Curtis Moffat

Book Review Curtis Moffat – Società d'argento

© Curtis Moffat

Fotografo, pittore, designer di interni e di teatro, mecenate architettonico e appassionato esponente del modernismo: l'artista americano Curtis Moffat è stato senza dubbio uno degli artisti più influenti e affermati del suo tempo.


─── di Josh Bright, 6 luglio 2021

Società d'argento, una monografia di Steidl, rivela alcune delle sue opere fotografiche più avvincenti, tratte dai vasti archivi donati dalla figlia a il Victoria and Albert Museum nei primi anni 2000. Include ritratti, fotogrammi, candide 'istantanee', e selectione di immagini colori sorprendenti.

Ritratto in bianco e nero di Curtis Moffat, Ritratto Nancy Cunard, c. 1925
Nancy Cunard, circa 1925


Nato a Brooklyn, New York, nel 1887, Moffat ha trascorso gran parte della sua infanzia nel nord della Francia prima di tornare negli Stati Uniti
, dove avrebbe continuato a studiare pittura. Successivamente si trasferì a Parigi per continuare i suoi studi, Dove ha incontrato il connazionale e collega artista Man Ray, il manifesto del dadaismo e un famoso fotografo, le cui opere hanno regolarmente abbellito le pagine di Vogue e Harper Bazaar.

La coppia ha collaborato a lungo, producendo ritratti e fotogrammi (o come li chiamava Man Ray 'Rayographs' dopo il suo alias), creato non con una macchina fotografica, ma disponendo gli oggetti su una superficie fotosensibile prima esponendoli alla luce.

Fotografia in bianco e nero di Curtis Moffat. Istantanea, uomo che salta da una duna di sabbia c. 1925 - 1930
Uomo che salta dalla duna di sabbia, c. 1925-1930
Composizione astratta in bianco e nero di Curtis Moffat, circa 1925. cavalletta, insetto
Composizione astratta, 1925 circa


di Moffat
'composizioni astratte' sono stati prevalentemente concepiti usando questa, tecnica, o, attraverso leggere variazioni di esso che aveva inventato. Sebbene indubbiamente testimonianza dell'influenza di Ray (che fu una delle prime persone ad usarlo per scopi artistici e che lo trasmise al suo allievo durante il loro tempo insieme a Parigi), i Moffat sono chiaramente distinti dalle creazioni monocromatiche degli artisti più anziani.

Nelle sue mani, oggetti di uso quotidiano, a volte riconoscibili, altri tempi non sono dotati di una qualità eterea, esemplificata forse in modo più sorprendente nella sua immagine di quella che sembra essere una cavalletta, la sua forma delicata e fosforescente, usata al posto di un negativo fotografico, appare apparentemente estranea contro il dorso d'inchiostrodrop.

Composizione astratta in bianco e nero di Curtis Moffat, circa 1925. Forme, luce, fotogrammi, rayogram
Composizione astratta, 1925 circa


A metà degli anni '1920, Moffat lasciò Parigi per la Gran Bretagna, dove aprì una società di interior design e una galleria in Fitzroy Square, un ricco quartiere centrale Londra quartiere popolare tra i cittadini
Bélite dell'Ohio.

Soprannominato 'le cose giovani e luminose'  questa litania di artisti, attori, scrittori e stilisti, lo ha accolto come uno di loro e è diventato il soggetto predominante della sua ritrattistica.

Ritratto in bianco e nero di Curtis Moffat, Miss Hoffman, donna, c.1925-30
La signorina Hoffman, ca. 1925-30


Creata solitamente realizzando due pose (ognuna coprendo la metà di un negativo) una delle quali avrebbe poi scelto di ingrandire e inquadrare, per la prima volta, le stampe originali a contatto doppio negativo dei suoi ritratti sono state riprodotte ed esposte nella loro interezza, offrendo una visione avvincente del suo processo unico. 

Ritratto in bianco e nero di Curtis Moffat, Ms. Greville, donna, c.1925-30
La signora Greville, c. 1925-30
Fotografia in bianco e nero di Curtis Moffat, margherite, c. 1925-30
margherite, c. 1925-30
Ritratto in bianco e nero di Curtis Moffat, Cecil Beaton, circa 1925
Cecil Beaton, circa 1925

 

In contrasto con queste opere, le sue "istantanee" un po' meno conosciute, sono caratterizzate da un ricco dinamismo e, in molti casi, dalla capacità di trarre una resa avvincente da un soggetto apparentemente quotidiano. catturato pprevalentemente all'aperto utilizzando una fotocamera portatile di medio formato, mostrano una sagacia simile a quelli catturati dal grande 'Stret' fotografi dell'epoca, e ulteriormente affermare di Moffat raro acume e destrezza.

Ritratto a colori di Curtis Moffat, Greta Wyndham con fuochi d'artificio e ruota di Caterina, ca. 1933-35
Greta Wyndham con fuochi d'artificio e ruota di Caterina, ca. 1933-35


All'inizio degli anni '1930, iniziò a sperimentare con colore, utilizzando il complesso processo trichrome carbro (una variazione del processo al carbonio) popolare a Londra all'epoca.

Realizzate su stampe a colori originali di Moffat, o dove queste non erano reperibili, ricostruite digitalmente da negativi di separazione, le vivide immagini cromatiche in "Società d'argento" mostrano un sorprendente realismo e impartiscono uno straordinario occhio per il colore e la padronanza del processo che sottolinea ulteriormente le sue straordinarie credenziali fotografiche.

foto di copertina di Curtis Moffat: il libro della Silver Society pubblicato da Steidl
foto di Curtis Moffat: il libro della Silver Society pubblicato da Steidl


Tutte le immagini © Curtis Moffat

Curtis Moffat: Silver Society. Fotografia sperimentale e design, 1923-1935, è pubblicato da Steidl e disponibile