Bruno Barbey

Profilo Bruno Barbey:
Ritratto di un fotografo umanistico

© Bruno Barbey

Da oltre mezzo secolo l'iconico Fotografo francese di origine marocchina Bruno Barbey ha viaggiato in tutto il mondo e ha trovato la sua voce sia come artista che come esploratore. Diventare un membro di Magnum photos all'età di 25 anni, il suo lavoro è una testimonianza di 55 anni di storia e riflette la sua sensibilità e la sua insaziabile sete di sconosciuto.


─── Edward Clay, 27 dicembre 2019

Da dilettante, Barbey iniziò a scattare foto monocromatiche, come era la tendenza all'epoca, ma la vivacità e la luce del Marocco hanno indubbiamente influenzato la sua comprensione del colore che in seguito divenne un marchio di fabbrica del suo lavoro.

Ospiti da tutto il Marocco con indosso i loro abiti regionali, presenti alla celebrazione, Marrakech, Marocco, 1987, Bruno Barbey
Ospiti da tutto il Marocco con indosso i loro abiti regionali, presenti alla celebrazione, Marrakech, Marocco, 1987

Mostrando un vivo interesse per la fotografia sin dalla tenera età, Barbey è stata accettata al Ecole des Arts et Métiers a Vevey, in Svizzera, per studiare fotografia e arti grafiche. Fortemente influenzato dal progetto pionieristico di Robert Frank 'Gli americani' che ha fatto la storia della fotografia, Barbey è stato ispirato a catturare lo spirito di una nazione nel suo primo grande progetto 'Gli italiani' (1961-1964).

Guidato dall'idea che "La fotografia è l'unico linguaggio che può essere compreso ovunque nel mondo" Barbey ha deciso di interpretare la cultura e il patrimonio italiano in una serie che definisce la carriera.

Uomini che giocano a biliardo, Comune di Caltanissetta, Sicilia, 1963, Bruno Barbey
Uomini che giocano a biliardo, Comune di Caltanissetta, Sicilia, 1963
Comune di Palermo, Sicilia, 1963, Bruno Barbey
Città di Palermo, Sicilia, 1963

Il suo lavoro è stato notato da quelli in Edizioni Rencontres a Losanna che gli ha commissionato di documentare somiglianze e differenze culturali tra i paesi europei e africani.

La sua eredità mista gli ha dato una profonda comprensione del rapporto tra questi continenti. Successivamente, mentre lavorava a un'altra commissione in Brasile, Barbey ha iniziato a girare con pellicole a colori, aprendo la strada al suo utilizzo nel fotogiornalismo. A tutt'oggi sostiene che il passaggio dalla fotografia in bianco e nero a quella a colori nel 1966 è stato uno dei punti più alti della sua carriera.

Il Rio delle Amazzoni, Leticia, Amazonas, Brasile, 1966, Bruno Barbey
Il Rio delle Amazzoni, Leticia, Amazonas, Brasile, 1966
Capoeira, Salvador da Bahia, Brasile, 2007, Bruno Barbey
Capoeira, Salvador da Bahia, Brasile, 2007

Nel 1968 fu notato da Magnum photos e incaricato di documentare le rivolte studentesche che stavano seminando il caos nella nazione. Le rivolte studentesche a Parigi nel maggio '68 sono nate dall'idealismo di sinistra degli studenti universitari francesi che chiedevano "liberté, égalité, Sexualité!" (libertà, uguaglianza, sessualità) e opposizione alla guerra del Vietnam.

Le rivolte portarono a uno sciopero nazionale dei lavoratori che fermò la nazione e culminò in violenti scontri tra migliaia di studenti e la polizia. Bruno era sul campo per documentare, lavorando al fianco di alcuni dei nomi più importanti della fotografia dell'epoca. In un resoconto degli eventi epocali, Barbey ricorda: “A un certo punto sono andato con Marc Riboud e Henri Cartier-Bresson a comprare dei caschi per proteggere le nostre teste da tutte le pietre che venivano lanciate. Ci siamo subito resi conto che rendevano impossibile utilizzare correttamente le nostre Leica, quindi le abbiamo buttate via ".

Studenti in catena che passano ciottoli per le barricate, 10 maggio 1968, Parigi
I rifugiati trasformano i tubi in case nella periferia della città, India, 1971
Il palestinese Al Fatah (Movimento di Liberazione) si rilassa nel campo dopo un'operazione, Bruno Barbey
Al Fatah (Movimento di Liberazione) palestinese che si rilassa nel campo dopo un'operazione

Il coraggio incrollabile di Barbey e la priorità della fotografia rispetto alla propria sicurezza lo hanno reso in grado di coprire stories che la maggior parte dei fotografi non oserebbe; compresa la guerra dei sei giorni in Medio Oriente, la guerra del Vietnam, la Polonia durante l'era di Solidarność e la guerra in Iraq all'inizio degli anni '1990.

Eppure, nonostante abbia svolto una grande quantità di lavoro in aree di conflitto, Bruno Barbey non si considera un fotografo di guerra, sostenendo che la guerra può rendere le persone ciniche riguardo alla morte perché sono immerse in così tanti scenari crudeli. Invece preferisce che le sue immagini parlino del mondo che cambia, rivendicandolo "Fotografie per documentare per i posteri, tradizioni e culture che svaniscono rapidamente a causa del cambiamento degli atteggiamenti dei consumatori."

Palazzo industriale di Chengdu, Chengdu, 1980
Mausoleo di Moulay Ismael, Meknes, Marocco, 1985

Prendendo le distanze dagli orrori della guerra, Barbey si è recentemente concentrato sulla patria della sua infanzia, il Marocco, rivelando virtuosismo nel suo uso del colore. Ha anche trascorso molto tempo a girare in Turchia e Cina, paesi con un'identità culturale molto forte, dove i sentimenti potrebbero non essere espressi con le parole.

Dal 1992 al 1995 Barbey è stato Presidente di Magnum International, dove ha influenzato un'intera nuova generazione di fotografi Magnum. Ma la sua influenza va oltre quella degli affiliati Magnum, infiltrandosi nelle vite di fotografi di strada, fotografi documentaristi, fotoreporter e appassionati di viaggi, ognuno attratto dalla capacità di Barbey di creare composizioni ampie e complesse, piene di moltitudine.

I pellegrini si bagnano nelle acque del Lago Sacro, provincia del Rajasthan, India, 1975
Un ragazzo suona in The river of galets, Reunion, 1991

Adottare l'uso di un file Leica M2 con un obiettivo da 21 mm che gli ha permesso di scattare rapidamente senza mettere a fuoco ha conferito al lavoro di Bruno Barbey un aspetto molto particolare. Questo, unito alla sua audacia nel catturare i soggetti nel loro elemento naturale e alla sua innata comprensione colore e il tono dimostra che Barbey è un maestro del suo mestiere. Allora cosa possiamo imparare da Barbey?

- Non fermarti a chiedere il permesso, riempi il riquadro e con le sue stesse parole:

“Sconsiglio sempre le persone dall'essere fotografi a tempo pieno se hanno altri modi per fare soldi. Se vuoi davvero fare un lavoro personale, potresti fare meglio a farlo come hobby. "

 

Tutte le immagini © Bruno Barbey / Magnum Photos