Hannah Reyes Morales

Profilo Hannah Reyes Morales

© Hannah Reyes Morales

"Quando si tratta di fotografia, dico sempre, una bella storia ci porta in un posto in cui non siamo mai stati". - Hannah Reyes Morales


─── di Josh Bright, 12 gennaio 2022

La nostra 2022 Visual Storytelling Award è ora aperto alle iscrizioni e sarà giudicato dalla fotoreporter filippina Hannah Reyes Morales, il cui lavoro eccezionalmente percettivo trasmette l'umano stories dietro ad alcune delle criticità del nostro tempo.

Talap Zamanbol, 14 anni, è visto con Bazarbai Dinismal, un parente più giovane che si allena per diventare falconiere a Bayan Ulgii, in Mongolia. Fotografia a colori di Hannah Reyes Morales dalla serie "Eagle Hunters"
Dalla serie "Cacciatori di aquile"


Nata e cresciuta a Manila, ha scoperto il potere di visual storytelling in tenera età quando si imbatté in alcune copie polverose di National Geographic e il Tempo, che apparteneva a sua madre. Sebbene all'epoca fosse troppo giovane per capire il testo, le immagini che vide generarono una risposta damascena e le fecero interessare il mondo in un modo incomparabile con altri mezzi. 

Da quel momento, ha capito che voleva "impegnarsi con il mondo" e che era la telecamera che sarebbe stata il suo canale.

Dalla serie "Season of Darkness" di Hannah Reyes Morales. Treno che attraversa i bassifondi della città nelle Filippine.
Dalla serie "La stagione delle tenebre"
Un ragazzino tocca un fiore di gumamela che sua sorella ha raccolto da terra. Vivono in un caseggiato a Manila dove sono avvenute molte morti per droga. Fotografia documentaria a colori di Hannah Reyes Morales, dalla serie "Season of Darkness". Visual Storytelling
Dalla serie "La stagione delle tenebre"


"Sono sempre stato interessato alla fotografia, ma penso di essermi innamorato di essa quando ho capito che poteva esserci qualcosa di più della bellezza: la sua capacità di far pensare, connettere, empatizzare, curare le persone".

MARAWI, FILIPPINE. 8 GENNAIO. Un soldato viene visto nella Grande Moschea, distrutta durante l'assedio di Marawi. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales, dalla serie 'Marawi'
Dalla serie "Marawi"
Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales, dalla serie "Shelter from the Storm". due prostitute si truccano. Le Filippine
Dalla serie "Rifugio dalla tempesta"
Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales, dalla serie "Shelter from the Storm".
Dalla serie "Rifugio dalla tempesta"


Ha continuato a studiare comunicazione vocale presso l'Università delle Filippine, Diliman, e contemporaneamente ha completato uno stage presso l'Agenzia fotografica per la stampa europea, coprendo le notizie quotidiane nella sua terra natale. Poco dopo, ha ricevuto una borsa di studio da National Geographic e tutoraggio con la famosa fotoreporter Erika Larsen.

Che si tratti di fotogiornalismo o documentazione sociale, dal mezzo inizio, grandi fotografi hanno cercato di trasmettere stories attraverso il loro lavoro. As con questi eminenti antenati e, in effetti, con alcuni dei suoi contemporanei più affermati (come Larson, o giudice del nostro 2021 Visual Storytelling award, Nichole Sobecki) La pratica di Morales è saldamente radicata nell'umanesimo. Cerca di trasmettere ciò che spesso è complesso stories dei suoi compatrioti, emarginati, oppressi e senza voce.

I detenuti vengono visti dormire vicino a una piccola grotta di Maria nella prigione della città di Manila a Manila, nelle Filippine, il 31 ottobre 2018. Dalla serie "Manila City Jail", fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales
Dalla serie "Manila City Jail"


"Penso che un fotografo per creare un impatto significativo, dovrebbe considerare profondamente le persone e i luoghi davanti alla sua fotocamera e chiedersi perché sta scattando le fotografie e per quale motivo. Trovo che i fotografi che creano il maggior impatto siano quelli che considerano costantemente i loro "soggetti" e si sono presi il tempo necessario per assicurarsi che la loro voce faccia parte delle immagini che creano".

Dalla serie "Marawi". Due studentesse che rimuovono il gesso dalla lavagna, a Marawi, nelle Filippine. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales
Dalla serie "Marawi"
Elizabeth Navarro, incinta di 9 mesi, siede accanto alle bare del suo partner, Domingo Manosca, e di suo figlio Francis, 6 anni, mercoledì 14 dicembre 2016 a Metro Manila, nelle Filippine. Entrambi sono stati fucilati in casa e sono tra le migliaia che sono morte nella sanguinosa "Guerra alla droga" del presidente Rodrigo Duterte. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales.
Dalla serie "La stagione delle tenebre"


Gravita intorno a coloro che, secondo lei, possiedono una "certa resilienza", individui "che mostrano come l'amore, la gioia e la tenerezza possano esistere nelle avversità". I suoi diversi soggetti includono sopravvissuti alle atrocità commesse dall'esercito giapponese durante la seconda guerra mondiale; le lavoratrici del sesso nella città di Angeles, molte delle quali hanno lasciato le loro case rurali, per sfuggire alla povertà più assoluta, causata in parte da disastri naturali; detenuti della famigerata e intensamente sovraffollata prigione di Manila City (molti dei quali attenderanno il processo per mesi o addirittura anni).

Unendo scatti spontanei, ritratti, paesaggi e sottili minuzie, crea un lavoro onesto e intimo che è allo stesso tempo viscerale e tenero.

Zaijan Villaruel riposa al tramonto dopo aver pescato con suo padre Norberto a Bataan, nelle Filippine. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales. Dalla serie "Ninne nanne viventi"
Dalla serie "Ninne nanne viventi"
Dalla serie "Ninne nanne viventi". Famiglia, figli, madre. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales
Da "Ninne nanne viventi"
L'acqua recuperata ha danneggiato le foto di laurea delle sorelle filippine Jojo (a sinistra), Gemma (in basso a destra) e Joanne (in alto), nella loro casa nelle Visayas. Dalla serie, 'Shelter From the Storm' Fotografia del documentario di Hannah Reyes Morales
Dalla serie "Rifugio dalla tempesta"


La sua pratica offre una prospettiva sfumata e spesso rivelatrice alla sua terra natale, priva di preconcetti che a volte possono ispirare il lavoro di fotoreporter estranei e quindi cementare ulteriormente narrazioni pervasive. Eppure, anche quando lavora a livello internazionale, conserva la stessa veridicità e percezione.

Uno dei suoi progetti preferiti (descrive il processo per realizzarlo come "abbastanza magico") ritrae il nomadi Altai kazaki che risiedono nelle profondità delle vette aspre della Mongolia occidentale e, in particolare, il loro amore per l'antico mestiere della caccia all'aquila. Mostra gli stessi rari attributi che definiscono le altre sue opere e testimonia la sua prodigiosa percettività e talento.

Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales, dalla serie 'Eagle Hunters'. Haidar Huanjol, 47 anni e Talgat Ersultan, 15 anni, vengono fotografati mentre si recano al Festival dell'Aquila d'Oro a Bayan Ulgii, in Mongolia, dove più di 100 cacciatori di aquile si sono riuniti per competere
Dalla serie "Cacciatori di aquile"


“Quali sono le sfide più grandi che ho affrontato finora nella mia carriera? – Immagino di imparare a fidarmi della mia stessa voce e di imparare a fidarmi di poter fotografare ciò che ritengo interessante o ciò che ritengo importante. Mi ci è voluto un po' per affermarmi invece di cercare di emulare uno sguardo che non era il mio”.

Nel corso della sua carriera ancora relativamente fiorente, il suo lavoro è stato pubblicato in pubblicazioni e piattaforme rinomate come Il Washington Post, il New York Times, National Geographice Al Jazeera, per citarne solo alcuni. Ha ricevuto una miriade di awards e riconoscimenti, tra cui la SOPA 2016 award per l'eccellenza nel reportage digitale (per il suo lavoro nella serie Outlaw Ocean per Il New York Times) e il ICP 2020 Infinito Award per la pratica documentaria e il giornalismo visivo. Attualmente fa parte di Programma 6X6 di World Press Photo ed è stato di recente selecta cura di Premio Nobel per la Pace per presentare una mostra sul lavoro della giornalista filippina, vincitrice del 2021, Maria Ressa.

Dalla serie 'Roots From Ashes' Dalla serie, ritratto di coppia di anziani. Fotografia documentaria di Hannah Reyes Morales
Dalla serie "Radici dalle ceneri"


Il lavoro di Morales si pone come un esempio del potere comunicativo della fotografia; la sua capacità di muovere, ispirare e, in definitiva, influenzare il cambiamento. È, quindi, una giurata adatta per il nostro annuale Visual Storytelling Award, in cui noi spero di identificare alcuni dei più eloquenti autori fotografici di oggi. 


"Spero di vedere immagini sorprendenti, conoscere fotografi impegnati e vedere in modo diverso attraverso gli occhi degli altri".  

 

Tutte le immagini © Hannah Reyes Morales

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.