Helen Levitt

Profilo Helen Levitt

© Helen Levitta

“Se fosse facile parlarne, sarei uno scrittore.
Dato che sono inarticolato, mi esprimo con le immagini ".  - Helen Levitt


─── di Rosie Torres, 23 ottobre 2020

Le fotografie di Helen Levitt ci forniscono uno sguardo sul furore e sulla rapidità della vita in New York dagli anni '30 agli anni '80. Raccontando mezzo secolo di vita per le strade della città, l'occhio lirico di Levitt rivela la giocosità al centro dell'interazione umana nella metropoli.

 

New York, 1972 © Helen Levitt
New York, 1972


Helen Levitt è nata a Bensonhurst, Brooklyn nel 1913 e ha iniziato a scattare all'età di 18 anni. È stata in gran parte ispirata dal fotografo più acclamato dei suoi tempi, Cartier-Bresson, e dopo che i due hanno avuto la fortuna di incontrarsi nel 1935, ha acquistato un 35 millimetri Leica e ha iniziato a vedere la fotografia come qualcosa di più di un semplice hobby.

È stata immediatamente attratta dai giochi dei bambini per le strade di Brooklyn e ha documentato voracemente i loro disegni a gessetto.

New York, 1940


Alcuni anni dopo, nel 1938, ebbe un incontro e una revisione del portfolio con Walker Evans, al quale mostrò le sue foto dei disegni a gessetto dei bambini.

Hanno immediatamente stretto un'amicizia e spesso si accompagnavano a vicenda nelle passeggiate per la città, con Evans che diceva retrospettivamente che gli unici fotografi lui "Sentito aveva qualcosa di originale da dire erano Cartier-Bresson, Helen Levitt e se stesso."

New York, 1981


Levitt era cresciuto in una famiglia di immigrati ed era quindi profondamente consapevole della disuguaglianza sociale e razziale che era diffusa a New York City.

Catturando la diversità nelle strade, sperava di abbattere le ingiustizie, dimostrando che i bambini di ogni estrazione avrebbero giocato insieme, ignari del mondo diviso e tormentato dalla criminalità che li circondava.

New York, 1971 © Helen Levitt
New York, 1971
New York, 1972 © Helen Levitt
New York, 1972


Nota per le sue immagini spontanee che catturano la cruda realtà dei quartieri popolari con fantasia teatrale, gli interessi di Levitt risiedono chiaramente nei momenti di malizia sui marciapiedi, in idee che rifiutano i precedenti stabiliti dei suoi predecessori; quelli che suggeriscono che una singola immagine potrebbe catturare un'intera verità.

Ritratto della metropolitana, New York, 1982 © Helen Levitt
Ritratto della metropolitana, New York, 1982


Un vero pioniere di Street PhotographyLevitt ha trasformato molte convenzioni del genere suggerendo che le immagini sono aperte e parlano di cose fuori dall'inquadratura. Le sue immagini mostrano un occhio vagabondo sicuro e solitario, il cui amore per la fotografia non era limitato dalla forma o dalla teoria. 

Le opere di Levitt apprezzano tutti gli abitanti della strada, dalle personalità voraci alla disperata ricerca del loro momento sotto i riflettori agli scatti tendaggi più timidi, incorniciati negli infissi in pietra arenaria.

Ritratto della metropolitana, New York, 1978 © Helen Levitt
Ritratto della metropolitana, New York, 1978


Nata a Brooklyn, il discreto stile di ripresa di Levitt le permette di ritrarre persone assorte nei rituali della vita quotidiana, apparentemente inconsapevoli della sua presenza. La fama di Levitt potrebbe non essere arrivata a lei durante la sua vita, ma il suo lavoro ha indubbiamente plasmato il genere di street photography stesso, con molti che cercavano di emulare i momenti autentici che Levitt era un maestro nel catturare. 

Sebbene il suo lavoro si estenda al genere del documentario sociale, Levitt è stata profondamente influenzata dal movimento surrealista ed ha esplorato le realtà immaginate dei bambini nel suo lavoro. Le sue foto parlano di fantasia al di là di ciò che viene raffigurato, concentrandosi spesso su bambini immersi nel loro mondo di finzione.

New York, 1939 © Helen Levitt
New York, 1939
New York, 1940


Levitt è diventato noto come New York
"Visual poet laureate", fornendo una comprensione lirica di ciò che la circonda, libera da stereotipi o giudizi. Sebbene fosse spesso una voyeur, le sue immagini cercano di umanizzare i suoi soggetti in tutta la loro integrità disparata. Si è anche occupata del mondo del cinema dove è stata una delle prime pioniere del movimento d'avanguardia di New York.

New York, 1971-74 © Helen Levitt
New York, 1971-74


“Sarebbe sbagliato supporre che una qualsiasi delle migliori fotografie sia ottenuta per intelligenza; è come tutta l'arte, essenzialmente il risultato di un processo intuitivo, che attinge a tutto ciò che l'artista è piuttosto che a qualsiasi cosa pensi, molto meno teorizza. "

Il lavoro di Levitt rimarrà immediatamente identificabile da quei momenti di dramma, umorismo, grazia e sorpresa, scoperti nei luoghi più inaspettati.

 

Tutte le foto © Helen Levitt
Cortesia Galleria Laurence Miller