Bieke Depoorter

Book Review Bieke Depoorter: Sto per farla finita

© Bieke Depoorter

"Sto per chiamarlo un giorno", un titolo che denota la fatica di fine giornata che la fotografa belga Bieke Depoorter cattura nei suoi protagonisti, ci rivela il tranquillo dramma della vita familiare americana e le case in cui prospera. 


─── di Isabel O'Toole, 25 maggio 2019

In questa serie le persone reali vengono smascherate, rivelando diversi momenti di intimità, alienazione, malessere infantile e i regni che hanno costruito, in cui ritirarsi dal mondo.

© Bieke Depoorter


Nel 2008, prima di questo progetto, il fotografo belga Bieke Depoorter ha intrapreso un lungo viaggio sulla Transiberiana, attraversando sette fusi orari e collegando Mosca al Mar del Giappone. 
Armato solo della sua macchina fotografica e di una nota scritta a mano “Sto cercando un posto dove passare la notte. Conosci persone che avrebbero un letto, o un divano? Non ho bisogno di niente in particolare e ho il sacco a pelo. Preferisco non stare in un hotel, perché non ho molti soldi e perché voglio vedere come vivono le persone in Russia. Potrei restare a casa tua, forse? " si è avvicinata a estranei lungo la strada.

Creando legami transitori con le persone che le hanno permesso di entrare nelle loro case, ha costruito un'esplorazione fotografica della vita familiare di una piccola città che ha portato al suo progetto Ou Menya (Ou menya: "Con me", o "A casa mia", che in russo può anche denotare possesso, "è mio") e successiva iscrizione associata a Magnum Photos.

© Bieke Depoorter
© Bieke Depoorter
© Bieke Depoorter


Due anni dopo, un inquieto Depoorter è tornato in strada, questa volta negli Stati Uniti. Autostop da sola attraverso vari stati, racconta il suo viaggio intrecciando immagini dei paesaggi che attraversa di giorno, con immagini dei luoghi in cui trascorre le notti.

© Bieke Depoorter


Ancora una volta è riuscita a trovare un gruppo eterogeneo di persone che sono a loro agio in sua presenza, desiderose di accoglierla nelle loro case e consapevoli della natura transitoria della sua visita.

L'approccio sperimentale di Depoorter e la dipendenza dal caso si traducono in immagini empatiche che rivelano il nucleo della funzionalità familiare.

© Bieke Depoorter


Le sue foto sono sia intime che rimosse, dimostrando la sua capacità di creare fiducia con estranei. La discrezione di Depoorter l'ha resa una maestra nel catturare momenti di natura indifesa, quasi indifesa.

© Bieke Depoorter

 

“Mi piace l'atmosfera della notte, quando le persone vanno a dormire, penso che sia molto reale.
Nessuno li guarda e diventano il loro vero sé ". 

 

© Bieke Depoorter
© Bieke Depoorter


Alloggiato in un fodero di carta marrone disadorna, decorato con il titolo a grandi lettere nere, e solo un breve testo sul retro - Il libro del Depoorter è chiaramente realizzato per consentire alle foto all'interno di parlare da sole, senza l'esaustivo abbellimento letterario che molti fotografi sentono che dovrebbero dare il loro lavoro. 

Allo stesso modo questo grande formato lascia le sue foto aperte all'interpretazione; gli spettatori percepiscono l'interno di queste case come se fossero appena stati accolti, in grado di cogliere ogni minimo dettaglio con un misto di curiosità e sospetto.


“In un certo senso, un libro è molto più intimo. All'interno di quel formato, ho optato per
un puro semplicità, perché voglio dare abbastanza spazio alle foto. Ci sono pochi testi e nessun sottotitolo. I lettori sono liberi di dare alle immagini qualunque interpretazione desiderino. " - Bieke Depoorter

 

- Sto per chiamarlo un giorno pubblicato da Edizione Patrick Frey

Tutte le immagini © Bieke DepoorterMagnum Photos

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.