Jim Richardson

Profilo Jim Richardson

©Jim Richardson

“I paesaggi sono il palcoscenico su cui si svolge la vita.” – Jim Richardson   


─── di Josh Bright, 2 novembre 2023
  • Jim Richardson, stimato fotografo americano e nostro giudice Premio Paesaggio 2023 (iscrizioni aperte fino a fine mese) ha dedicato decenni della sua vita a raccontare alcuni dei più importanti fenomeni ambientali stories del nostro tempo. Come uno di National Geographic'S fotografi più influenti, Richardson ha lasciato un segno indelebile nel mezzo, catturando alcune delle immagini di paesaggi più avvincenti degli ultimi decenni.

    Fotografia di Jim Richardson. Erica e montagne in Scozia
    Mar Lodge Estate, Parco nazionale di Cairngorms, Scozia.


    La passione di Richardson per la fotografia è nata durante i suoi anni formativi nella fattoria di famiglia in Kansas. Ricorda, essendo a 'ragazzino timido e solitario a cui non piacevano particolarmente le mucche, e così, invece, ha riempito gran parte del suo tempo con vari hobby e interessi, tra cui, dall'età di circa 11 anni, la fotografia.

    Durante questo periodo, suo padre guidava spesso a lungo fino in Texas per consegnare le uova dalle fattorie locali e lungo la strada visitava i banchi dei pegni per trovare l'attrezzatura fotografica per suo figlio. Da una di queste visite venne fuori una Zeiss Ikoflex che sarebbe diventata la prima macchina fotografica di Jim, mentre un ulteriore colpo di fortuna portò alla scoperta di un kit per camera oscura, che Jim installò nella loro cucina.

    Fotografia di Jim Richardson. Primo piano di cavalli sulla spiaggia.
    Isola di Muck, Isola di Muck, Scozia. Cavalli sulla spiaggia di Isle of Muck Farms
    Jim Richardson. Copertina di National Geographic 2004 Magazine
    Copertina di National Geographic Magazine 2004 Mostra l'incendio notturno in un ranch di Kansas Flint Hills.
    Jim Richardson. Copertina di National Geographic 2004 Magazine
    Le Orcadi neolitiche erano presenti National Geographic. Le pietre erette di Stenness in copertina.


    In quei primi anni cominciò a fiorire anche il fascino di Richardson per i paesaggi naturali. Oltre ai suoi interessi fotografici per gli animali domestici, la microbiologia (grazie al suo microscopio), i temporali e le corse di go-kart, la ricchezza dello scenario naturale intorno a casa sua occupava un posto di rilievo nel suo primo repertorio.

    “Ho sempre avuto la sensazione che la terra potesse parlarmi stories per raccontare la loro genesi e formazione e la storia che li ha plasmati. Ho imparato presto il valore di uscire nei boschi, sedermi, stare in silenzio e ascoltare.

    Fotografia di paesaggio di Jim Richardson. Montagne nel Parco Nazionale dei Cairngorms in Scozia.
    L'erica ricopre le colline del Parco Nazionale dei Cairngorms in Scozia.
    Fotografia di Jim Richardson. Un cowboy che roping cavalli nel Nebraska, Stati Uniti
    I cavalli in cordata per i giorni lavorano in un ranch nelle Sandhills del Nebraska.
    Fotografia di Jim Richardson. Persone che fanno il bagno nel Gange, in India
    Bagno reverenziale nel fiume Gange all'alba, Varanasi, India.


    Tuttavia, il suo primo progetto significativo era incentrato sulle persone, piuttosto che sui paesaggi. Ha lasciato la sua specializzazione in psicologia alla Kansas State University durante l'ultimo anno per diventare un fotografo a tempo pieno per pubblicazioni studentesche e, successivamente, per un quotidiano locale. Il Topeka Capital-Journal. Fu durante questo periodo che completò il suo celebre progetto sugli studenti delle scuole superiori della città di Rossville. Catturata nel corso di tre anni e pubblicata nel 1979, "High School USA" offre un'affascinante finestra sulla vita nelle piccole città americane di quell'epoca, ed è ora considerata una delle serie fotografiche americane seminali del suo tempo.

    Sebbene Richardson abbia continuato a creare stories incentrato sulle persone nel corso della sua carriera - incluso un progetto lungo quattro decenni che mostrava la vita nella piccola città di Cuba nel suo stato d'origine - i paesaggi naturali sarebbero sempre stati la sua musa ispiratrice più importante.

    Villaggio costiero e tramonto in Scozia. Fotografia di paesaggio di Jim Richardson
    Villaggio costiero di Pennan, Scozia - Questo minuscolo villaggio ha solo una fila di case e rappresenta i nativi scozzesi spinti ai confini dell'era celtica.


    “I fotografi spesso pensano ai paesaggi solo come a una categoria della fotografia. Ma la terra stessa ne ha altro stories per raccontare, di forze monumentali in lotta per il destino della creazione, di violenza catastrofica alternata a pazienza senza tempo, di angoscia così come di bellezza. La fotografia di paesaggio riguarda tanto l'imparare a leggere il territorio quanto il modo di comporre le immagini. I paesaggi sono il palcoscenico su cui si svolge la vita”.    

    Fotografia aerea di campi verdi negli Stati Uniti di Jim Richardson
    Erbe color smeraldo della primavera sulle colline di Flint. L'erba della prateria fiorisce dopo l'incendio primaverile sulle Flint Hills nella zona di Beaumont, a nord e ad est di Wichita


    Dopo i suoi primi lavori per riviste universitarie, ha contribuito a pubblicazioni importanti come Denver Post e la New York Times, e nel 1984, iniziò il suo straordinario viaggio con National Geographic.

    Richardson sarà per sempre sinonimo di Scozia, grazie alle immagini mozzafiato che ha catturato dei suoi paesaggi selvaggi e aspri, ma nonostante le sue radici celtiche, è stata una conversazione casuale con il National Geographic direttore della fotografia, Tom Kennedy, che per primo ha acceso il suo legame con il paese.

    “Avevo tirato fuori una storia ingrata di cui la rivista aveva bisogno, e lui si sentiva grato. "So che ti piacerebbe girare una storia in Inghilterra," disse. «Non ce l'ho, ma ho una storia sulla Scozia. Vuoi provarlo?' Ovviamente! Non importa che, in quel momento, non riuscivo a trovare Edimburgo su una mappa. Tuttavia, mi sono tuffato.

    Fotografia di Jim Richardson. Un uomo e un cane in Scozia, con le montagne e la costa sullo sfondo.
    Isola Laird, Isola di Muck, Scozia. Ex Laird di Muck, Lawrence MacEwan. L'isola è nelle mani della famiglia MacEwan dal 1896.
    Fotografia aerea di paesaggi di Jim Richardson. Fiume e alberi in Colorado
    Sorgenti del fiume Colorado, Montagne Rocciose, Colorado
    Fotografia aerea di paesaggi di Jim Richardson. Uccelli marini e scogliere costiere Scozia
    Uccelli marini su Hirta, St. Kilda, Scozia


    Assegnato il compito apparentemente impossibile di incapsulare l'essenza della Scozia in sole 20 immagini, Richardson si innamorò del paese quasi immediatamente. Ha scoperto un luogo che riecheggiava la sua educazione rurale ma con strati aggiunti di storia e cultura (che ricordano le Grandi Pianure che conosceva e amava), una terra di fari, spiagge, isole e persone enigmatiche. Ciò segnò l’inizio di un rapporto profondo e duraturo con la Scozia, producendo alcune delle immagini più avvincenti del paese mai catturate.

    Fotografia aerea di paesaggi di Jim Richardson. Isole in Scozia
    Isole Orcadi, Scozia
    Fotografia di paesaggio di Jim Richardson. Montagne e una baia in Scozia
    Laig Bay, Isola di Eigg, Scozia
    Fotografia di paesaggio di Jim Richardson. Un lago e una piccola isola al centro con alberi fotografati al tramonto.
    Loch Maree, altopiani, Scozia


    Anche se distillare un intero paese in 20 immagini sembrava una sfida insormontabile, il lavoro di Richardson nel corso dei decenni si è avvicinato notevolmente al raggiungimento di questa impresa. Le sue fotografie meravigliosamente composte catturano l'aspra bellezza delle zone rurali della Scozia paesaggi, da vasti scenari di altopiani e laghi tranquilli a isole remote e aspre adornate da fari e incorniciate da insenature e piccoli villaggi di pescatori.

    Oltre al suo lavoro nelle isole britanniche, i contributi di Richardson a National Geographic includeva ampi progetti nella sua terra natale, che coprivano argomenti legati all'ambiente e all'agricoltura.

    Fotografia di Jim Richardson. Una coppia di contadini filava il grano nel tardo pomeriggio nella Palouse di Washington. Stati Uniti d'America
    Coppia di agricoltori nel loro campo di grano nel tardo pomeriggio nella Palouse di Washington. Stati Uniti d'America


    Ha intrapreso un progetto che lo ha portato in giro per il mondo, mettendo in luce le sfide globali legate al nutrimento di una popolazione in crescita su terreni in diminuzione. In particolare, anche lui
    riaccese il suo amore infantile per i telescopi quando lui ha approfondito il tema dell'inquinamento luminoso, evidenziando come la maggior parte della popolazione mondiale potrebbe non assistere mai più alla Via Lattea.

    Nel corso della sua illustre carriera, Richardson ne ha prodotti oltre 50 stories per National Geographic ed National Geographic Viaggiatore riviste, catturando immagini che non solo mostrano l’incredibile bellezza del mondo naturale e la resilienza di coloro che lo chiamano casa, ma affrontano anche alcune delle principali sfide che l’umanità deve affrontare.

    Foto del fotografo Jim Richardson di Paul Tomkins
    © Paul Tomkins


    Che si tratti di paesaggi o di persone, ciò che è invariabilmente chiaro è che Richardson possiede un profondo legame con i suoi soggetti fotografici, un legame che costituisce una lezione inestimabile per i fotografi di tutto il mondo.

    “Mi aspetto che le fotografie dicano qualcosa, siano commoventi, abbiano un impatto emotivo. Naturalmente, apprezzo l’eccellenza tecnica e la forte composizione nella fotografia di paesaggio. Tuttavia, quando guardo le fotografie, ascolto prima il mio istinto; Voglio essere commosso. Quindi il mio consiglio è di guardare oltre i paesaggi standard e le location logore. Trova qualcosa che tocchi veramente l'anima. Se tocca il mio, potrebbe toccare anche gli altri”.

     

    Tutte le immagini © Jim Richardson

    Le iscrizioni al nostro Landscape Photography Award 2023 sono aperte fino al 30 novembre e tutti i fotografi sono invitati a inviare il proprio lavoro qui.