Evelyn Hofer

Top 10 L'Irlanda in 10 immagini iconiche

© Evelyn Hofer

"Il cuore di un irlandese non è altro che la sua immaginazione"
George Bernard Shaw


─── Josh Bright, 17 novembre 2020

L'amalgama irlandese di antiche tradizioni e paesaggi mozzafiato, così come il suo passato complesso e, a volte instabile, ha attirato alcuni dei più grandi di tutto lo spettro fotografico verso le sue aspre coste; le immagini che hanno catturato testimoniano l'enigmatica bellezza e l'essenza unica dell'isola di smeraldo.

Irlanda - Martin Parr - Glenbeigh Races, 1983
© Martin Parr / Magnum Photos

1. Martin Parr - Glenbeigh Races, 1983

Il terzo libro di Martin Parr, Una bella giornata, è un affascinante ritratto della vita nell'Irlanda occidentale durante i primi anni '1980. L'immagine di copertina, come per il resto della serie, è interamente monocromatica, in contrasto con l'estetica dai colori vivaci, a volte sgargianti, del suo lavoro abituale; nonostante ciò, conserva ancora l'eccentricità giocosa per la quale è rinomato. Traboccante di giustapposizione, Parr presenta una società in graduale transizione verso la modernità, anche se in cui tradizioni profondamente radicate rimangono centrali nella vita di tutti i giorni.

Harry Gruyaert - Irlanda West Coast 1988
© Harry Gruyaert / Magnum Photos

2. Harry Gruyaert - Costa occidentale dell'Irlanda 1988

Rinomato per il suo uso innovativo del colore che è stato determinante per la vittoria del premio Kodak nel 1976, il fotografo belga Magnum, Harry GruyaertLa rappresentazione della costa occidentale dell'Irlanda, fa parte della sua Rivages serie, che documenta i luoghi del mondo in cui la terra incontra l'oceano.

Un'immaginessolutamente accattivante che incarna la bellezza selvaggia della regione e in effetti dell'Irlanda nel suo insieme, il suo uso distintivo del colore è evidente sia nei toni pastello della biancheria che nel verde lussureggiante dell'erba, mentre l'oceano apparentemente sconfinato si dissolve la distanza finché non diventa indistinguibile dal cielo.

Dorothea Lange - Irish Country People, 1954
© Oakland Museum of California / The Dorothea Lange Collection

3. Dorothea Lange - Irish Country People, 1954

Dorothea Lange è stata senza dubbio una delle più grandi fotografe di sempre; le sue potenti rappresentazioni dell'America dell'era della depressione catturarono lo zeitgeist del periodo e da allora in poi influenzarono notevolmente la fotografia documentaria. Ha visitato l'Irlanda alla fine del 1954, su incarico da Rivista di vita, il suo soggetto, le umili comunità agricole delle remote pianure occidentali del paese. Il saggio fotografico risultante, "Gente di campagna irlandese'esemplificato in questo ritratto accattivante, rappresenta alcune delle sue opere migliori, incarnando sia il sorprendente candore che la straordinaria abilità artistica per cui è rinomata.

Evelyn Hofer - Dublin Sky 1966
© La tenuta di Evelyn Hofer

4. Evelyn Hofer - Dublin Sky 1966

Pochissimi fotografi nella storia hanno catturato l'essenza di una città alla maniera di Evelyn Hofer, l'enigmatica fotografa tedesca che, nel corso della sua impressionante carriera, ha viaggiato per il mondo fotografando i suoi paesaggi e le sue persone. 

Forse la più bella rappresentazione della capitale irlandese mai creata, Dublin Sky, è tipico del lavoro di Hofer, possedendo una qualità simile alla pittura indicativa del suo interesse per il mezzo e un'elegante compostezza che ha definito il suo approccio.

Irlanda Fotografia - Henri Cartier Bresson - Ippodromo di Thurles, 1952
© Henri Cartier Bresson / Magnum Photos

5. Henri Cartier Bresson - Ippodromo di Thurles, 1952

Henri Cartier-Bresson, il padre del fotogiornalismo, considerato da molti il ​​più grande fotografo di tutti i tempi, visitò l'Irlanda nel 1952 su incarico di Harper Bazaar e ha viaggiato in tutto il paese, catturando la vitalità della vita irlandese con una brillantezza che caratterizzava il suo lavoro. La sua immagine che ritrae gli spettatori a una corsa di cavalli (uno sport per il quale l'Irlanda ha un'eredità orgogliosa e leggendaria), nella contea di Munster, è forse la più iconica, esemplificando la sua capacità di trasmettere l'essenza di una scena in un'unica immagine.

Irlanda del Nord, The Bogside, Londonderry 1971 © Don McCullin
Don McCullin

6. Don McCullin - The Bogside, Londonderry, 1971

Durante la sua eccezionale carriera, il fotoreporter britannico Don McCullin ha catturato le complessità della guerra con notevole onestà, esemplificata nelle immagini dei guai che ha affrontato durante l'incarico per il Sunday Times Magazine in 1971.

Pubblicata come la prima di una sequenza di tre immagini, questa è senza dubbio una delle più profonde, il contrasto tra i soldati pesantemente armati e il giovane solitario, brandendo il bastone, racchiude in sé la natura alquanto paradossale del conflitto.

Irlanda - Inge Morath - Famiglia zingara, Killorglin, 1954
© Inge Morath / Magnum Photos

7. Inge Morath - Famiglia zingara, Killorglin, 1954

Proprio come Cartier-Bresson, con il quale ha lavorato come apprendista durante la prima parte della sua carriera, Inge Morath era, in fondo, una fotografa umanista e rimane una delle figure più influenti nella storia del mezzo.

Scrittrice e linguista di talento, ha viaggiato molto durante la sua carriera, stringendo stretti rapporti con i luoghi che ha visitato attraverso la sua assoluta immersione nella cultura locale. Nel 1954 viaggiò in Irlanda e trascorse gran parte del suo tempo a Killorglin, una piccola e remota città nella parte occidentale del paese e un luogo permeato di antiche tradizioni gaeliche. È stato qui che ha catturato questa straordinaria immagine di una famiglia di viaggiatori locali, forse la più iconica del gruppo mai creato, e che incarna la sincerità e la maestria che hanno caratterizzato il suo lavoro.

Phillip Jones Griffiths - Soldato visto attraverso lo scudo, 1973
© Philip Jones Griffiths / Magnum Photos

8. Phillip Jones Griffiths - Soldato visto attraverso lo scudo, 1973

"Da Goya nessuno ha mai ritratto la guerra come Philip Jones Griffiths"
- Henri Cartier Bresson

Rinomato per le sue immagini di guerra oneste e compassionevoli, il fotoreporter gallese Phillip Jones Griffiths si concentrava invariabilmente sul costo umano, esemplificato nelle sue straordinarie immagini dell'Irlanda del Nord durante l'apice dei problemi. La sua rappresentazione di un soldato britannico, il suo volto oscurato che appare come un fantasma attraverso il suo scudo antisommossa pesantemente graffiato, è senza dubbio uno dei suoi più avvincenti e funge da simbolo profondo e cupo del conflitto.

Irlanda - Kim Haughton - White Horses, 2011
© Kim Haughton

9. Kim Haughton - White Horses, 2011

Il boom economico che ha travolto l'Irlanda dall'inizio degli anni '1990 è stato notevole, trasformando il paese da uno dei più poveri d'Europa a uno dei più ricchi. Durante questo periodo, sono stati costruiti migliaia di nuovi complessi residenziali, ma, nel 2008, la recessione globale ha colpito, causando livelli vertiginosi di disoccupazione e portando a un'emigrazione di massa. Di conseguenza, molti degli sviluppi furono lasciati vuoti e divennero noti come proprietà fantasma, simboli inquietanti della crisi economica. 

Nel 2010, la pluripremiata fotografa irlandese Kim Haughton ha documentato in lei queste case vuote e spesso non finite Shadowlands e sebbene l'economia irlandese da allora si sia stabilizzata e la maggior parte delle case siano ora occupate, questa immagine impressionante serve da preoccupante promemoria della fragilità del sistema finanziario globale.

Martine Franck - Tory Island, Irlanda, Donegal 2000
© Martine Franck / Magnum Photos

5. Martine Franck - Tory Island, Donegal 2000

Una figura importante all'interno del movimento umanista, la fotografa di Magnum Martine Franck, ha trascorso la sua vita viaggiando per il mondo, documentando coloro che vivono ai margini. Nel 1993, è stata costretta a visitare Tory Island, la regione abitata più remota d'Irlanda, selvaggia e scarsamente popolata, ma ricca di cultura e tradizione. È tornata nel 1997 e di nuovo nel 2000, quando ha catturato la costa frastagliata delle isole durante una tempesta. Un'immagine suggestiva, ricca di contrasti monocromatici e di eccezionale composizione, caratteristiche tipiche del lavoro di Franck; è emblematico sia della tempestosa bellezza delle isole, sia dello spirito ribelle della sua gente.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari