Mark Cohen

Book Review Mark Cohen:
Ginocchia scure - Il diavolo è nei dettagli

© Mark Cohen

“Sono diventato un surrealista perché ho continuato a camminare per gli stessi isolati e ho iniziato a scattare una foto alla scarpa di un ragazzo. Non sapevo cosa stessi facendo esattamente. Ero solo guidato da qualunque cosa avrei visto. " - Mark Cohen


─── Isabel O'Toole, 24 settembre 2019


Mark Cohen ha lasciato la sua casa a Wilkes-Barre, con la sua Leica in una mano e il flash nell'altra, tutti i giorni per oltre 30 anni, senza alcuna pretesa. Vivere in una piccola città mineraria della Pennsylvania potrebbe essere una fonte di frustrazione creativa per la maggior parte dei fotografi, ma Cohen ha imparato a cercare i dettagli durante le sue frequenti passeggiate nel quartiere.

© Mark Cohen

Vagando senza alcuna intenzione, ha sviluppato un modo unico di catturare bizzarri frammenti di vita nella sua città natale. La sua intera carriera è stata spesa cercando di produrre incidenti felici.

“Sono nel mio cortile a fare questi. L'intero paese è il mio studio. Andavo a lavorare sotto un certo ponte se pioveva, perché le persone si nascondevano lì dalla pioggia. Se fosse una giornata nuvolosa, andrei in un posto diverso. Quindi ho usato questi quartieri come un set. E li uso ancora così. Ci sono dei posti che so che, se ci vado la sera - mi piace fare foto al tramonto - avranno un certo sapore anche oggi ".

© Mark Cohen
© Mark Cohen
© Mark Cohen

Dark Knees raccoglie decenni di lavoro a Wilkes-Barre e nella vicina area di Scranton. Sebbene non sia interessato a rappresentare un ritratto sociale delle regioni, Cohen riesce comunque a catturare la cruda realtà di ciò che lo circonda.

I suoi protagonisti, o meglio i loro arti e il ventre, sono spesso quelli che si trovano nelle opere di fotografi realisti sociali come Dorothea Lange; i poveri e le classi lavoratrici, le persone più propense a vivere la loro vita sulla soglia di casa o agli angoli delle strade. Tuttavia, piuttosto che avvicinarsi a questi soggetti con intenti umanistici o empatici, li approccia come un paparazzo, come un Weege in sordina, tutto flash e affascinante.

© Mark Cohen
© Mark Cohen
© Mark Cohen

Cohen lavora d'impulso, muovendosi a disagio vicino ai suoi soggetti, per scattare quelle che chiama "scatti afferrati" - foto scattate a distanza di braccia senza guardare attraverso il mirino, una tecnica che riguarda tanto l'apprensione quanto lo scatto.

Non sapendo come usciranno le sue foto, Cohen le scopre nella sua camera oscura. Prima di ciò, si avvicina a ciò a cui è immediatamente attratto, caviglie, denti, cerniere, gomiti e altri piccoli dettagli che tendiamo a trascurare.

© Mark Cohen
© Mark Cohen
© Mark Cohen

Ma lo stile "accidentale" di Cohen non era un caso in sé. Possedeva una macchina fotografica da quando era bambino e lavorava nella sua camera oscura nel seminterrato a 14 anni. Fu dopo un incontro al liceo con il libro fondamentale di Cartier-Bresson "The Decisive Moment" che Cohen si rese conto di aver trovato la sua vocazione nella fotografia .

Ossessionato dal potere transitorio della fotografia da allora in poi, Cohen ha iniziato a lavorare sul proprio "momento decisivo" caratteristico, che ora è quasi distintivo come quello di Cartier-Bresson.

© Mark Cohen

Il lavoro in questo libro parla della stranezza delle cose banali. È frenetico, crudo e accattivante e trasmette qualcosa di allucinatorio che solo Cohen ha la capacità di catturare.

Accompagnato da descrizioni banali delle sue foto con la sua grafia infantile serve solo a sottolineare l'innata energia inquieta di Cohen. Come si notano, le descrizioni sembrano quasi una lista della spesa, scritta da un consumatore frenetico, che ha fretta di ritirare tutti gli articoli e di precipitarsi a casa.

Il ritmo frenetico di Dark Knees si traduce in quasi tutte le immagini. Le immagini non hanno alcuna immobilità, è quasi mentre vibrano, in attesa di scivolare fuori dall'inquadratura. Il suo brutale ritaglio e gli allarmanti primi piani suggeriscono il desiderio di Cohen di fare foto che non hanno mai avuto intenzione di accontentare nessuno tranne se stesso.

© Mark Cohen
© Mark Cohen


Un occhio contemporaneo cupamente umoristico che accenna bruscamente al nostro consumo voyeuristico moderno di immagini, le immagini possono essere state strane ai loro tempi, ma ora sono sorprendentemente attuali.

Come ogni grande surrealista, il lavoro di Cohen trascende i confini spazio-temporali che limitano gli artisti che lavorano in altri generi. La nostra attenzione si concentra sulla geometria astratta, sugli angoli e sulle linee del corpo come se stessimo guardando gli extraterrestri.

- Dark Knees è pubblicato da Edizioni Xavier Barral 

Tutte le immagini © Mark Cohen