Mattia Panunzio

Storia La vita nella capitale mondiale dell'estrazione dell'opale

© Mattia Panunzio

"C'è molto da vedere se guardi" di Mattia Panunzio è uno sguardo affascinante sulla vita in un'isolata città mineraria australiana.


─── di Josh Bright, 18 giugno 2024
  • Se lo guardassi su una mappa, Coober Pedy potrebbe sembrare un posto insignificante. Eppure, questa piccola città apparentemente senza pretese, situata tra paesaggi aridi 800 chilometri a nord di Adelaide, nell'Australia meridionale, detiene il titolo di "Capitale mondiale dell'estrazione dell'opale".

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Costruire al crepuscolo


    Una delle pietre preziose più preziose al mondo, l'opale può raggiungere prezzi che raggiungono i milioni, a seconda di fattori come colore, peso e tipo. Dopo la scoperta della gemma nella zona nel 1915, seguì un boom minerario, poiché le persone viaggiavano da tutto il paese e molto più lontano in cerca di fortuna. Oggi si stima che il 70% dell'opale mondiale venga estratto a Coober Pedy.


    Coober Pedy, prende il nome dal termine aborigeno “kupa-piti”, che significa “buco dell'uomo bianco”. Ciò è dovuto alle case sotterranee scolpite nell'arenaria conosciute come “dugouts”, in cui vive la maggior parte dei 1500 abitanti della città per sfuggire alle temperature rigide che spesso raggiungono i 45°C all'ombra durante l'estate.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un minatore
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Satellite in un deserto


    Il fotografo italiano Mattia Panunzio si è interessato all'industria mineraria australiana (la pietra angolare della sua economia) poco dopo essersi trasferito nel paese nel 2019.

    Ha iniziato a documentare l’argomento nel dicembre di quell’anno, ma due mesi dopo la pandemia ha fatto naufragare le sue attività, così ha trascorso l’anno successivo a pianificare e fare ricerche, ed è stato allora che si è imbattuto in Coober Pedy.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un uomo all'interno di un bar


    M.Panunzio: Era un tipo di estrazione completamente diversa da quella che stavo cercando, ma leggere che una comunità nell'estremo entroterra avrebbe vissuto in case sotterranee per trovare Opal, ha suscitato il mio interesse.

    Ho volato ad Adelaide e guidato fino a Coober Pedy attraverso l'entroterra del Sud Australia ed è stata già un'esperienza unica. Sono cresciuto a Roma, che è in netto contrasto con l'outback australiano. I miei occhi assistevano a scenari e paesaggi che non avevano mai visto prima. Come fotografo questa è la sensazione che cerco. Vedere nuovi paesaggi mi fa sentire vivo e crea in me sensazioni speciali e profonde.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Piccola casa e un cespuglio
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ingresso in miniera
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un uomo con un cappello da cowboy


    M.Panunzio: Non vedevo l'ora di arrivare a Coober Pedy e quando sono arrivato ho sentito di essere nel posto giusto. Ovviamente ho visto molte immagini, video e film girati lì, ma essere fisicamente lì era diverso. Potevo sentire l'energia, vedere le persone, respirare l'aria del deserto e ascoltare suoni unici.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Mani che tengono un pezzo di opale


    M.Panunzio: Sono arrivato dopo un lungo viaggio attraverso il deserto del Sud Australia e ho trascorso la prima notte in un parcheggio per roulotte dove ho dormito nell'auto che avevo noleggiato ad Adelaide. Il sole sta sorgendo e la luce è magica. La terra rossa del deserto risplende dei primi raggi. La città sta ancora dormendo, fatta eccezione per i due uomini seduti in un bar sotto l'insegna “Waffles and Gems”. Mi sono fermato e ho chiesto un caffè, Jimmy (è scozzese e possiede il negozio) mi ha chiesto cosa mi ha portato qui.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Foto paesaggistica di auto e negozi in Australia
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Minatore e macchina
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un minatore che fuma


    M.Panunzio: Iniziamo a parlare del lungo viaggio che tutti devono fare per arrivare a Coober Pedy. Il giorno prima ho percorso 650 km in una volta sola. Il deserto diventa sempre più secco man mano che sali da Adelaide.
    È un deserto piatto e la maggior parte delle persone con cui ho parlato prima di intraprendere questo viaggio, mi avevano avvertito che mi sarei annoiato alla guida. Ma l'ho trovato affascinante.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Uomo all'interno di una miniera di opale


    M.Panunzio: Sono rimasto stupito dalla sensazione di guidare da solo per così tanto tempo nel deserto, senza nulla intorno. Jimmy è d'accordo e sottolinea, con il suo forte accento scozzese, che questo è il motivo per cui amano Coober Pedy. Essere così isolato lo rende speciale. “Ho guidato su quella strada tante volte e quello che ti hanno detto è sbagliato. C'è molto da vedere se guardi”. 

    Fotografia documentaristica del paesaggio del deserto australiano di Mattia Panunzio


    M.Panunzio: È stato nello stesso bar che ho incontrato Dino, che mi ha detto che il suo compagno di viaggio Raf, aveva origini italiane. È così che ho scoperto che, ai tempi, Coober Pedy ospitava una grande comunità di minatori italiani. Questo
    L'incontro ha dato la giusta direzione alla storia che volevo girare. Avendo sperimentato cosa significa trasferirsi in un nuovo paese e quanta energia richiede, ho sentito un legame speciale con loro. Potevo rivedermi nei nonni di Raf che emigrarono dall'Italia all'Australia dopo la Seconda Guerra Mondiale.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un uomo
    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Sedia nell'angolo di una casa in pietra


    M.Panunzio: Raf e Dino mi hanno fatto conoscere molti minatori diversi con background molto diversi (Croazia, Serbia, Germania, Svizzera, Italy e, naturalmente, Australia). Il fatto che tutti si siano trasferiti a Coober Pedy per cercare Opal li ha resi sia una squadra che concorrenti. Ognuno di loro ha una storia diversa e ragioni diverse per cui sono finiti lì. È stata sicuramente un'esperienza unica incontrarli tutti e condividere con loro questa esperienza. Sarò per sempre grato a tutti loro e soprattutto a Dino e Raf che hanno reso il mio viaggio così speciale.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Ritratto di un uomo con anello in opale


    M.Panunzio: Quando creo le mie immagini, il mio obiettivo è provocare risposte emotive autentiche e ispirare gli spettatori a contemplare il mondo che li circonda. Il mio obiettivo è catturare autentici spaccati di vita che invitano gli spettatori a connettersi con i soggetti e le narrazioni rappresentate. Metto emozioni e pensieri in ogni scatto ma non stabilisco come gli spettatori dovrebbero interpretarli. Piuttosto, voglio che le persone si impegnino con il mio lavoro a livello personale, permettendo alle proprie esperienze e prospettive di modellare le loro reazioni.

    Fotografia documentaristica di Mattia Panunzio. Foto paesaggistica di una piccola casa e di un'auto al crepuscolo


    M.Panunzio: Credo nel potere della narrazione attraverso la fotografia per innescare conversazioni significative e favorire l'empatia. Raccontando stories di persone e comunità al di fuori del mainstream, spero di ampliare la comprensione da parte degli spettatori del diverso arazzo delle esperienze umane.

     

    Tutte le immagini © Mattia Panunzio