Eva Arnold

Top 10 Cuba in 10 immagini iconiche

© Eva Arnold

Cuba, la "Perla delle Antille", un piccolo paese con una storia complicata. Artisti di tutte le discipline sono stati attratti dalle sue coste. Notoriamente la casa di Ernest Hemingway, che ha scritto il suo romanzo vincitore del Premio Pulitzer Il vecchio e il mare mentre residente all'Avana; Anche Sartre e Simone De Beauvoir sono stati ispirati da questa vivace nazione con tutto il suo idealismo e il suo fervore. 


─── di Isabel O'Toole, 13 marzo 2019

Cuba ha assistito a molti cambiamenti nell'ultimo secolo, nota per la sua rivoluzione e, successivamente, per la sua povertà. Tuttavia la forza vitale cubana prevale in tutte le avversità, ed è ricordata soprattutto come un'isola vibrante; caldo, vivido, brioso. Queste fotografie dipingono il ritratto di una nazione risoluta, imprevedibile da un momento all'altro.

© Alex Webb

1. Alex Webb - Bambini che giocano in un parco giochi, Havana, Cuba, 2000

Le immagini di Alex Webb dell '"isola viola", un soprannome per Cuba ispirato al ricco colore del suo suolo, presentano un coinvolgente ritratto a più strati della vibrante terra. Webb offre una visione intrigante ispirata all'esistenza di Cuba negli ultimi cinquant'anni in una bolla economica, politica, culturale ed ecologica praticamente incontaminata dal resto del mondo. L'estetica unica di Webb è immediatamente riconoscibile, suscitando molte imitazioni, ma sempre senza eguali.

Fotografia in bianco e nero Fidel Castro nella Sierra Maestra, a Cuba
© Enrique Meneses.

2. Enrico Meneses Fidel Castro nella Sierra Maestra, 1957 

Il fotografo spagnolo Enrique Meneses ha avuto il raro privilegio di fotografare la rivoluzione cubana mentre si stava svolgendo nella Sierra Maestra. Abbiamo visto tutti le immagini dei leader rivoluzionari trionfanti che celebrano la loro vittoria tra la folla dell'Avana, ma queste immagini dai campi si vedono molto meno.

In questa foto, un giovane Fidel Castro “il Robin Hood della Sierra”, si prende un momento per leggere le notizie dalla capitale in una pausa dai frequenti scoppi di combattimenti che hanno avuto luogo nella catena montuosa in quel momento. La lussureggiante catena montuosa della Sierra Maestra fungeva da quartier generale permanente per la guerra contro Batista ed era l'ultima base di guerriglia con la sua ricca vegetazione e il fogliame pesante.

Bar ragazza in un bordello, quartiere a luci rosse, Havana, Cuba 1954
© Eva Arnold

3. Eva Arnold - Ragazza del bar in un bordello, quartiere a luci rosse, L'Avana, 1954

Studiando per un breve periodo negli anni '1940 sotto la guida di Richard Avedon, la determinazione e il talento di Eve Arnold l'hanno portata a diventare la prima donna membro di Magnum Photos agenzia. Ora è ricordata per i suoi scatti intimi di celebrità come Marilyn Monroe, ma Arnold ha anche raccontato le vite dei poveri e dei diseredati, viaggiando a Cuba, Afghanistan e Russia su incarico. In questa foto Arnold è stato in grado di catturare la tranquilla solitudine di questa donna, che irradia una qualità da star nonostante fosse qualcuno che stava senza dubbio vivendo una vita dura e povera.

“Sono stato povero e volevo documentare la povertà; Mi interessava la politica e volevo sapere come ha influenzato le nostre vite; Sono una donna e volevo sapere delle donne ". - Eve Arnold

© Peter Van Agtmael

4. Peter Van Agtmael - Campo 6, Baia di Guantanamo, 2017 

Guantanamo Bay è la prigione militare più famosa e di massima sicurezza del mondo, che ospita 40 detenuti accusati di crimini contro gli Stati Uniti. Istituito sotto l'amministrazione di George W. Bush nel 2002, il presidente Obama si è impegnato a chiudere il campo durante il suo mandato, ma non ci è riuscito.

Nel gennaio 2018 il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo per mantenere il campo aperto a tempo indeterminato. Il campo è stato accusato di utilizzare metodi di tortura per recuperare informazioni dai detenuti ed è ampiamente considerato come una violazione delle leggi sui diritti umani da diverse organizzazioni per i diritti umani. Peter Van Agtmael è stato uno dei pochissimi fotografi autorizzati ad entrare e documentare la prigione. Invece di documentare i prigionieri, la sua attenzione si concentra sull'anonimato e sulla spettralità dell'istituto.

Ernesto Che Guevara, 1960 Fotografia in bianco e nero di Alberto Korda a Cuba
© Alberto Korda

5. Alberto Korda - Ernesto “Che” Guevara, 1960

Nessuna foto è più riconoscibile di questa di Alberto Korda, un fotografo di moda la cui immagine di Ernesto 'Che' Guevara è diventata così prominente come simbolo anticapitalista che si dice sia stata l'immagine più riprodotta nella storia, più del Mona Lisa o Marilyn Monroe con le sue gonne che volano.

Dall'America Latina al Vietnam, al Sud Africa e all'URSS, il volto del Che è diventato un'icona familiare per l'attivismo sociale, disseminando i muri dei dormitori e blasonato su bandiere e cartelli di protesta. Tuttavia, questa immagine ci insegna anche una grande lezione sulla mercificazione e la globalizzazione. La fotografia di Korda non ha più lo stesso potere che aveva a metà del ventesimo secolo. Un tempo simbolo di una società che lotta per l'abolizione definitiva del capitale e della disuguaglianza, il Che di Korda è stato ora convertito nella sua forma di valuta capitalista: un bel soprammobile o un portachiavi, una spilla o un poster o una maglietta turistica.

© René Burri

6. René Burri - Uomo seduto a un tavolo, Cuba, 1993

La foto più famosa di Rene Burri è l'immagine iconica di un Che Guevara pensieroso nel suo ufficio, che morde un sigaro. Burri ha descritto il famoso incontro come un combattimento di galli, dicendo "Guevara camminava nel suo ufficio come una tigre in gabbia." Tuttavia, il lavoro di Burri a Cuba è stato più ampio del suo incontro con i leader della rivoluzione.

Le sue foto hanno catturato tutti gli aspetti della vita, dalla costruzione del muro di Berlino al funerale di JFK. In questa immagine iconica, una donna balla a piedi nudi su una terrazza al tramonto, mentre un uomo guarda. Cattura il calore della sera, la libertà e l'amore per la musica che così spesso associamo a Cuba.

© Agnes Varda

7. Agnès Varda - Benny Moré si esibisce tra i carrelli dei ristoranti, 1963

"Quando sei in un posto, quello che stai facendo non può essere confuso per nessun altro - dovrebbe essere un'indicazione del paese e dell'epoca", - Agnès Varda

Parte di una serie di fotografie scattate durante la realizzazione del film saggio di Varda "Salut Les Cubains" (Hello Cubans) In questo frame vediamo Benny "El Rey" Moré, un amato tenore cubano, fa un'esibizione improvvisata per Varda tra i carretti dei ristoranti.

Incapsula perfettamente l'amore cubano per la musica e la danza che Varda aveva deciso di catturare nel suo film, e la sua energia si spegne ancora oggi. Tla sua immagine funge da reliquia di una nazione fervente e gioiosa. Il motivo per cui ha realizzato il suo film da immagini fisse è stato ispirato dall'artista e regista francese Chris Marker, ma è stato anche per evitare di trascinarsi dietro apparecchiature da 16 mm e affrontare un cattivo suono.

 

© David Alan Harvey

8. David Alan Harvey - Ragazzo di 9 anni nel 1953 Chevrolet, Camaguey, 1998

Commissionato da National Geographic negli anni '90 "Cuba: isola a un bivio "  è diventato enormemente famoso, pulsando dello spirito nazionale di una nazione in transito. Nell'immagine forse più memorabile della serie, che sarebbe diventata un'immagine di copertina per il numero di giugno 1999 della rivista te, un ragazzo si sporge dal finestrino di una Chevy e guarda con curiosità l'obiettivo di Harvey. La serie ha offerto una prospettiva fresca e moderna su Cuba, in tutta la sua vivacità.

"Una cosa che deve davvero essere chiarita è che non c'è povertà assoluta a Cuba", Ha detto Harvey. “Non troverai persone che dormono per strada o ragazzi che sembrano malnutriti. Ma non hanno molti beni materiali e ci sono molti disagi: fare la fila è quello che fai a Cuba per tutto ".

© Burt Glinn

9. Burt Glinn Civili che prendono il controllo delle strade prima che la gente di Castro arrivasse dalle colline, 1959

Burt Glinn è un maestro nel cogliere l'attimo. Mentre stava festeggiando il capodanno a una festa in New York nel 1958, si vociferava che Fulgencio Batista, il dittatore di Cuba appoggiato dagli Stati Uniti, si stesse preparando a fuggire dall'Avana perché l'esercito rivoluzionario di Castro stava avanzando verso la città. Glinn ha immediatamente colto l'occasione per entrare a far parte della storia e ha preso in prestito dei soldi dal presidente di Magnum Cornell Capa, ha preso la sua macchina fotografica e si è precipitato all'aeroporto, giusto in tempo per fare un ultimo volo.

Quando arrivò, Batista era già scappato; come ha detto Glinn, "Non puoi chiamare un taxi e chiedere al tassista di portarti alla rivoluzione." Ma era ancora in tempo per catturare alcuni dei momenti più decisivi della rivoluzione mentre si svolgevano a L'Avana e il suo documento storico Cuba 1959 si svolge come un thriller.

© Martin Parra

10. Martin Parr Cuba online: la seconda rivoluzione, 2017

Internet a Cuba non era disponibile al grande pubblico fino a poco tempo fa. Disponibile principalmente per i pochi che potevano permetterselo (un'ironia sotto il comunismo) questo era dovuto alle restrizioni del governo e al US embargo. La situazione ha cominciato lentamente a cambiare nel 2007 ma è stato solo nel 2015 che il governo cubano ha aperto i primi spot wifi pubblici.

Da gennaio 2018, ora ci sono hotspot pubblici in circa 500 località a livello nazionale, che collegano Cuba al resto del mondo. Il fotografo britannico Martin Parr documenta qui quella che chiama "la seconda rivoluzione", un'immagine cui siamo più che abituati quando entriamo nelle carrozze dei treni e nei parchi pubblici nei nostri paesi nativi. Cuba potrebbe essere stata uno degli ultimi posti ad avere accesso al web, ma questa serie mostra un panorama in rapida evoluzione; una Cuba che sapevamo sarebbe finalmente arrivata.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.