William Klein

Top 10 Londra in 10 immagini iconiche

© William Klein

"Vedendo Londra, ho visto tutta la vita che il mondo può mostrare."
Samuel Johnson


─── Josh Bright, 17 aprile 2020

Poche città evocano una tale gamma di immagini evocative ma paradossali come Londra, una città orgogliosa ed eccentrica ricca di una miriade di culture, e una che nel corso degli anni ha attirato alcuni dei più grandi della fotografia nelle sue strade leggendarie.

Robert Frank - Città di Londra, 1951
© Robert Frank


1. Robert Frank - City of London, 1951

"... Londra era nera, bianca e grigia, l'eleganza, lo stile, tutti presenti davanti a una nebbia sempre mutevole ..." - Robert Frank

Il fotografo svizzero Frank ha visitato più volte Londra all'inizio degli anni '1950, portando con sé la sua fidata Leica che ha usato per catturare le contraddizioni di una città in cui ricchezza ed estrema povertà coesistevano in inquieto contrapposizione.

La sua rappresentazione di commercianti in giacca e cravatta, che camminano frettolosamente sotto i profili in ombra di edifici monolitici nel quartiere finanziario di Londra, permea di un'intensità spigolosa e cinematografica, che, insieme all'estetica granulare, caratterizza lo stile intuitivo per il quale sarebbe poi diventato famoso, seguendo il suo che definisce la serie 1959 'Gli americani', che da allora in poi cambiò radicalmente il corso della fotografia documentaria.

Iain MacMillian - Beatles, Abbey Road, 1969
© Iain MacMillian


2. Iain MacMillian - Beatles, Abbey Road, 1969

Indubbiamente una delle immagini più iconiche della storia della musica, il fotografo scozzese Iain Macmillan ha catturato John, Paul, George e Ringo da una scala a pioli, per la copertina del loro undicesimo album in studio; e, nel frattempo, ha immortalato per sempre una strada senza pretese nel nord ovest di Londra.

Jane Bown - American Tourists, 1968
© Jane Bown


3. Jane Bown - American Tourists, 1968

ritenuto 'una sorta di inglese Cartier Bresson' di Lord Snowdon, Jane Bown è una delle più grandi fotografe britanniche di sempre. Un maestro della ritrattistica, con una profonda comprensione della luce, il suo approccio perspicace e discreto rispecchiava il suo temperamento modesto e le ha permesso di catturare i soggetti con un raro candore, esemplificato nel suo ritratto del 1968 di alcuni degli onnipresenti visitatori americani di Londra.

Sergio Larrain: Trafalgar Square, 1958-1959
© Sergio Larrain /Magnum Photos


4. Sergio Larrain: Trafalgar Square, 1958-1959

Sergio Larrain è stato davvero un fotografo straordinario, un maestro della luce che ha ritratto momenti fugaci di bellezza con un delicato equilibrio di grazia e spontaneità. La sua rappresentazione della dispersione dei piccioni a Trafalgar Square esemplifica squisitamente queste sensibilità; una scena apparentemente quotidiana assume un'atmosfera poetica se vista attraverso il suo obiettivo.

Parte di una serie commissionata dal British Council nel 1958, ha portato al suo riconoscimento da Henri-Cartier Bresson, che successivamente lo ha firmato per l'Agenzia Magnum. Tuttavia, all'inizio degli anni '1970, in seguito a un incontro con il mistico boliviano Oscar Ichazo, l'enigmatico cileno abbandonò la sua macchina fotografica e si dedicò successivamente a una vita solitaria di pratiche meditative e spirituali.

Bob Collins: Rush Hour, Victoria Station, 1960
© Estate di Bob Collins / Museo di Londra


5. Bob Collins: Rush Hour, Victoria Station, 1960

Anche se forse meglio conosciuto per i suoi ritratti intimi di musicisti e artisti acclamati, Bob Collins era, in fondo, un fotografo di strada, che trascorreva gran parte del suo tempo vagando per le strade della sua città natale catturando scene di vita quotidiana.

Il suo ritratto dei pendolari alla stazione ferroviaria di Victoria è notevole, permeato di un dinamismo espressivo che trasmette brillantemente l'essenza della scena e che, sebbene catturato circa sessant'anni fa, continua a risuonare con coloro che attraversano le stazioni trafficate di Londra durante la fretta ora.

Henri Cartier-Bresson - Incoronazione del re Giorgio VI, Trafalgar Square, 1937
© Henri Cartier-Bresson /Magnum Photos


6. Henri Cartier-Bresson - Incoronazione del re Giorgio VI, Trafalgar Square, 1937

È una testimonianza sia della prolificità di Henri Cartier Bresson che del suo straordinario virtuosismo, che così tante delle più grandi immagini delle città di tutto il mondo sono state catturate dal suo obiettivo. Una delle sue serie di ritratti realizzati durante l'incoronazione del re Giorgio VI nel 1937, Bresson, come era tipico del suo approccio, ignorò l'effettiva incoronazione, concentrandosi invece sui volti ardenti degli spettatori presenti, catturando qui, un'istantanea per eccellenza di Patriottismo britannico con un umorismo e abilità che caratterizzano il suo lavoro.

Tim Peake - London from Space, 2016
© Tim Peake / ESA / NASA


7. Tim Peake - London from Space, 2016

L'immagine dell'astronauta britannico Tim Peak di Londra, ripresa dalla stazione spaziale internazionale la mezzanotte del 31 gennaio 2016, presenta la città da una rara prospettiva aerea. Viste da 400KM più in alto, le miriadi di strade appaiono come fili di luce scintillante che crescono drammaticamente mentre raggiungono il centro; una meravigliosa incarnazione dell'essenzialità interconnessa della città.

Ian Berry - Carnevale di Notting Hill, 1980
© Ian Berry /Magnum Photos


8. Ian Berry - Carnevale di Notting Hill, 1980

Sin dal suo inizio a metà degli anni '1960 come celebrazione della diversità della città e, come mezzo per promuovere la tolleranza tra la comunità locale, il carnevale di Notting Hill, l'evento annuale di due giorni che si tiene per le strade di West London, ha attirato folle da tutto il mondo.

L'immagine iconica di Ian Berry cattura i membri delle forze di polizia della città che ballano con i festaioli nell'edizione del 1981; una scena che racchiude il potere unificante dell'evento, e da allora è stata emulata numerose volte al punto che ora è considerata una sorta di tradizione, sebbene smentisca il rapporto spesso tumultuoso tra le forze di polizia di Londra e il carnevale.

William Klein - Lustrascarpe, Rocky II, ecc. Londra 1981
© William Klein


9. William Klein - Lustrascarpe, Rocky II, ecc. Londra 1981

Rinomato per il suo approccio sovversivo al mezzo, la rappresentazione di William Klein della Piccadilly di Londra all'inizio degli anni '1980 è tipicamente istintiva e multi-strato. La clientela esclusivamente maschile attesta forse l'allora squallido composito della zona e, insieme al collage di pubblicità sfacciate, crea un senso palpabile di sfacciata energia maschile che, per molti versi, incarna il periodo.

Herbert Mason - London Blitz, St Pauls, 1940
© Herbert Mason / Daily Mail


10. Herbert Mason - London Blitz, St Pauls, 1940

Nella notte del 29 dicembre 1940, l'aviazione tedesca effettuò il più violento dei loro 71 attacchi a Londra (noti collettivamente come blitz), facendo cadere 120 tonnellate di esplosivo e, nel processo, distruggendo centinaia di edifici, cambiando così il volto della città per sempre.

In mezzo al caos Mail giornaliera Il fotografo del personale Hebert Mason ha catturato questa immagine dal tetto degli uffici del giornale, mentre un'effimera raffica di vento ha separato il fumo rivelando la forma incombente dell'iconica Cattedrale di St Paul, il suo tetto a cupola e la croce solitaria illuminata drammaticamente dall'inferno infernale. Gli osservatori, compreso lo stesso Mason, credevano di assistere alla scomparsa di quello che era, all'epoca, l'edificio più importante di Londra, ma sopravvisse, e il capolavoro di Mason fu pubblicato due giorni dopo (il ritardo dovuto alla prudenza dei censori del governo) sotto il titolo: “Il miglior film della guerra; St Paul's è illeso nel mezzo della città in fiamme ”.

Una fotografia distintiva della guerra, per coloro che all'epoca vivevano in Gran Bretagna, divenne un simbolo della resilienza del paese e rimane una delle rappresentazioni più iconiche di Londra, mai realizzate.

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari