Gordon Parks

Book Review Gordon Parks – L'atmosfera del crimine

© Gordon Parks

Steidl ha appena pubblicato il reportage iconico di Gordon Parks sullo stato della criminalità negli Stati Uniti, un reportage del 1957 che è straordinariamente pertinente oggi.


─── di Laurence Cornet, 5 aprile 2021

Un fotografo autodidatta, Gordon Parks crebbe fino a diventare il primo afroamericano ad avere la possibilità di dirigere un film in studio nell'industria degli anni '1960 dominata dai bianchi. Avendo assistito in prima persona all'ingiustizia e alla violenza contro la sua comunità in Kansas da bambino, ha sviluppato la necessità di mostrare sofferenza e di minare i cliché contro la comunità nera

© Cortesia e copyright The Gordon Parks Foundation
Senza titolo, Chicago, Illinois, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation
© Cortesia e copyright The Gordon Parks Foundation
Senza titolo, Chicago, Illinois, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation


In un'intervista con il fotografo David Hoffman, dice, “Ho sentito il bisogno di esporre qualcosa che pensavo fosse nascosto. Non è coraggio, è un bisogno di rendere le persone consapevoli di come le persone soffrono ". Con un progetto del genere in mente, non c'è da stupirsi perché nel 1941 gli fu chiesto di unirsi alla Farm Security Administration per fare la cronaca delle condizioni sociali della nazione.

Come fotografo per Vita dal 1948 al 1972 pubblica saggi fotografici di grande impatto così ricchi di sfumature da cambiare la vita dei suoi soggetti. Nel suo reportage del 1961, “Freedom's Fearful Foe: Poverty”, ha rappresentato un ragazzo malato ma pieno di risorse, Flávio da Silva, che viveva con la sua famiglia in una delle favelas di Rio. La pubblicazione ha portato a grandi donazioni da parte dei lettori di Life, che hanno permesso a Flavio non solo di essere curato, ma di avere una vita per se stesso.

Fotografia di un agente di polizia a New York, USA durante la notte. Immagine di Gordon Parks
'Senza titolo, New York, New York, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation
Dipendenti dalle impronte digitali per la falsificazione di prescrizioni, Chicago, Illinois, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation
Dipendenti da impronte digitali per falsificare prescrizioni, Chicago, Illinois, 1957
L'immagine della mano e della sigaretta di un uomo nella prigione dell'Illinois © Courtesy The Gordon Parks Foundation
Senza titolo, Illinois, 1957 © Cortesia e copyright The Gordon Parks Foundation


Qualche anno dopo, nel 1968, Life pubblicò “A Harlem Family” di Parks, accompagnato dal commento incisivo del fotografo sulle condizioni di vita della famiglia Fontenelle, stipato in un fatiscente appartamento sulla 127esima strada, a New York. Il suo reportage ha testimoniato la desolazione della condizione umana: la modestia delle loro speranze; il fatto che dovrebbero considerarsi fortunati se anche uno dei loro figli riesce; l'odio accumulato che spinge la moglie a gettare acqua zuccherata bollente sul viso del marito perché lo zucchero appiccicoso peggiorerebbe le ferite.

Ha rivelato l'intera gamma di emozioni della famiglia, la loro lotta per mantenere la fede mentre sopportava una vita del genere, fornendo in definitiva una visione intima di un quartiere e di una nazione in mezzo ai turbolenti disordini civili che si stanno svolgendo negli Stati Uniti. L'empatia provocata dalle sue foto era così sincera che, ancora una volta, le donazioni dei lettori hanno permesso al Fontanelle di trasferirsi in una modesta casa nel Queens.

© Cortesia e copyright The Gordon Parks Foundation
© Cortesia e copyright The Gordon Parks Foundation


Steidl ha recentemente pubblicato uno degli altri notevoli saggi di Parks, pubblicato nel 1957 con il titolo "The Atmosphere of Crime". Per sei settimane, insieme al giornalista Robert Wallace, ha viaggiato negli Stati Uniti da costa a costa, da nord a sud, seguendo la polizia durante le loro operazioni, visitando centri di detenzione e persino una camera della morte, nel tentativo di ritrarre la criminalità. Rifiutando la narrativa dominante del crimine, Parks ha usato di nuovo la sua macchina fotografica come attivista e difensore di chi è socialmente e politicamente ostracizzato.

In questo libro splendidamente stampato e completamente contestualizzato, le fotografie di Park vengono pubblicate come lastre, insieme all'articolo originale di Life (inclusi testo e pubblicità), nonché lunghi saggi di curatori e un avvocato di interesse pubblico. Puntuale, data l'attuale ondata di proteste che chiedono giustizia razziale, il libro ci permette di mettere in prospettiva la documentazione sfumata di Parks con l'uso che è stato fatto delle sue immagini nell'America degli anni '1950. Le sue fotografie mirano infatti a fare da contrappunto all'allora rappresentazione stereotipata della violenza: i neri come membri di bande e consumatori di abbondanti quantità di droghe condannati da poliziotti bianchi di buona volontà.

vista dalla finestra di New York Street di Gordon Parks
Senza titolo, New York, New York, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation
ombra di un agente di polizia con una pistola in una strada di New York. Immagine di Gordon Parks
Sospetto di crimine con pistola, Chicago, Illinois, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation


Nelle fotografie di Parks, riusciamo piuttosto a cogliere la realtà sociale del crimine, suscitato dalla povertà e dall'angoscia. “Per Gordon Parks, la situazione dei poveri urbani e delle persone che si presumeva pericolose rappresentavano qualcosa di più della degenerazione e della criminalità. Dove gli editori di Life vedevano minaccia e minaccia, Parks vedeva sofferenza, lotta, disperazione e paura ", Bryan Stevenson, direttore esecutivo della Equal Justice Initiative, scrive nel suo saggio introduttivo.

Le sue immagini puntano senza scusarsi sulla violenza della polizia e su un certo sfruttamento dell'autorità, espresso in gesti del corpo e sguardi sprezzanti. Alcuni interni accennano anche all'estrema povertà, come se si stesse invitando a cambiare la fonte del problema piuttosto che le sue conseguenze. In una nota del 1968, Parks scrisse in Life: "Mi stufo di sentire tutte queste persone, anche i negri, chiedere: 'Perché quelle persone si ribellano?' Il mio progetto personale era di mostrare loro il motivo. "

Detective delle incursioni, Chicago, Illinois, 1957 © Gordon Parks
Detective delle incursioni, Chicago, Illinois, 1957 © Courtesy The Gordon Parks Foundation


L'articolo pubblicato su Life, pur descrivendo con dettagli raccapriccianti il ​​tipo di crimini ai quali i due cronisti hanno assistito lavorando alla vicenda, invita anche ad una riflessione che è ancora oggi molto valida. "Fino all'uguaglianza ci sarà sangue", scrisse allora Wallace. E chiedere se la legge è giusta per ogni criminale. E, come osserva la curatrice del MoMA Sarah Hermanson Meister nel suo saggio, "le conclusioni di Wallace secondo cui il pregiudizio razziale è un elemento inestricabile della narrativa e che la colpa è di coloro che stanno facendo e applicando le leggi, continuano a suonare vere".

L'ombra di un uomo in macchina a New York, USA. Immagine di Gordon Parks
New York, NY, 1957 © per gentile concessione della Gordon Parks Foundation
fotografia del libro The Atmosphere of Crime pubblicato da Steidl
Vista interna di Gordon Parks: The Atmosphere of Crime. © Cortesia Steidl
fotografia del libro The Atmosphere of Crime pubblicato da Steidl
Vista interna di Gordon Parks: The Atmosphere of Crime. © Cortesia Steidl


Passando attraverso il libro delicatamente stampato, si capisce chiaramente il contributo di Parks a questa conversazione, così come alla narrativa del crimine. E questo, attraverso il suo documentario compassionevole e il suo uso del colore. Tecnica rara per Parks, il colore distilla un'atmosfera cinematografica, evocando inevitabilmente l'industria di Hollywood e come anch'essa abbia contribuito a uno stigma duraturo.


Gordon Park, L'atmosfera del crimine è c
o-pubblicato da Steidl con la Gordon Parks Foundation e il Museum of Modern Art

Tutte le immagini © La Gordon Parks Foundation

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.