Jacob Aue Sobol

Profilo Jacob Aue Sobol: Amore nell'ombra

© Jacob Aue Sobol

 “Quando fotografo, cerco di usare il più possibile il mio istinto. È quando le immagini sono sconsiderate e irrazionali che prendono vita; che si evolvono dal mostrare all'essere. "  - Jacob Aue Sobol 


─── di Edward Clay, 14 gennaio 2019

Il fotografo danese Jacob Aue Sobol ha sviluppato uno stile espressivo e un po 'abrasivo della fotografia in bianco e nero che si concentra sulla ricerca dell'amore in ambienti difficili, ma evidenzia la ricerca dell'accettazione e dell'universalità delle emozioni umane.

La famiglia Brito Gomez. La Pista, Guatemala, 2005 © Jacob Aue Sobol


Nata a Copenaghen, Danimarca, nel 1976, Aue Sobol ha studiato formalmente all'European Film College, poi è stata ammessa alla scuola di Fatamorgana in Danimarca, un college famoso per i suoi insegnamenti progressisti e sperimentali nella fotografia.

È stato qui che Aue Sobol ha sviluppato il suo ormai famoso stile fotografico, che alla fine ha portato Magnum Photos per riconoscere il suo talento e reclutarlo in agenzia.

Mosca, 2012 © Jacob Aue Sobol
Mosca, 2012 © Jacob Aue Sobol
Arrivi e partenze, Siberia, 2015 © Jacob Aue Sobol
Arrivi e partenze, Siberia, 2015 © Jacob Aue Sobol


Il lavoro di Aue Sobol è stato guidato dal desiderio di trovare la luce nell'oscurità. Vivendo il trauma e il dolore che derivano dalla morte di un genitore nella prima adolescenza, Aue Sobol ha detto della morte improvvisa di suo padre
“È stato un periodo traumatizzato pieno di oscurità e paura. Una volta capito che ero in grado di isolare le mie emozioni e comunicarle attraverso le mie immagini, mi sono sentito come se avessi trovato un'abilità che era unica e che volevo esplorare ulteriormente ".

Senza titolo # 8, Tiniteqilaaq, Groenlandia, 1999-2002 © Jacob Aue Sobol
Senza titolo # 8, Tiniteqilaaq, Groenlandia, 1999-2002 © Jacob Aue Sobol


Il desiderio di Aue Sobol di trovare la luce nei momenti di ombra e dubbio lo ha portato fino ai confini più remoti del pianeta. Immergendosi completamente nelle culture che è venuto a documentare, il suo lavoro trascende i limiti del reportage o del documentario tradizionale, spesso incapsulando un elemento personale e soggettivo della vita mentre si svolge silenziosamente.

Nel 1999 andò a vivere a Tiniteqilaaq sulla costa orientale della Groenlandia e successivamente vi trascorse i successivi tre anni, lavorando come pescatore e fotografando la vita quotidiana dei cittadini. Fu in Groenlandia che si innamorò di una donna del posto e alla fine pubblicò un libro intitolato Sabine, che ha raccontato la loro vita insieme in questo periodo. Sabine è stato successivamente nominato per il Premio Deutsche Börse Photography 2005.

Ritratto in bianco e nero a Ulaanbaatar, Mongolia, 2012, di Jacob Aue Sobol
Ulan Bator, Mongolia, 2012 © Jacob Aue Sobol


Il lavoro su larga scala di Aue Sobol è iniziato nel 2005, in Guatemala, dove ha viaggiato per realizzare un documentario sul primo viaggio verso l'oceano di una giovane ragazza Maya. È stato nel 2006 che ha incontrato la famiglia indigena Gomez-Brito, una famiglia di Ixil Maya che vive vicino al villaggio di Nebaj in una remota regione montuosa, inaccessibile agli estranei fino ai tempi moderni.

I Maya di Ixil mantennero a lungo le loro credenze tradizionali e il modo di vestire e ha lavorato su piccoli appezzamenti di terreno che appartenevano alla loro famiglia da generazioni. Accogliendolo nelle loro vite, la famiglia Gomez-Brito ha successivamente permesso ad Aue Sobol di stare con loro per un mese e raccontare la storia della loro esistenza quotidiana. Questa serie ha vinto il World Press Photo Award nella categoria Vite quotidiane lo stesso anno.

Un cacciatore e la sua slitta trainata da cani catturati da una tempesta di neve. Tiniteqilaaq, Groenlandia, 2000 © Jacob Aue Sobol
Un cacciatore e la sua slitta trainata da cani catturati da una tempesta di neve. Tiniteqilaaq, Groenlandia, 2000 © Jacob Aue Sobol


A seguito di queste esperienze coinvolgenti, Aue Sobol si è recata a Tokyo per lavorare per i prossimi due anni, creando una serie che è culminata nella monografia
Io, Tokyo. La serie ha documentato il ventre di una metropoli luminosa, combattuta tra modernità e tradizione. Questo libro è stato awarded il Leica European Publishers Award nel 2008 e pubblicato a livello internazionale.

Ragazza della Yakutia, Road of Bones, Siberia, 2015 © Jacob Aue Sobol
Ragazza della Yakutia, Road of Bones, Siberia, 2015 © Jacob Aue Sobol
angkok, 2008 © Jacob Aue Sobol
Bangkok, 2008 © Jacob Aue Sobol


Dopo Tokyo, Jacob ha realizzato una monografia intitolata
Dal fiume dei re- una registrazione delle persone e dei luoghi lungo il fiume principale che attraversa Bangkok. Successivamente ha iniziato a fotografare lungo la ferrovia Transiberiana e poi ha trascorso i successivi 5 anni a fotografare la remota provincia russa della Yakutia. Ha anche lavorato a progetti a lungo termine negli Stati Uniti e in Danimarca e si è concentrato sulle coppie in tutto il mondo per tutta la sua vita lavorativa.

Thailandia, Bangkok, 2008 © Jacob Aue Sobol
Thailandia, Bangkok, 2008 © Jacob Aue Sobol


"Per me la fotocamera è sempre stata uno strumento per trovare e rappresentare l'amore al punto che è diventata un'ossessione. Quanto posso avvicinarmi a un amore che si sente vero nelle mie immagini? " - Jacob Aue Sobol


Il lavoro di Aue Sobol è visivamente emozionante, privo della morbidezza che inizialmente si associa all'intimità, ma comunque potente. Il suo lavoro ci insegna l'importanza di avere un'affinità con un luogo, di formare connessioni personali con i tuoi soggetti e di sforzarci di incapsulare sentimenti piuttosto che fatti.

La famiglia Brito Gomez. La Pista, Guatemala, 2005 © Jacob Aue Sobol
La famiglia Brito Gomez. La Pista, Guatemala, 2005 © Jacob Aue Sobol


Aue Sobol ha detto di se stesso:
“Sebbene io sia una persona timida e inibita tra gli estranei, non desidero essere un estraneo. Sono un essere umano sociale e la mia fotografia è un gesto sociale; Tendo la mano al mondo circostante e alle persone che incontro ".

Questo "gesto" è visceralmente evidente nel suo lavoro, un lavoro che sembra come se il fotografo non fosse presente, o almeno facesse parte dell'ambiente circostante, soggetti totalmente a loro agio in sua presenza o inconsapevoli della macchina fotografica.


* NB: Jacob Aue Sobol è La giuria: della competizione del 2019 Black & White Fotografia Award attualmente aperto per le iscrizioni.


Tutte le immagini © Jacob Aue Sobol

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.