Mark Kolbe / Getty immagini

Top 10 L'Australia in 10 immagini iconiche

© Mark Kolbe / immagini Getty

“Non preoccuparti che il mondo finisca oggi.
È già domani in Australia. " - Charles M. Schulz


─── di Rosie Torres, 5 aprile 2019

La fotografia fu introdotta in Australia nel 1840, ma i limiti tecnologici significavano che le immagini venivano scattate su lastre di vetro che impiegavano 12 ore per svilupparsi al sole. A quel tempo, i fotografi australiani provenivano principalmente dal US o in Europa e ha viaggiato per la nazione vendendo ritratti a chi poteva permetterselo. George Goodman, un inglese, fondò il primo studio professionale a Sydney nel 1842, dopo aver preso lezioni dal francese Louis Daguerre. Questo è stato essenzialmente l'inizio dell'aumento della domanda di fotografia in Australia e rapidamente è sbocciato in uno strumento per tutti i tipi di artisti per esprimersi.

© David Moore

1. David Moore - Migranti in arrivo a Sydney, 1966

Otto migranti si affollano attorno al binario di un transatlantico, il Galileo Galilei, che arriva al Circular Quay di Sydney nel 1966.

In 3 generazioni, le loro espressioni riflettono le emozioni contrastanti di coorti di immigrati in cerca di una vita nell'Australia del dopoguerra. Simbolo del cambiamento dell'identità nazionale, la famosa immagine di David Moore è diventata da allora un emblema del multiculturalismo australiano.

Immagine iconica e famosa dell'Australia del fotografo Rohan Kelly
© Rohan Kelly

2. Rohan Kelly - Storm Front a Bondi Beach, Sydney, 2015

Questa immagine parla da sola, dimostrando l'immenso potere della natura e il timore reverenziale che ispira nell'uomo. Rohan Kelly ha vinto il primo premio nella categoria Natura, singoli al World Press Photo Awards 2015 per la sua drammatica fotografia di una tempesta sulla spiaggia di Bondi. La nuvola faceva parte di un fronte meteorologico che ha portato violenti temporali, con i media locali che hanno riportato venti dannosi, chicchi di grandine delle dimensioni di palline da golf e forti piogge. Le nuvole a mensola sono banchi di nuvole basse spesso con superfici lisce o stratificate e basi nere e turbolente.

Un'immagine ben rappresentativa della "grandezza" del paesaggio e del potere degli elementi naturali in Australia, qui vediamo persone in piedi senza paura e sbalordite di fronte alla tempesta in arrivo.

© Max Dupain

3. Max Dupain - The Sunbaker, spiaggia del New South Wales, 1937

The Sunbaker è l'opera più famosa del fotografo australiano Max Dupain e la fotografia più famosa d'Australia. Un'immagine basso angolo, in bianco e nero della testa e degli avambracci di un uomo mentre giace su una spiaggia del New South Wales, questa immagine simboleggia la presenza del sole come forza elementare di benessere fisico e spirituale.

Da questa immagine vengono evocati i ricordi dei corpi d'armata australiani e neozelandesi abbronzati, abbastanza da dare al colpo di Dupain una risonanza nazionalista. Dupain ha posizionato la sua telecamera a livello del suolo per enfatizzare l'unità e il dominio del Sunbaker sulla terra su cui giace.

© Mervyn Bishop

4. Mervyn Bishop - Northern Territory, 1975 

Gli anni '1970 furono un'era importante per l'autodeterminazione degli indigeni in Australia. Dal 1974 in poi, Mervyn Bishop ha ricoperto la carica di fotografo del personale presso il Department of Aboriginal Affairs di Canberra. In questo scatto iconico, Bishop documenta il momento storico dell'agosto 1975, quando il primo ministro Gough Whitlam ha restituito le gesta di Wattie Creek al popolo Gurindji. L'azione fisica della terra rossa secca che cade dalla mano di Whitlam nell'anziano Gurindji e proprietario terriero tradizionale, il palmo di Vincent Lingiari, è diventata un'icona del movimento della terra nella fotografia australiana.

Gli anni di lotta sono presenti sul volto di Lingiari, ma il movimento delle due mani che si scambiano il suolo ha simbolicamente rettificato gli anni di ingiustizia per il popolo Gurinji restituendo loro le loro terre ancestrali. Mervyn Bishop è stato il primo australiano aborigeno a lavorare su un quotidiano metropolitano. Nel 1971 è stato nominato Australian Press Photographer of the year. Bishop è un membro del popolo Murri.

© Rennie Ellis

5. Rennie Ellis - At the Pub, Brisbane, 1982

Reynolds “Rennie” Ellis era un fotografo documentarista sociale che è ricordato soprattutto per le sue osservazioni sulla vita australiana. Invariabilmente merda con la sua arguzia, personalità ed empatia per il popolo australiano, le sue opere sono diventate icone di "Australiana" e ora costituiscono un importante record storico della vita australiana negli anni '1970 e '80.

Esplorando le nascenti sottoculture del tempo e la vita nelle piccole città mentre l'Australia si è sviluppata come nazione, Ellis cattura il carattere australiano per eccellenza in questo quadro spensierato "At the Pub" che dà singolarmente il tono per il resto del suo lavoro.

© JWLindt

6. John William Lindt - Boscimani e aborigeni, 1873

John William Lindt, nato a Francoforte, proveniva da un'ondata di fotografi che si erano recati in Australia determinati a documentare questa nuova, strana terra. Lindt ha scattato immagini di tableaux posate con cura nel suo studio di Melbourne negli anni '1870 dell'Ottocento. Un'immagine insolita mostra un colono che tiene una lancia e un uomo del posto che tiene un fucile e suggerisce uno scambio di culture che di solito non si vede nella storia australiana. Senza tentare di imbiancare la storia, Lindt suggeriva ottimisticamente un'unione che non riguardasse solo la cattura e l'esotismo.

Tuttavia, non bisogna dimenticare la decisione del fotografo di collocare i suoi soggetti nelle rispettive posizioni - sebbene Lindt suggerisca un'unione, il fatto che l'uomo aborigeno sia seduto ai piedi dell'uomo bianco suggerisce ancora una profonda mentalità da padrone di schiavi. Queste immagini sono reliquie artistiche estremamente importanti di un'epoca passata.

© Tracey Moffat

7. Tracey Moffat - David Gulpilil, Australia, 1985

David Gulpilil è un uomo Yolngu cresciuto nella boscaglia e istruito nei costumi del suo popolo. A sedici anni, durante le riprese del suo film australiano Walkabout, il regista britannico Nicholas Roeg "scoprì" Gulpilil mentre si esibiva in una danza tradizionale. Roeg si è ritagliato un ruolo per Gulpilil nel suo film e successivamente Gulpilil è stato scelto in più ruoli tra cui Mad Dog Morgan, The Last Wave e Crocodile Dundee.

Il ritratto di Gulpilil esemplifica i primi lavori della fotografa e regista Tracey Moffatt, il cui lavoro si concentra spesso sugli aborigeni australiani e sul modo in cui vengono intesi in termini culturali e sociali. La sua ambivalenza nell'essere classificata come un'artista indigena è in contrasto con il suo impegno per la promozione della cultura aborigena e spesso esplora questioni profonde come le ferite dell'imperialismo.

© Carol Jerrems

8. Carol Jerrems - Vale Street, Australia, 1975

Le fotografie di Carol Jerrems sono emblematiche dell'ottimismo controculturale degli anni '1970. Il suo lavoro cattura amici e conoscenti ed è emerso dal suo forte impegno per il femminismo e un più ampio cambiamento sociale.

Un'immagine per eccellenza degli anni '1970, Vale Street può essere letta sia come un documento sociologico che come un'opera d'arte del tutto soggettiva. Quando gli individui rispondono alla presenza dell'obiettivo di Jerrem, le figure si ricompongono nei loro stati naturali. Vale Street suggerisce la lotta tra relazioni di genere, sessualità adolescenziale e costumi suburbani che hanno governato l'inizio del XX secolo e sono stati ribaltati in un decennio di pensiero radicale.

Ayers Rock Immagine iconica e famosa dell'Australia del fotografo Mark Kolbe
© Marco Kolbe

9. Mark Kolbe - Uluru / Ayers Rock

Lo chiamano il cuore dell'Australia. Uluru, altrimenti noto come Ayers Rock, è una formazione rocciosa alta 348 m che domina il cuore del Red Centre australiano, un colosso all'orizzonte, geograficamente e spiritualmente il più grande punto di riferimento del paese. A causa della sua connessione spirituale con le narrazioni Dreamtime (il file Aboriginal stories della creazione), è considerata la loro montagna più sacra. Ci sono stati conflitti di interesse estremi tra il popolo Anangu ei turisti, e nel 2019 sarà implementato il divieto di scalare la montagna, in modo da mantenere sacro il punto di riferimento per le persone che hanno vissuto nella regione per secoli.

In questa immagine, Mark Kolbe ha catturato con successo Ayers Rock al suo picco più rosso. Si può capire completamente perché le persone si siano meravigliate della sua grandezza nel tempo. Imponente e stoico, parla del potere della natura ed è una cosa umiliante da vedere all'orizzonte.

© Trent Parke

10. Trent Parke - Plague of flying foxes, Northern Territory, 2004

La serie visivamente sbalorditiva di Trent Parke Minutes to Midnight è diventata una serie fondamentale nella storia della fotografia australiana. Percorrendo 90.000 km attraverso il paese per documentare la nazione, lottando per definire il suo posto nel mondo, Parke copre aree suburbane e rurali, catturando momenti bizzarri che sembrano appartenere a un'opera di finzione con la sua prospettiva radicale.

Questa immagine, che è solo un piccolo esempio del suo lavoro completo e fantastico, rappresenta la fauna unica e il ricco ecosistema australiano per cui è famosa nel mondo.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.