Jake Michaels

Book Review Jake Michaels - 1950 circa

© Jake Michaels

Settanta presenta c.1950 di Jake Michaels, un ritratto profondamente avvincente dei mennoniti del Belize.


─── di Josh Bright, 22 marzo 2022

I mennoniti sono membri di gruppi cristiani nati dall'anabattismo (un movimento radicale emerso durante la riforma protestante nel XVI secolo). A causa della persecuzione dei cattolici e di altre sette protestanti e del loro forte impegno per il pacifismo, hanno una lunga storia di emigrazione e oggi esistono comunità mennonite in tutto il mondo.

Foto di pellicola a colori di Jake Michaels, famiglia mennonita, Belize dal libro c.1950


I primi mennoniti arrivarono in Belize, allora chiamato Honduras britannico, nel 1958 dal Messico. Le differenze teologiche sono state le questioni principali che hanno portato al loro trasferimento e, l'abbondanza di terra e un accordo con il governo del paese,
che includeva l'esenzione dal servizio militare e il diritto di istituire scuole private dove le lezioni sarebbero state impartite nella loro lingua principale, inteso in Belize, avevano l'autonomia per vivere la vita che bramavano.

Foto su pellicola a colori di Jake Michaels, ritratto del ragazzo mennonita Belize dal libro 1950 circa
Foto su pellicola a colori di Jake Michaels, ritratto di Mennoniti, Belize


Nel corso degli anni, al gruppo originario si sono aggiunti mennoniti provenienti da vari paesi più a nord, e oggi si stima che siano in numero di 12,000. Continuano a vivere in comunità esclusive e conservano gran parte delle loro pratiche e usanze tradizionali, dalla lingua plautdietsch agli abiti distinti. Evitano in gran parte il richiamo delle invenzioni moderne, favorendo il trasporto arcaico e metodi di agricoltura secolari nella loro ricerca di una vita "semplice"; uno radicato nella tradizione, nel lavoro e nella famiglia.

Pellicola a colori foto di Jake Michaels, ritratto di donna mennonita e bambini dal libro c.1950


Michaels, originario di Los Angeles, si interessò ai mennoniti del Belizia, raramente documentati, diversi anni fa e successivamente fu mandato a fotografarli per un articolo sul New York Times. Le immagini che ha catturato avrebbero costituito le basi per un progetto più approfondito, che alla fine avrebbe portato alla pubblicazione della sua monografia di debutto.

È, nelle sue stesse parole, un progetto che "incapsula" la sua attenzione all'interno della fotografia: 'una miscela di cultura, luce e luogo.' Libero da narrazioni preconcette, il suo approccio è schietto e schietto, raffigurando il gruppo mentre affronta la propria vita quotidiana.

Foto in pellicola a colori di Jake Michaels, ritratto di adolescenti mennoniti del Belize, dal libro 1950 circa


Il profilo crescente di Michaels è guidato dalla sua rara capacità di trasformare momenti spesso apparentemente innocui della vita quotidiana in immagini profondamente assorbenti. Questa percettività innata, unita all'occhio perspicace di un documentarista, qui genera qualcosa di poetico e di descrittivo allo stesso tempo.

Foto su pellicola a colori di Jake Michaels, ritratto del ragazzo mennonita Belize dal libro 1950 circa
Foto su pellicola a colori di Jake Michaels, ritratto di mennoniti in Belize dal libro 1950 circa


Ma per l'occasionale elemento incongruo (in particolare, gli smartphone, uno dei pochi elementi della tecnologia moderna che il gruppo si permette di utilizzare), per uno spettatore ignaro, questo corpus di lavori potrebbe facilmente essere l'inizio di alcuni primi coloristi piuttosto che quella di un praticante moderno. Ciò è naturalmente, in parte, dovuto alla natura dell'argomento, poiché poco è cambiato nello stile di vita dei mennoniti del Belize da quando sono arrivati ​​nel paese più di sei decenni fa.

Foto in pellicola a colori di Jake Michaels, ragazze mennonite che giocano, dal libro 1950 circa


Tuttavia, è anche grazie alla sua impressionante comprensione della luce e al suo occhio pittorico per colore, distillato e attualizzato nei frame analogici di medio e grande formato. Le sfumature sobrie, emulsionate con il sole iridescente dell'America centrale, possiedono una qualità pittorica, che ricorda i rendering Kodachrome di quegli iconici pionieri della cromaticità.

È un debutto impressionante e profondamente avvincente. Presentato magnificamente da Setanta, come si addice al contenuto, comunica in modo articolato l'austerità irresistibile dello stile di vita dei protagonisti e, quindi, realizza enfaticamente l'ambizione di Michaels.

Foto su pellicola a colori di Jake Michaels, cielo, sole, nuvole Belize dal libro c.1950


“Nonostante le sfumature moderne, la famiglia e la tradizione legano questa comunità e il loro modo di vivere è ampiamente preservato. La loro semplice visione della società fornisce al resto di noi uno specchio: ci si meraviglia di più del ritmo con cui le nostre vite stanno cambiando piuttosto che di come le loro rimangano le stesse. Spero che il 1950 circa ci ricordi che sono gli esseri umani a creare il loro mondo sociale basato su una visione condivisa, e un altro è sempre possibile. –
Jake Michaels (Estratto dal 1950 circa)

c.1950 è disponibile per l'acquisto tramite Settanta

Tutte le immagini © Jake Michaels