Pieter Hugo

Book Review Pieter Hugo: Kin

© Pieter Hugo

Il progetto autoriflettente "Kin" del fotografo sudafricano Pieter Hugo è un confronto di radici e un discorso sulla politica della famiglia.


─── Isabel O'Toole, 14 aprile 2020

Girato nel corso di un decennio da un artista bianco sudafricano che si considera 'Colonial Driftwood'; un termine carico di colpa e responsabilità, Parenti si concentra sull'esperienza di vita di Hugo nel suo paese natale, un luogo caratterizzato da secoli di tensioni culturali e razziali.

Loyiso, Wandise, Lunga, Luyanda e Khungsile, Mthatha, 2008


Come suo primo grande lavoro incentrato sull'esperienza personale, Hugo lotta coraggiosamente con questioni di razza e ingiustizia e
'il fallimento dell'esperimento coloniale sudafricano', di cui anche lui è un prodotto.

Questo volume contiene le foto della sua famiglia, degli amici, dei vicini, dei vagabondi e dei domestici che lavorano per la famiglia Hugo da oltre 3 generazioni.

Louis Matanisa, Cape Town, 2013 - Per gentile concessione di Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York


Pieter Hugo esegue i ritratti con la cautela e il rispetto di qualcuno che è chiaramente in contrasto con la sua esistenza da uomo bianco in un paese irto della memoria del colonialismo e dell'oppressione razziale.

Raggiungendo un'intimità che denota una vita di esperienza, Hugo giustappone immagini di persone all'interno della sua comunità per evidenziare la polarizzazione tra ricchi e poveri, tra bianco e nero, esprimendo i suoi sentimenti profondamente conflittuali riguardo alla casa. Senza mostrare esplicitamente scene di divergenza, Kin rivela la disparità economica e razziale del Sud Africa esibendo i contrasti negli spazi privati ​​delle persone.

I genitori di Pieter Hugo, Lize e Gideon Hugo, Gonnemanskraal, 2009 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York
Mimi Afrika, Wheatland Farm, 2013 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York
Ritratti fotografici di Pieter Hugo Daniel Richards, Milnerton, da Kin
Daniel Richards, Milnerton, 2013 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York


Hugo naviga con attenzione attraverso aree di importanza nazionale e politica, dai terreni agricoli contesi e le aree minerarie abbandonate alla privacy della propria casa.

Spogliandosi nudo, include anche le foto dei suoi figli nei loro primi giorni, come a dire che nessuno è esente dalle narrazioni collettive che hanno plasmato il Sudafrica. In questo terreno incerto, Parenti si sforza di individuare l'identità della sua giovane famiglia in un paese con una storia di tumulti e un futuro incerto.

Fotografia a colori In un incrocio di traffico, Johannesburg, 2011 da Pieter Hugo's Kin
A un incrocio di traffico, Johannesburg, 2011 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York
Pieter e Sophia Hugo a casa a Cape Town, 2010 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York


“Il Sudafrica è un posto così fratturato, schizofrenico, ferito e problematico. È una società molto violenta e le cicatrici del colonialismo e dell'apartheid sono ancora molto profonde. Questioni di custodia razziale e culturale permeano ogni aspetto della società e l'eredità della segregazione razziale forzata getta una lunga ombra ... Come si vive in questa società? Come ci si assume la responsabilità della storia e fino a che punto ci si dovrebbe provare? Come si cresce una famiglia in una società così conflittuale? Prima di sposarmi e avere figli, queste domande non mi davano fastidio; ora sono più confusi. "

Thabile Kadeni, Langa, 2013 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York
Fotografia a colori Theresa Makwenya, Carletonville, da Pieter Hugo's Kin
Theresa Makwenya, Carletonville, 2006-2013 - Per gentile concessione della Stevenson Gallery, Capetown / Johannesburg e Yossi Milo, New York


Una lenta meditazione sui tenui legami che ci legano gli uni agli altri, quello di Pieter Hugo Parenti è allo stesso tempo una critica al potere della società di dividerci e un'elegia per le cose che ci rendono uguali.

“Questo lavoro cerca di affrontare queste domande e di riflettere sulla natura delle narrazioni personali e collettive in conflitto. Ho sentimenti profondamente contrastanti riguardo all'essere qui. Mi interessano i luoghi in cui queste narrazioni si scontrano. Kin è un tentativo di valutare il divario tra gli ideali della società e le sue realtà ".

 

- Kin è pubblicato da Aperture e disponibile qui

Tutte le immagini © Pieter Hugo