Michele Chelbin

Profilo Michal Chelbin: una vita piena di contraddizioni

© Michal Chelbin

Sfumando i confini tra l'infanzia e l'adolescenza, l'artista di origine israeliana ha fotografato nella sua terra natale, ma ha anche viaggiato molto, creando lavori in Ucraina, Italia, Lituania, Lettonia, Estonia e Regno Unito.


─── di Rosie Torres, 18 marzo 2021


Tra realtà e finzione, il lavoro di Michal Chelbin tenta di "
esistono nello spazio tra il dispari e l'ordinario." La sua attenzione per i giovani adolescenti incarna perfettamente questo luogo transitorio, un parco giochi in cui l'infanzia viene vissuta e lasciata alle spalle, "Una vita piena di contraddizioni".

Fotografia di persone di Michal Chelbin
© Michal Chelbin


Proprio come Diane Arbus, Michal Chelbin è attratto dai bambini e da coloro che vivono ai margini della società, persone le cui voci sono spesso dimenticate nella monotonia della vita moderna.

Suo i progetti spaziano dalla documentazione della dura ma sorprendente vita nelle carceri russe e ucraine alla visita di collegi militari e alla cronaca di artisti circensi. Eppure le sue immagini non servono come fonti fattuali o storiche, ma piuttosto come frasi iniziali di stories in cui lo sguardo dei personaggi racconta il resto.

© Michal Chelbin
Fotografia di persone di Michal Chelbin
© Michal Chelbin


"Il mio scopo è registrare una scena in cui ci sia un misto di informazioni dirette ed enigmi e in cui ci siano contrasti visivi tra giovani e vecchi, grandi e piccoli, normali e anormali ... Per me l'immagine è solo la punta dell'iceberg ; è il cancello di una storia che aspetta di essere raccontata. "

Ritratto di una persona sdraiata su un letto fotografia di Michal Chelbin
Dalle barche a vela e dai cigni © Michal Chelbin


Ha lavorato con il marito e co-produttore, Oded Plotnizki, per creare
Barche a vela e cigni, Chelbin ha trascorso tre anni a fotografare le prigioni in Ucraina e Russia da 2008-10.

Sono stati sorpresi di trovare una schiena insolitadrop per il loro progetto in queste carceri atipiche, non le prigioni che immaginiamo dai film, ma piuttosto persone incarcerate in stanze ricoperte da carte da parati floreali, che indossano abiti da casa, giacche di stoffa e cosparse di icone religiose.

© Michal Chelbin
Michele Chelbin
Michele Chelbin


Tuttavia, nonostante i loro interni apparentemente accoglienti, Michal Chelbin ha riferito che questi luoghi erano estremamente sgradevoli. Il suo lavoro in Barche a vela e cigni solleva molte domande sulla natura della colpa, del crimine e della punizione.

“Cosa significa essere rinchiuso? È un atto umano? È giusto? Lo puniamo con i nostri occhi? Possiamo indovinare qual è il crimine di una persona solo guardando il suo ritratto? È umano essere deboli e assassini allo stesso tempo? Le mie intenzioni sono di confondere lo spettatore e di confrontarlo con queste domande, che sono le stesse domande con cui io stesso lotto ancora ".

Fotografia ritratto di un giovane soldato di Michal Chelbin
© Michal Chelbin


Nel suo lavoro sui collegi militari in Ucraina, Chelbin esamina le complessità della conformità e dell'individualità. 
Sebbene i bambini in queste istituzioni sembrino sani e ben curati, le sfumature sono leggermente sinistre e ci spingono a pensare alla giovinezza e all'obbedienza.

L'innocenza dei bambini permea le foto nonostante il tentativo delle scuole di inserirle nei ruoli e nelle convenzioni tradizionali della società adulta. Ma ancora una volta questo è un esame sottilmente, che evoca più domande sul futuro di questi bambini che fornire risposte.

© Michal Chelbin
© Michal Chelbin
© Michal Chelbin


Il lavoro di Michal Chelbin è stato esposto a livello globale in mostre personali e collettive in luoghi come la Photographer's Gallery di Londra; Museo Hendrik Andersen di Roma; la National Portrait Gallery di Londra e il Tel Aviv Museum of Art. Tra le altre, le collezioni del Portland Museum of Art; Museo d'arte di Tel Aviv; Palazzo Forti; il Getty Center LA; LACMA; Pier 24; SFMomoa, il Metropolitan Museum e il Jewish Museum di New York City, includono il suo lavoro.

 

L'ultima monografia di Chelbin "How to Dance the Waltz" è ora disponibile tramite Damiani. Girato in Ucraina e Spagna, in collegi militari, centri di addestramento per matador e durante la settimana del ballo, interroga la connessione tra uniformi, identità e ruoli di genere.

Tutte le immagini © Michele Chelbin