Kineo Kuwabara

Top 10 Il Giappone in 10 immagini iconiche

© Kineo Kuwabara

Famosa per gli artisti che hanno perfezionato l'arte di "Are-Bure-Boke" - grezza, sfocata e granulosa, la fotografia dal Giappone è spesso caratterizzata dalla sua atmosfera underground e dall'essenza sperimentale.


─── di Isabel O'Toole, 1 ottobre 2019

Non sono solo i marchi iconici di fotocamere come Nikon, Canon, Fuji, Mamiya, Pentax e Contax che hanno messo il Giappone sulla mappa per quanto riguarda la fotografia, ma l'isola ha prodotto alcuni dei fotografi più innovativi, all'avanguardia e all'avanguardia. nel mondo intero. 

© Eikoh Hosoe

1. Eikoh Hosoe - Yukio Mishima, Ordeal di Roses # 32, 1961-1962

Yukio Mishima era un autore, poeta, drammaturgo, attore, regista e nazionalista giapponese il cui lavoro mescolava estetica moderna e tradizionale, rompendo i confini culturali concentrandosi sulla sessualità, la morte e il cambiamento politico. Nel 1970 ha formato una milizia di destra, chiamata il Tatenokai, che ha inscenato un tentativo di colpo di stato cercando di prendere il controllo di una base militare giapponese per ispirare i soldati a ripristinare i poteri prebellici dell'Imperatore, in conformità con la concettualizzazione della sovranità di Mishima. Quando fallì, Mishima commise pubblicamente il suicidio rituale di giapponese seppuku (Stesso-sventramento). Il tentativo di colpo di stato divenne noto come il "Mishima Incident".

Un decennio prima, Eikoh Hosoe era stato incaricato di fotografare il famoso scrittore, su richiesta personale di Mishima. "Barakei - Killed by Roses" sarebbe diventato uno dei più famigerati libri fotografici del 20 ° secolo, inserendo Mishima in scene surrealiste per reinventare la sua immagine pubblica.

© Werner Bischof

2. Werner Bischof - Sacerdoti shintoisti del tempio Meiji, 1951

Werner Bischof, che è stato ammesso Magnum Photos nel 1949 trascorre la maggior parte della sua carriera in Asia. Mentre fotografava la vita monastica nel tempio Meiji a Tokyo, ha catturato questo scatto iconico. L'edificio sullo sfondo è un santuario shintoista dell'imperatore Meiji, una figura importante nella storia giapponese, che ha contribuito a far entrare il paese nell'era moderna istituendo riforme educative, sociali e governative. Un risultato del suo governo ha portato a legami più stretti con l'Occidente. La religione shintoista riverisce il mondo naturale e l'immagine di Bischof di questa delicata tempesta di neve evoca i principi spirituali dei loro insegnamenti che deificano elementi come il vento e la neve come spiriti sacri del defunto.

© Nobuyoshi Araki

3. Nobuyoshi Araki - Colourscapes, 1991

Facilmente il fotografo più controverso del Giappone, Araki si è fatto un nome raffigurando i suoi soggetti, principalmente donne, in pose suggestive, spesso legati e nudi. A causa delle leggi sull'oscenità in Giappone che censurano genitali e peli pubici, il lavoro di Araki è stato spesso confiscato o bandito dalle autorità giapponesi. Sfumando i confini tra arte e sfruttamento, Araki è salutato sia come un'icona della liberazione sessuale che come un pervertito.

Il prolifico artista ha pubblicato oltre 500 libri fotografici nel corso della sua carriera ed è noto soprattutto per le sue immagini in bianco e nero di donne in schiavitù. Tuttavia, il suo successivo viaggio nel mondo del colore ha immediatamente dimostrato che la forza creativa di Araki non era limitata alla monocromia. Allo stesso modo, i suoi paesaggi di colore esplorano i temi del sesso e dei tabù sociali.

© Masahisa Fukase


4. Masahisa Fukase - Solitude of Ravens, 1977

Fukase divenne famoso come fotografo all'indomani della seconda guerra mondiale e la sua serie più famosa, Ravens, è stato quindi letto occasionalmente come un commento all'ombra proiettata sulla nazione dopo la sua sconfitta nella guerra. Eppure questo corpus di opere, che allude al Corvo come presagio di tempi oscuri, ha qualità astratte che gli consentono di essere letto in una moltitudine di modi. Ne ha parlato lo stesso Fukase Ravens come un soliloquio che riflette il suo lamento personale per la perdita della moglie. Considerata dagli storici della fotografia come una delle serie più importanti di foto giapponesi, Ravens le immagini inquietanti sono senza tempo e continuano a presagire e ispirare il pubblico oggi.

© Kohei Yoshiyuki

5. Kohei Yoshiyuki - The Park, 1971-1973

Mentre Kohei Yoshiyuki passeggiava in un parco una notte nel 1971, inciampò involontariamente in gruppi di uomini e donne che copulavano tra i cespugli. Questa passeggiata a tarda notte sarebbe diventata uno dei corpi più seminali del lavoro nella storia della fotografia giapponese, risultando Il Parco, una storia di lussuria che prende vita di notte, un'intera società sotterranea di amanti e corpi che si contorcono avvolti nell'oscurità.

La serie di Yoshiyuki è caratterizzata da figure spettrali in bianco, guardoni che sembrano apparizioni. Catturando la solitudine e la disperazione che possono tormentare le persone che vivono in una metropoli come Tokyo, questa serie elettrizzante è resa ancora più forte dall'uso di pellicola a infrarossi e flash di Yoshiyuki, che si traduce in un effetto negativo granuloso e bruciato.

Daido Moriyama - Intrattenitore sul palco, Shimizu Giappone 1967
© Daido Moriyama

6. Daido Moriyama - Entertainer on Stage, Shimizu 1967

Moriyama, forse la più grande esportazione internazionale della fotografia giapponese, ha utilizzato la fotografia per documentare la dissoluzione dei valori tradizionali giapponesi durante la modernizzazione accelerata del Giappone del dopoguerra. Lo stile distinto di Moriyama è caratterizzato dalla sua grana pesante e dal contrasto elevato, e i suoi soggetti sono spesso quelli che vivono ai margini della società, persone che secondo lui rappresentano il caos dell'esperienza urbana. Il suo lavoro è dinamico e incarna l'idea giapponese di 'Wabi-sabi'- l'estetica di trovare la bellezza nell'imperfezione. La sua attenzione per ciò che è perduto e ciò che è scartato non fa che rafforzare il suo chiaro intento di trovare un significato in ogni piccola cosa apparentemente insignificante che gli si rivela.

Shomei Tomatsu - Takuma Nakahira, Giappone, 1964
© Shoei Tomatsu

7. Shomei Tomatsu - Takuma Nakahira, 1964

Shomei Tomatsu è stato forse il fotografo più influente del dopoguerra. Ha introdotto lo stile "are, bure and boke", che significa grezzo, sfocato e granuloso, nel mondo della fotografia giapponese, uno stile a cui i fotografi giapponesi sono rimasti fedeli, anche oggi. La sua rottura con il sobrio formalismo che all'epoca era prevalente nell'arte giapponese ha reso la sua eredità ancora più drammatica.

Tomatsu è noto per aver fortemente influenzato altri della sua generazione, tra cui Daido Moriyama, nonché i fondatori del seminale Rivista Provocare; Takuma Nakahira, Yutaka Takanashi, Kōji Taki e Takahiko Okada che erano stanchi di provare la disillusione di un decennio di proteste e sconvolgimenti infruttuosi.

Bruce Gilden - Due membri della Yakuza, Asakusa, Giappone, 1998
© Bruce Gilden

8. Bruce Gilden - Due membri della Yakuza, Asakusa, 1998

“Mi sentivo a mio agio a scattare quelle foto. Alcune delle persone che ho fotografato potrebbero essere o non essere Yakuza, e non sapevo se lo fossero o non lo fossero. Ho scattato le foto perché mi sentivo a mio agio ... Non hanno nemmeno chiesto, erano fantastici. "

Per mezzo decennio, tra il 1995 e il 2000, l'anticonformista Magnum Bruce Gilden ha fotografato la cultura urbana giapponese, camminando per le strade per scoprire il vero ventre dietro la facciata educata della società giapponese. Cercando di sollevare i giapponesi "Maschera di uniformità", Gilden fotografa i senzatetto, operai, Bozozuku (bande di motociclisti) e Yakuza (la mafia giapponese.) Le sue foto, pubblicate nel libro Go, sono immaginiudaci e invadenti in bianco e nero, i classici Gilden nella loro oscura e surreale ferocia. Il suo approccio inimitabile è evidente nella spinta e nella scomoda vicinanza di ogni immagine, anche quando si riprende personaggi famosi come la Yakuza.

© Mao Ishikawa

9. Mao Ishikawa - Le donne di Okinawa

Allievo di Shômei Tômatsu, Ishikawa era una scuola d'arte drop da Okinawa, un'isola nel mare della Cina orientale. Okinawa, che fu occupata dagli americani dal 1975 al 1977, aveva una grande base militare dove erano segregati i soldati GI. Ishikawa ha fotografato le vite delle sue amiche, che spesso lavoravano in questi bar segregati. Le immagini di questi spensierati ventenni e dei loro fidanzati, i soldati dell'esercito nero che frequentavano i bar, mostrano un lato di Okinawa che contrasta nettamente con le tensioni di divisione dell'isola.

Kineo Kuwabara - Stazione di Ueno, Tokyo, Giappone, 1936
© Kineo Kuwabara

10. Kineo Kuwabara - Stazione di Ueno, Tokyo, 1936

Considerato il "ritrattista" di Tokyo, le tranquille e belle foto di Kineo Kuwabara dipingono la metropoli in una luce quasi serena. Reso famoso da Araki, amico di lunga data e super fan, Kuwabara ha esposto per la prima volta il suo lavoro alla mostra "Ti amo Tokyo" nel 1993. Sia professore che storico della fotografia, le foto di Kuwabara sono uno studio ponderato di terreni complessi, risalenti ai primi giorni della modernizzazione.


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari