Maggie Steber

Profilo Maggie Steber

©Maggie Steber

“…Sono terribilmente grato perché non sono il miglior fotografo del mondo ma lavoro duro e non mi arrendo.” - Maggie Steber


─── di Josh Bright, 2 ottobre 2023
  • giudice del ns 2023 Open Call premio (iscrizioni aperte fino alla fine di ottobre), la fotografa americana Maggie Steber, ampiamente considerata come uno dei professionisti più significativi del nostro tempo, ha dedicato la sua vita a catturare esseri umani stories con rara sensibilità, perspicacia e grazia.

    Foto ritratto di una ragazza prima del trapianto di viso.
    Ritratto di Katie Stubblefield il 18 novembre 2016 a Cleveland, Ohio. (da 'Storia di un volto')


    Nata in Texas, Steber ha scoperto la sua passione per la fotografia mentre studiava all'Università del Texas ad Austin, quando un amico fotografo le ha chiesto di fare la modella per un servizio.

    “Avevo studiato danza classica per 15 anni e potevo fare una serie di cose che lei doveva fotografare: azione, ritrattistica, sfocatura e molte altre cose che erano necessarie. Mi mostrava le foto dopo averle stampate nella camera oscura, ed ero così entusiasta che ho cambiato la mia specializzazione, che era francese, e mi sono trasferita alla scuola di comunicazione.

    Foto di una danza dei nativi americani di Maggie Steber
    Impara la danza dell'aquila da suo nonno a Bell, Oklahoma.


    Gli studi di Steber includevano lezioni con Russell Lee, uno dei fotografi della Farm Security Administration che documentò la Grande Depressione negli Stati Uniti, insieme a Dorotea Lange. Ha anche imparato dal leggendario fotografo di strada Gary Winogrand, che le ha impartito spunti essenziali sulla comprensione delle fotografie, un'abilità che in seguito le sarebbe stata utile nel suo lavoro di photo editor.

    Dopo la laurea, Steber trovò lavoro come fotografa per un piccolo giornale a Galveston, in Texas, dopo aver convinto il caporedattore ad assumerla producendo un racconto fotografico in prima pagina per il giornale in un solo giorno, senza retribuzione.

    Foto ritratto di Richard Avedon con la sua macchina fotografica di Maggie Steber.
    Richard Avedon con la sua macchina fotografica. East Village, New York. Parlando dell'esperienza, Steber ha descritto Avedon come "giocoso, generoso e sorprendente".
    Foto ritratto di due ragazze native americane che nuotano in Canada
    Ragazze indiane Cree, cugine, nuotano insieme in un lago nella loro riserva nella zona più settentrionale della provincia del Quebec in Canada.


    Nel corso degli anni, Steber ha fotografato in quasi settantadue paesi diversi in tutto il mondo stories che hanno abbellito le pagine di pubblicazioni prestigiose come Vita, The New York Times Magazine, The New Yorker, Smithsonian, National Geographic, ed Newsweek (è stato per quest'ultimo incarico che ha trascorso una settimana a fotografare il grande Richard Avedon, un momento della sua carriera che lei considera uno dei più memorabili).

    Foto di un uomo che piange a Pt-au-Prince, Haiti, di Maggie Steber
    "Pompa per il cuore spezzato". Un residente della baraccopoli di Boston a Pt-au-Prince, Haiti, piange mentre racconta la storia della pompa dell'acqua pubblica dietro di lui che è stata rotta per anni, costringendo le persone a camminare per 3 o 4 miglia per l'acqua.


    Il legame trentennale di Steber con Haiti è iniziato nel 1986, poco dopo la caduta della dittatura di Duvalier e i conseguenti disordini politici. Lei aveva precedentemente documentato gli ultimi due anni di guerriglia nello Zimbabwe e, al ritorno negli Stati Uniti, si è ritrovata a desiderare l'Africa. Fu durante questo periodo che la sua allora agenzia, Sipa Press, le ha assegnato il compito di coprire una storia sulla povertà ad Haiti. Con sua grande gioia, Steber scoprì che il paese possedeva una forte cultura africana con la quale sentì immediatamente un forte legame.

    Un giovane piange la morte della madre ad Haiti
    Un giovane haitiano si contorce dal dolore al funerale di sua madre nel cimitero nazionale di Pt-au-Prince, Haiti, nel novembre 1987.


    “C’è qualcosa di magico nelle persone e nel paese, e sono loro che mi ispirano più di ogni altra cosa. Sentivo che lì c'era qualcosa di più importante del fotografare, e cioè che avrei dovuto imparare lezioni, alcune delle quali molto personali. Ancora oggi, nonostante la situazione attuale che è mortale, penso che queste persone parlino al mio cuore e alla mia mente più di chiunque altro. Li amo. Ho imparato la lingua creola, che è così potente ed espressiva”.

    Foto di un capo nativo americano che prega, scattata da Maggie Steber


    È stato il suo lavoro ad Haiti che alla fine l'ha portata ad assumere National Geographic, dopo cinque precedenti tentativi falliti. Steber ha prodotto alcuni dei suoi lavori più iconici per la rivista, incluso un progetto a lungo termine sulle comunità dei nativi americani. La madre di Steber era Cherokee ma non lo rivelò mai alla rivista, desiderando essere assunta esclusivamente in base al merito. Ha stretto uno stretto legame con queste comunità, documentando la loro vita quotidiana e la rinascita culturale mentre cercavano di fornire ai propri figli un senso di identità in un paese che storicamente li aveva maltrattati.

    Immagine sopra: il capo Arvol Looking Horse si trova su un campo vicino al fiume Moro a Green Grass, SD, mentre suona un tamburo durante le sue preghiere quotidiane ai suoi antenati Lakota. Green Grass è una piccola comunità con radici tradizionali nella riserva del fiume Cheyenne, dove vivono i Lakota. Il capo ha quel titolo perché è il custode della Sacra Pipa del Vitello del Bufalo Bianco del popolo Lakota da quando aveva 12 anni.
    Foto ritratto di genitori e figlia che hanno recentemente subito un trapianto di viso


    Era anche National Geographic che ha pubblicato il film nominato al Premio Pulitzer "Story of a Face", in cui Steber documentava come la ventunenne Katie Stubblefield fosse diventata la persona più giovane negli Stati Uniti a sottoporsi all'intervento ancora sperimentale di trapianto di viso,

    “Penso che il motivo per cui mi è stato assegnato 'La storia di un volto' sia perché amo la scienza – mia madre era una scienziata – e per il modo in cui entro in contatto con le persone. Ho amato quella storia, la famiglia che mi ha abbracciato e la giovane donna che ha commesso un errore ma era determinata a vivere una vita che avesse un significato. Non è qualcosa che tutti desideriamo? Per vivere una vita che abbia un significato? Sono ancora in contatto con loro”.

    Immagine sopra: Robb e Alesia Stubblefield tengono in braccio la loro figlia Katie nel loro appartamento nella Ronald McDonald House a Cleveland, Ohio, mesi dopo che Katie ha ricevuto un trapianto di viso presso la Cleveland Clinic. I suoi genitori sono stati guerrieri durante il calvario di Katie che ha perso la faccia in un incidente d'arma da fuoco alcuni anni fa. Hanno lasciato il lavoro per prendersi cura a tempo pieno della figlia attraverso molteplici interventi chirurgici tra cui un trapianto di viso intero e continui interventi chirurgici per rifinire il volto del donatore. Il volto è stato donato da Sandra Bennington quando sua nipote, Adrea Schneider, cadde in coma per overdose. (Dalla serie: 'Storia di un volto')
    Foto in bianco e nero di una donna anziana a letto


    Il progetto di nove anni di Steber, "Rite of Passage", incentrato su sua madre, Madje, e sulla sua battaglia contro la demenza, rimane il suo più personale e memorabile, lasciando un impatto duraturo su innumerevoli famiglie che affrontano questa condizione. Ispirato dal progetto, National Geographic incaricò Steber di esplorare la scienza della memoria. Ha contribuito con un articolo a tutta pagina sul viaggio di sua madre, accompagnato da un'immagine toccante di Madje che fa colazione a letto. Tempesta multimediale ha anche prodotto un pluripremiato documentario su Steber e "Rite of Passage", e Steber ha successivamente autopubblicato un libro Blurb con lo stesso nome.

    Immagine sopra: Madje Steber si gode la colazione a letto, un rituale mattutino che l'ha viziata come parte delle sue cure presso la Midtown Manor Assisted Living Facility. Avendo lavorato fino all'età di 72 anni, la figlia Maggie voleva che lei potesse dormire fino a tardi, fare colazione quando voleva e, in generale, essere viziata da morire, negli ultimi anni della sua vita mentre soffriva del declino della salute. demenza. (Dalla serie: 'Rito di passaggio')
    I sacerdoti Vodou tengono una cerimonia, Haiti
    I sacerdoti Vodou tengono una cerimonia presso la croce in onore del Barone Samedi, lo spirito Vodou della morte, al Cimitero Nazionale, Haiti, 1988.
    Tamburi, balli e canti continuano fino a tarda notte durante una cerimonia vodou nel quartiere Bel Aire della capitale haitiana.


    In totale, Steber ne ha completati quindici stories per National Geographic, una pubblicazione per la quale una volta le fu detto che non avrebbe mai lavorato. La sua tenacia è una testimonianza della sua resilienza e dedizione, qualità condivise da molte delle persone che fotografa. Sebbene i soggetti del suo lavoro possano essere diversi, Steber li affronta invariabilmente con sensibilità e rispetto, evitando i cliché e i luoghi comuni che spesso affliggono il fotogiornalismo.

    Foto di un uomo Cherokee che abbraccia sua figlia di Maggie Steber


    Steber è stato membro del prestigioso, VII Agenzia fotografica da quando 2017 e
    ha lavorato come editor di foto presso Foto dell'Associated Press e come direttore della fotografia presso Il Miami Herald, dal 1999 al 2003. Durante il suo mandato lo staff del giornale ha vinto un Premio Pulitzer ed è stato due volte finalista del Pulitzer.

    Immagine sopra: Cherokee Mike Grant gioca con sua nipote Raven, prima di partire per la Carolina del Sud in cerca di lavoro. Durante i mesi estivi, il lavoro è abbondante nella riserva Cherokee ai piedi delle Great Smoky Mountains, a causa del turismo, ma in inverno le cose si prosciugano e molti uomini Cherokee devono lasciare la riserva in cerca di lavoro altrove fino al ritorno della primavera. .
    Foto di una donna con gli occhi chiusi, che nuota nell'oceano
    Elly Choval nuota quotidianamente nelle acque del mare che si muovono tra Miami (la sua attuale casa) e Cuba (terra di nascita). Non potendo visitare Cuba, nuota in un mare di ricordi, le cui acque lambiscono le coste di entrambe le patrie


    Riflettendo sulla sua carriera e offrendo consigli ai fotografi emergenti, Steber sottolinea l'importanza della ricerca, dell'umiltà, del sognare in grande iniziando in piccolo, del genuino interesse per gli argomenti, del coltivare idee, della pazienza e della determinazione: attributi che sono stati fondamentali per il suo successo. .

    “Ogni giorno chiediti perché vuoi farlo perché sacrificherai molte cose. Ciò non significa che non puoi essere felice, ma più il tuo lavoro ci informa, o salva vite umane, o solleva il nostro spirito, è lì che troverai soddisfazione.

    È senza dubbio una delle voci più importanti e potenti del contemporaneo visual storytelling, un individuo unico e umile, la cui incrollabile dedizione nel raccontare il stories degli altri può servire da ispirazione per tutti noi.

     

    Tutte le immagini © Maggie Steber

    I 2023 paesi Open Call Photography Award è aperto per le iscrizioni fino al 31 ottobre. Entra qui.