Tenuta di Guy Bourdin

Profilo Guy Bourdin

© Guy Bourdin Estate

Un artista il cui stile distinto è immediatamente riconoscibile, l'uso del colore, della cornice e della forma di Guy Bourdin è altamente unico e assolutamente sorprendente.


─── di Rosie Torres, 4 gennaio 2021

Ampiamente considerato aver cambiato per sempre il volto della fotografia di moda, la voce innovativa e il lavoro visionario del fotografo francese Guy Bourdin non sono più visti esclusivamente nel contesto della fotografia commerciale, ma sono ben stimati negli annali delle belle arti contemporanee.

Donna con fiori Fotografia a colori di Guy Bourdin
Vogue Francia, 1977


La prima infanzia di Bourdin è stata tormentata dalla rottura dopo la separazione dei suoi genitori. Cresciuto nelle cure dei nonni, comunicava con sua madre solo tramite telefono nelle cabine telefoniche della Brasserie di proprietà dei suoi nonni a Parigi.

Bourdin ha condotto un'infanzia tranquilla nella solitudine della propria immaginazione, lasciando casa a diciotto anni per intraprendere un tour in bicicletta della Provenza, dove ha incontrato il mercante d'arte Lucien Henry. Mentre alloggiava con Henry per 6 mesi, Bourdin si dedicò alla pittura e al disegno fino a quando non fu il momento di iniziare il servizio militare obbligatorio.

Vogue Homme, giugno / luglio 1977


Introdotto per la prima volta alla fotografia mentre era di stanza a Dakar nel 1948-1949 per lavorare nell'Air Force, dopo aver completato il suo servizio Guy Bourdin si mantenne con lavori umili ma continuò a dipingere nel suo tempo libero. Incuriosito dal lavoro dei surrealisti, in particolare il prodigioso Man Ray, che lavorava con il mezzo fotografico, Bourdin ha cercato di diventare il suo protetto.

Cercando il mentore di Man Ray presentandosi non invitato alla sua porta e venendo allontanato dalla moglie (non meno di sette volte), Bourdin alla fine ebbe successo nell'ottava occasione quando l'artista stesso aprì la porta e lo invitò a entrare. Bourdin riuscì conquistando la fiducia di Man Ray e successivamente scrivendo il catalogo per la sua prima mostra nel 1952.

Guy Bourdin Autoritratto nello studio di Man Ray, Parigi, 1953 Fotografia in bianco e nero
Autoritratto, 1953


Portando chiaramente le influenze del suo mentore, con una particolare propensione a rappresentare gli aspetti sinistri ed erotici della vita quotidiana, i primi lavori di Bourdin dimostrano il suo interesse per le riprese da angolazioni sperimentali, qualcosa che sarebbe diventato un tropo distintivo nei suoi lavori successivi.

Charles Jourdan, luglio 1978
Guy Bourdin Charles Jourdan, aprile 1974 Fotografia a colori
Charles Jourdan, aprile 1974

I primi scatti di Bourdin furono esposti in Vogue nel 1955 ed è in questo stesso periodo che stringe amicizia con il contemporaneo Helmut Newton, che ha anche girato molto per la rivista.

Ogni artista ha motivato e galvanizzato l'altro, impegnandosi in una sana competizione e generando un lavoro straordinario che alla fine ha dato il tono per ciò che sarebbe diventata la fotografia di moda. Riflettendo sulla loro relazione, Newton una volta osservò: "Se fosse stato solo o io fossi stato solo non avrebbe funzionato."

In quanto tali, il loro lavoro si completa molto a vicenda, riprendendo corpi femminili contorti, scenari tinti di un elemento surrealista e impiegando l'uso di oggetti di scena, luci dure, colori vivaci e puro melodramma. Bourdin ha continuato a lavorare per Vogue fino a 1987.

Francese Vogue, Marzo 1972


Tra il 1967 e il 1981, Bourdin ha prodotto alcuni dei suoi lavori più memorabili sotto l'impiego del designer di scarpe Charles Jourdan, che è diventato essenzialmente il suo mecenate. Il suo lavoro per Jourdan impiegava composizioni antropomorfe, narrazioni suggestive ed esplorava i regni tra l'assurdo e il sublime. La sua estetica surreale è stata consegnata con umorismo tagliente ed è stata sempre attesa con impazienza dai media.


“Non mi sono mai percepito come responsabile delle mie immagini.
Sono solo incidenti. Non sono un regista, semplicemente un agente del caso "

Charles Jourdan, 1978


Bourdin ha cercato di trascendere la realtà del mezzo fotografico, nonostante si impegnasse con gli elementi formali della composizione. Data la completa libertà creativa, Bourdin ha catturato l'immaginazione di un'intera generazione.

Sapere istintivamente come catturare l'attenzione dello spettatore, l'insolito stories suggeriti nelle sue fotografie stimolano l'immaginazione del pubblico. Integrato con un'estetica di colori iperrealistici, l'interazione di luci e ombre e l'erotismo smorzato, Bourdin ha reinventato gli standard di bellezza, oltre a rivalutare i costumi sociali. Le sue interruzioni visive richiedevano risposte cerebrali e si avvicinava sempre al prodotto che avrebbe dovuto pubblicizzare come un semplice elemento banale all'interno di uno spettacolo teatrale.

Guy Bourdin Fotografia a colori per Charles Jourdan, primavera 1977
Charles Jourdan, primavera 1977
Guy Bourdin Fotografie a colori per il francese VogueParigi, 1971
Francese VogueParigi, 1971


Nel 1985, Bourdin è stato offerto il Grand Prix National de la Photographie dal Ministero della Cultura francese, tuttavia, credendo che fosse auto-indulgente, rifiutò educatamente. Nonostante ciò, il suo nome viene mantenuto nell'elenco dei vincitori, e nel 1988 ha accettato l'International Center of Photography's infinito Award (presentatogli da Annie Leibovitz a New York) per la sua campagna pubblicitaria Chanel. 

Le sue immagini lunatiche e seducenti saranno ricordate come cambiando il corso di fotografia di moda per sempre, e la sua inesorabilità e passione per il medium rendono la sua eredità creativa davvero immensa.


Tutte le immagini © The Guy Bourdin Estate 2021

Per gentile concessione di Galleria Louise Alexander

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.