato uno dei più importanti professionisti del 20° secolo, famoso per i suoi contributi rivoluzionari alla composizione fotografica e al saggio fotografico. 

Caratterizzati da forme geometriche, ombre, riflessi e una notevole acutezza, i suoi rendering monocromatici profondamente accattivanti hanno attraversato i generi fotografici e hanno contribuito a trasformare il panorama della fotografia europea da allora in poi.

André Kertész, still life in bianco e nero della forchetta 1928
André Kertész. Fork, 1928. National Gallery of Canada, Ottawa, acquistato nel 1978 © Estate of André Kertész 2021


Nell'autunno del 1925, con poco più della sua macchina fotografica e una manciata di risparmi in mano, Kertész lasciò la sua nativa Ungheria per Parigi. Alla fine del 1928 si era fatto una reputazione come uno degli esponenti più interessanti della fotografia d'arte moderna
e contribuiva regolarmente a riviste rinomate, e esponendo a livello internazionale al fianco di nomi illustri come Man Ray e Berenice Abbott.

André Kertész still life fotografia in bianco e nero, gambe di manichino, 1925
André Kertész. Legs, 1925. Proprietà familiari di Nicholas e Susan Pritzker © Estate of André Kertész 2021
André Kertész, ritratto in bianco e nero di Hilda Daus, 1927
André Kertész. Hilda Daus, 1927. Collezione privata, courtesy Corkin Gallery, Toronto © Estate of André Kertész 2021


I tre anni precedenti sono stati parte integrante della formazione della sua pratica, un periodo di indagine, sperimentazione ed esplorazione. Durante questo periodo (e solo in questo periodo),
ha usato un po' insolitamente cartolina, (carta da cartolina) per gran parte della sua produzione stampata. 

Fotografia still life in bianco e nero di André Kertész, Mondrian's Pipe and Glasses, 1926
André Kertész. La pipa e gli occhiali di Mondrian, 1926. Proprietà familiari di Nicholas e Susan Pritzker © Estate of André Kertész 2021


Sebbene almeno inizialmente fosse un formato forse scelto per il suo basso costo e convenienza, Kertész ne scoprì presto il potenziale artistico e trascorse innumerevoli ore in camera oscura, trasformando le sue composizioni uniche in ricordi fisici che fungevano sia da oggetti che da immagini.

La loro scala ridotta si prestava a una facile circolazione, sia che passassero a mano sul tavolino del bar sia che fossero racchiusi in una busta e spediti ai propri cari all'estero.

André Kertész fotografia in bianco e nero ritratto di Satiric Dancer, 1927
André Kertész. Ballerino satirico, 1927. Proprietà familiari di Nicholas e Susan Pritzker © Estate of André Kertész 2021
Ritratti in bianco e nero di André Kertész, Paul Dermée, 1927
André Kertész. Paul Dermée, 1927. The Art Institute of Chicago, dono di Nicholas e Susan Pritzker © Estate of André Kertész 2021


Questa mostra a L'Art Institute di Chicago è il primo a riunire una vasta collezione di queste creazioni, offrendo nuovi spunti sui primi anni sperimentali che hanno aiutato
stampo La pratica di Kertész. Mostrano le basi del linguaggio visivo distinto che sarebbe diventato il suo sigillo e che avrebbe influenzato innumerevoli fotografi iconici che gli sarebbero succeduti.

Fotografia in bianco e nero di André Kertész, Parigi, Torre Eiffel, 1925
André Kertész. Torre Eiffel, 1925. Proprietà familiari di Nicholas e Susan Pritzker © Estate of André Kertész 2021


Inoltre, esalta il potenziale creativo di Parigi, (allora fucina di talenti artistici d'avanguardia di tutte le discipline) una città dove ha trascorso poco più di un decennio (si è trasferito a New York City nel 1936) ma con la quale per sempre sinonimo, poiché è stato qui che ha creato alcune delle sue opere più memorabili.

 

André Kertész: Cartoline da Parigi è in mostra al Istituto d'arte di Chicago fino al 17 gennaio 2022.