Issei Suda

Book Review Issei Suda: "78"

© Issei Suda

Da Tokyo alle prefetture circostanti, un libro recentemente pubblicato da Chose Commune svela il sorprendente mondo del maestro della fotografia giapponese, immerso nell'energia urbana e nell'osservazione giocosa delle persone che la distillano.


─── Laurence Cornet, 1 agosto 2019

Le fotografie a carboncino di Daido Moriyama che ritraggono schiettamente la vita urbana hanno impresso una firma nella fotografia giapponese. Iscrivendoti presto alla rivista Provoke, Moriyama ha contribuito a definire quella che era ormai considerata la nuova espressione fotografica, insieme a tanti artisti della sua generazione. Tuttavia, la scena della fotografia giapponese è molto più complessa e diversificata, compresi fotografi come Masahisa Fukase e Issei Suda, entrambi i quali hanno sperimentato e documentato senza sosta con la loro macchina fotografica.

Ritratto in bianco e nero di una giovane ragazza in Giappone di Issei Suda
Takasaki, Gunma, 1978 © Issei Suda Works / Chose Commune


Mentre Suda è morto pochi mesi fa, è partito con una promessa a Cecile Poimboeuf-Koizumi, co-fondatrice di Edizioni Chose Commune, per pubblicare un libro della sua opera meno conosciuta. Prolifico com'era, la sua casa sta sprofondando sotto scatole di archivi che Poimboeuf-Koizumi ha attentamente esplorato, mettendo insieme una selezione che disegna un ritratto di Tokyo e dei suoi dintorni tanto quanto del fotografo stesso.

Il risultato è stato pubblicato di recente, con la qualità di stampa a cui ci ha abituato l'editore, mettendo in luce la maestria della luce di Suda.

ritratto in bianco e nero di una donna anziana che cammina a Tokyo, Giappone. Fotografia di Issei Suda
Asakusa, Tokyo, 1974 © Issei Suda Works / Chose Commune


Scorrendo le fotografie, l'attenzione al movimento è sorprendente. Ogni personaggio catturato da Suda sembra al centro di una coreografia, sia individualmente che come gruppo di corpi che interagiscono tra loro. Una vecchia signora così curvo dagli anni che sembra inchinare sul pavimento; gruppi di amici che camminano per le strade i cui corpi sono frammentati in parti indipendenti dalla luce; capelli arrotolati dal vento che riecheggiano il pettine di piume dell'uccello seduto sulla spalla di una donna. I gesti sono così vividamente espressivi che sembrano posti.

La sequenza del libro - intitolato “78” come riferimento sia al numero di fotografie che raccoglie sia all'età in cui è morta Suda - sottolinea questo aspetto del lavoro del fotografo. Anche oggetti statici come dipinti murali, ombrelli, alberi e carretti si uniscono alla danza. Senza dubbio Suda ha affinato questa sottile abilità all'inizio della sua carriera, nel 1967, lavorando come fotografo di scena e documentarista del gruppo teatrale d'avanguardia “Tenjo Sajiki”, una compagnia diretta dal poeta-drammaturgo Terayama Shuji.

Ritratto in bianco e nero di tre ragazzi a Tokyo, in Giappone, di Issei Suda
Nishinippori, Tokyo, 1979 © Issei Suda Works / Chose Commune


Addestrato anche sui palcoscenici del teatro, l'occhio di Suda per i costumi è accattivante. Per molti anni ha viaggiato in Giappone di festival in festival per documentare le tradizioni folcloristiche prima che scomparissero. E quando era per le strade della sua città, portava la stessa attenzione agli accessori. In questo libro, si dipanano toccando la portata del variegato tessuto sociale di Tokyo: la giacca macchiata di vernice dell'operaio, il kimono di seta della signora elegante, l'abito con volant della studentessa, il grembiule della cuoca, i pantaloncini del pescatore, l'abito di tweed dell'uomo d'affari. Combinati con i movimenti, gli abiti rivelano la vera natura degli incontri casuali di Suda. Il loro atteggiamento e l'ambiente circostante si fondono per raccontare una storia unica: non sono stereotipi ma individui nel modo più intrigante.

due donne che camminano per le strade del Giappone con una scimmia. Fotografia di Issei Suda
Kanuma, Tochigi, 1973 © Issei Suda Works / Chose Commune


Nonostante la loro precisione, le fotografie di Suda non sono mai pretenziose. Essi
rendere l'ordinario, punteggiato da un mistero che potrebbe anche essere la generosità e la curiosità del fotografo stesso. Questo accenno alla straordinaria è ciò che rende le fotografie di Suda così accattivanti. Mentre danno il senso di un'epoca - la maggior parte delle fotografie della selezione sono state scattate negli anni '1970 a Tokyo e nei dintorni della capitale -, le immagini cristallizzano scene che altrimenti sarebbero passate inosservate, proprio quel momento in cui schemi e gesti formano un'altra immagine.

ritratto in bianco e nero di una donna e un uomo di Issei Suda
Ueno, Tokyo, 1975 © Issei Suda Works / Chose Commune


Rifiutando con cura dall'inquadratura tutto ciò che ritenga superfluo e suscettibile di deviare dalla notevole essenza dei suoi soggetti, Suda improvvisa con il teatro di tutti i giorni. Tanto che a volte sembrano scherzosi: un uomo che chiacchiera a una finestra, la testa coperta dalla tenda come se si nascondesse; fratelli che usano foglie grandi come cappelli oversize; mani che passano bicchieri, tazze e pentole come in un trucco illusionistico; un fattorino con un mazzo di fiori grande quanto la sua bicicletta.

 I fiori, che servono anche come motivo per la copertina del libro, potrebbero essere visti come un riferimento alla prima serie personale di Suda, "Fûshi Kaden", che letteralmente significa "la trasmissione del fiore dello stile di recitazione"."E si riferisce a un processo teatrale che consiste in la creazione di una nuova apparizione attraverso l'atto performativo. 

Ritratto in bianco e nero di due ragazzi in Giappone di Issei Suda
Ueno, Tokyo, 1974 © Issei Suda Works / Chose Commune


Perdendoci nelle visioni insolite di Suda della vita quotidiana, inquadrando la realtà per farla sembrare stranamente insolita, si può solo pensare che si sia appropriato del concetto alla fotografia e lo abbia sviluppato durante tutto il suo lavoro.

 

Issei Suda / Editions Chose Commune
Libro disponibile per l'acquisto qui.

Tutte le immagini © Issei Suda