Frank Horvat

Profilo Frank Horvat

©Frank Horvat

"Per me, la fotografia non è solo un'arte visiva, ma qualcosa di più vicino alla poesia, o almeno a una certa poesia, come l'haiku." – Frank Horvat


─── di Josh Bright, 5 aprile 2024
  • Non fu affatto il primo fotografo a farlo, ma quando Frank Horvat portò le modelle fuori dal tradizionale ambiente dello studio e le fotografò in luoghi della vita reale, le immagini risultanti avrebbero avuto un impatto drammatico sul mondo della fotografia di moda.

    fotografia di moda in bianco e nero a Parigi di Frank Horvat
    1959, Parigi, Francia, per Jours de France, Monique Dutto all'uscita della metropolitana


    Eppure, sebbene sia forse ricordato soprattutto per queste immagini, la sua carriera è stata notevolmente diversificata, abbracciando sette decenni e comprendendo una varietà di stili.

    Frank Horvat è nato ad Abbazia, in Italia (ora Opatija, Croazia), nel 1928, da Karl Horvat, un pediatra ungherese, e sua moglie, Adele Edelstein. La famiglia, ebrea, fuggì a Lugano, in Svizzera, nel 1939, e fu lì, all'età di quindici anni, che Horvat acquistò la sua prima macchina fotografica, una Retinamat da 35 mm, che ottenne barattando la sua collezione di francobolli.

    foto di strada in bianco e nero a Londra di Frank Horvat
    1955, Londra, Regno Unito, mercato dei cani di Brick Lane
    fotografia di moda in bianco e nero a Roma di Frank Horvat
    1962, Roma, Italia, per Harper's Bazaar con Deborah Dixon
    fotografia di moda in bianco e nero a Parigi di Frank Horvat
    1959, Parigi, Francia, per Jours de France, Anna Karina a Les Halles


    Nel 1947 si trasferì a Milano per studiare arte all'Accademia di Brera prima di passare a lavorare in un'agenzia pubblicitaria e infine a lavorare come fotografo freelance per riviste italiane.

    Tuttavia, fu il suo primo viaggio a Parigi nel 1950 a rivelarsi fondamentale. Qui incontrò Henri Cartier-Bresson e Robert Capa, due luminari del fotogiornalismo, la cui influenza avrebbe plasmato il suo approccio.

    fotografia di moda in bianco e nero di Frank Horvat
    1974, Parigi, Francia, per STERN, scarpe e Torre Eiffel


    Due anni dopo, ispirato da questo incontro, ha intrapreso un viaggio attraverso l'India e il Pakistan, macchina fotografica al seguito, senza biglietto di ritorno o incarico. Questo viaggio non solo ha contribuito a gettare le basi per la sua pratica, ma ha anche dato il via alla sua carriera.

    Alcune delle immagini di questa spedizione furono pubblicate su riviste, mentre altre, tra cui una sorprendente foto di una sposa pakistana, riflessa in uno specchio mentre il suo volto veniva scoperto dal marito per la prima volta, furono presentate in una mostra al MOMA nel 1955. portando al riconoscimento e al lavoro freelance con la rivista LIFE.

    fotografia in bianco e nero di una donna in Pakistan di Frank Horvat
    1952, Karachi, Pakistan, giovane donna alla finestra
    fotografia in bianco e nero di una donna in Pakistan di Frank Horvat
    1952, Lahore, Pakistan, matrimonio maomettano, la sposa


    Stabilitosi successivamente a Londra e poi a Parigi, Horvat catturò la vita quotidiana con percettività, sensibilità e abilità, spesso utilizzando un teleobiettivo per catturare candidamente momenti intimi.

    foto di strada in bianco e nero a Londra di Frank Horvat
    1955, Londra, Regno Unito, Tower Bridge visto dal London Bridge
    foto di strada in bianco e nero a Londra di Frank Horvat
    1955, Londra, Regno Unito, Lambeth, ragazzi della boxe


    La sua incursione nella fotografia di moda è avvenuta dopo l'incontro con William Klein, che lo ha presentato a Jacques Motins, direttore artistico del mensile francese di moda Le Jardin des Modes. Applicando il suo approccio schietto e giornalistico, Horvat ha catturato modelli in contesti di vita reale per la rivista e altre pubblicazioni tra cui Vogue, ellee Harper Bazaar.

    fotografia di moda in bianco e nero a Parigi di Frank Horvat
    1958, Parigi, Francia, per Jardin des Modes, La moda in metro


    Le sue immagini sorprendenti che, a differenza di molte fotografie di moda dell'epoca, erano spesso ricche di strati e dettagli. Ha lavorato utilizzando la luce naturale e la fotocamera 35 mm preferita dai fotografi di strada, creando inquadrature dinamiche che infrangevano le regole compositive.

    Ha presentato modelli con abiti "pronto da indossare" sempre più popolari e rilassati in contesti "grintosi", mentre immagini di modelli in abiti esagerati di Haute Couture erano intrisi di umorismo, presentati in modo incongruo accanto a pendolari parigini vestiti con modestia, riflettendo La perplessità di Horvat nei confronti di un mondo in cui ha ottenuto un tale successo ma non si è mai sentito veramente a suo agio.

    fotografia di moda in bianco e nero di Frank Horvat
    1976, Parigi, Francia, Vogue Francia, prêt-à-porter
    fotografia di moda in bianco e nero di Frank Horvat
    1988, Parigi, Francia, per L'Officiel, con Carol


    Nonostante fosse una persona timida per natura, è sempre riuscito a creare intimità con le donne che fotografava. La motivazione che lo ha spinto ad acquistare la sua prima macchina fotografica in Svizzera tanti anni fa è stata quella di iniziare una conversazione con le ragazze, e forse la sua macchina fotografica è rimasta il ponte tra lui e il sesso opposto, permettendogli di creare un senso di intimità spesso assente nella ritrattistica scenica.

    Le sue immagini non si oggettivano mai; apprezzava la personalità e l'individualità delle donne che fotografava, spesso scegliendole non in base ai loro lookbook professionali, come era consuetudine, ma in base al suono delle loro voci.

    fotografie di moda a colori di Frank Horvat
    1976, Bahamas, per GLAMOUR, illustrazione per esercizi sulla spiaggia
    colore street photography a New York di Frank Horvat
    colore street photography a New York di Frank Horvat


    Ha bilanciato il suo disagio con il mondo della moda continuando a perseguire il suo primo amore, il fotogiornalismo, unendosi all'agenzia Magnum nel 1958. Nel 1962 ha viaggiato per il mondo, catturando immagini intime e belle della vita quotidiana che rappresentano alcune delle più avvincenti il tempo e presta attenzione alla composizione e alla bellezza che hanno reso le sue fotografie di moda così di successo. Tuttavia, queste immagini raramente hanno ottenuto il riconoscimento del suo lavoro commerciale.

    Nei decenni successivi lavorò costantemente nel campo della moda e della pubblicità, perseguendo allo stesso tempo progetti personali su argomenti che amava, spesso in essi colore molto prima che ottenesse un consenso diffuso. Questi progetti includevano la documentazione della vita quotidiana a New York City, ritratti di alberi e la straordinaria serie di ritratti ispirati alla pittura 'Vraies sembianze', tutti pubblicati come libri fotografici.

    fotografie di moda a colori di Frank Horvat
    1982, Kristin


    Horvat si stabilì a Boulogne Billancourt, vicino a Parigi, in Francia, negli anni '1970. Nonostante abbia perso la vista nel mirino a metà degli anni '1980, ciò non gli ha impedito di costruire il suo studio ideale: una scatola nera con finestre rivolte a nord a casa sua. Ha continuato a fotografare, sperimentando nuove tecnologie tra cui fotocamere digitali e Photoshop, ed ha anche esposto alcuni dei suoi lavori fino alla sua morte, avvenuta nell'ottobre 2020, all'età di 92 anni. Sua figlia, Fiammetta, ora gestisce il suo archivio completo, rimasto intatto nella sua casa. casa.

    Sarà ricordato come un vero gigante della fotografia di moda, un genio silenzioso il cui approccio unico ha contribuito a rimodellare il genere e continua a influenzare ancora oggi. Eppure, sempre più, sarà riconosciuto anche come un fotoreporter profondamente perspicace, che ha raccontato la vita quotidiana con profonda abilità artistica e umanesimo.


    ________

    Tutte le immagini © Studio Frank Horvat

    Lo Studio Frank Horvat ospita i suoi archivi completi, che includono la sua collezione personale esposta nella sua forma originale. Questa collezione mette in mostra 30 anni di scambi con altri fotografi, tra cui Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau, Helmut Newton, Bruce Gilden, Jane Evelyn Atwood e Josef Koudelka. Puoi trovare maggiori informazioni, incluso come visitare, sullo Studio Frank Horvat di LPI.