Ilse Bing

Top 10 Parigi in 10 immagini iconiche

© Ilse Bing

"Conoscere Parigi è sapere molto." - Henry Miller


─── di Josh Bright, 6 dicembre 2018

Dal lavoro innovativo di Louis Daguerre, uno dei padri fondatori della fotografia, all'umanesimo radicale di Henri Cartier-Bresson, Parigi vanta un patrimonio fotografico orgoglioso e unico e, fino ad oggi, rimane una delle città più fotografate al mondo.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di Robert Doisneau - Il bacio
© Robert Doisneau

1. Bacio dell'Hôtel De Ville - Robert Doisneau, 1950

Forse l'esempio più iconico di Parigi street photography e un'immagine che esemplifica il romanticismo che molti associano alla città: 'Kiss by the hotel de Ville', raffigura una coppia di giovani innamorati chiusi in un appassionato abbraccio, apparentemente indifferenti ai loro dintorni frenetici. Pioniere del fotogiornalismo insieme al connazionale Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau ha fotografato le scene quotidiane della "Città delle luci" per tutta la vita. Romantico per natura, ha evitato il crudo realismo spesso associato alla fotografia umanista, inseguendo invece momenti di bellezza, che una volta ha paragonato a "trovare un tesoro".

Tuttavia, sebbene la coppia nella foto fosse dei veri amanti, la foto è stata messa in scena, commissionata da Life Magazine per una diffusione di foto a tema "Gli amanti di Parigi". Doisneau si è avvicinato alla coppia, entrambi giovani studenti di teatro, dopo averli avvistati per strada, e li ha fotografati in diverse location, l'ultima delle quali era davanti all'Hôtel de Ville.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di Brassaï
© Brassaï

2. Passage de Clichy - Brassaï, 1930 - 32

Il fotografo ungherese Brassaï si trasferì a Parigi nel 1924 e vi trascorse gran parte della sua vita. Inizialmente ha lavorato come giornalista, ma la sua amicizia con il collega ungherese André Kertész, un fotografo che si era recentemente trasferito in città, lo ha portato ad acquistare una macchina fotografica nel 1930, e da allora in poi si è dedicato alla fotografia.

Soprannominato il "Occhio di Parigi" dal suo caro amico, l'autore Henry Miller, Brassai è stato un esponente chiave della fotografia umanista. Si è concentrato sul lato surrettizio di Vita parigina: fotografare prostitute, magnaccia e ubriachi, di solito nel quartiere operaio di Montparnasse. Nel 1933, Brassai pubblicò il suo primo libro, Paris by Night, una raccolta di 64 fotografie che ritraggono i viali e i vicoli acciottolati della città, avvolti da un'intensa oscurità, perforati di tanto in tanto dal tenue bagliore delle lanterne a gas. Sebbene spesso apparentemente insignificanti nei loro soggetti, le immagini sono accattivanti, trasmettono un senso minaccioso di mistero e surreale, esemplificato perfettamente in Passage de Clichy. 

© Saul Leiter / Howard Greenberg

3. caffè, Parigi - Saul Leiter, 1959 

Saul Leiter (1923-2013), è stato uno dei primi pionieri della fotografia a colori, noto soprattutto per le sue immaginivvincenti delle strade che costeggiano la sua casa di Manhattan. Tuttavia, uno degli esempi più profondi del suo lavoro, e uno che mostra tutti i tratti per i quali è celebrato, è la sua immagine del 1959 di un parigino caffè. Scattato attraverso la finestra, una tecnica che prediligeva, il vetro riflette immagini delicate della strada esterna, inclusa un'immagine parziale del fotografo stesso. Mentre i toni tenui simili a pastelli che ha ottenuto in parte attraverso l'uso di pellicole Kodachrome scadute, conferiscono all'immagine una meravigliosa qualità simile a una pittura, indicativa del suo interesse attivo per il mezzo. 

French Cancan - Parigi - Fotografia in bianco e nero di Ilse Bing
© Ilse Bing

4. Ballerini francesi di Cancan, Moulin Rouge - Ilse Bing, 1931

Ilse Bing, nato a Francoforte, è stato uno dei fotografi più influenti del periodo tra le due guerre e un'icona del movimento modernista. Dato il moniker  'Regina della Leica' per la sua padronanza della rivoluzionaria fotocamera a mano, è stata pioniera di numerose tecniche, compreso l'uso del flash elettronico, la fotografia notturna e la solarizzazione.

In gran parte autodidatta, si è trasferita a Parigi nel 1930 per intraprendere la sua carriera fotografica e si è rapidamente affermata in prima linea nella scena artistica d'avanguardia della città, insieme a artisti del calibro di Brassaï e Man Ray. Le sue immagini sono spontanee e giocose, a volte tendenti all'astratto; esemplificato nella sua serie del 1931 che ritrae ballerini nell'iconico cabaret del Moulin Rouge. Qui, cattura brillantemente l'eccitazione e il fascino dell'occasione, i ballerini un vortice di seta a motivi geometrici appena definibili, quasi etereo; le luci scintillanti; il pubblico felice.

© Andreas Gursky

5. Parigi, Montparnasse - Andreas Gursky, 1993

Il capolavoro del fotografo tedesco Andreas Gursky ritrae l'edificio Mouchotte progettato da Jean Dubuission sulla riva sinistra di Parigi. Lungo un quarto di miglio, è l'edificio residenziale più grande della città e un eccellente esempio dell'architettura modernista di Parigi.

Il panorama grandangolare e il leggero punto di vista aereo sono tipici dello stile di Gursky, così come la geometria densa e l'uso del colore. L'immagine rappresenta una delle sue prime incursioni nella manipolazione digitale, un processo ormai sinonimo del suo lavoro, e in realtà consiste in diverse foto scattate utilizzando una fotocamera di grande formato e unite durante la post-produzione per formare un'unica, maestosa immagine.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di Robert Doisneau
© Willy Ronis

6. Il piccolo parigino - Willy Ronis, 1952 

Bambini che giocano sulla Senna; amanti che si abbracciano; un uomo anziano che gioca a bocce: i ritratti intimi della vita di Willy Ronis nella Parigi del dopoguerra sono diventati sinonimo del suo luogo di nascita.

Come il suo contemporaneo e buon amico Henri Cartier-Bresson, Ronis era un fornitore chiave di fotografia umanista. Si è concentrato sulla vita dei parigini della classe operaia, trovando momenti di bellezza e romanticismo in un periodo in cui la povertà e le agitazioni sociali erano diffuse. "Le Petit Parisien": l'immagine di un ragazzino che corre per la strada portando una baguette gigante, il suo viso raggiante di eccitazione, è forse la sua fotografia più iconica e rappresenta l'ottimismo e la brillantezza tecnica del suo lavoro. 

© Lucas Barioulet / AFP

7. Protester della maglia gialla - Lucas Barioulet, 2019

L'immagine sorprendente del fotoreporter di Parigi Lucas Barioulet è stata scattata durante le proteste dei giubbotti gialli all'inizio del 2019. A partire dalla fine del 2018, i manifestanti sono stati inizialmente galvanizzati da una tassa sul carburante pianificata, ma questa in seguito è cresciuto in una protesta contro la crescente disuguaglianza, e un governo ha visto per aver infranto le sue promesse al popolo.

L'immagine è potente nel suo simbolismo: la sfida del manifestante solitario nel suo giubbotto giallo; l'incombente Arc de Triomphe, uno dei monumenti più iconici del mondo e un simbolo dell'imperialismo francese; le deboli sagome del poliziotto parzialmente velate dal fumo dei lacrimogeni. L'immagine è un'eccellente incarnazione del giubbotti gialli movimento e in effetti la ricca storia della protesta della città nel suo complesso.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di William Klein
© William Klein

8. Backstage Alaïa Blonde + Hood - William Klein, 1986

Parigi è stata a lungo una città sinonimo del mondo della moda e William Klein, nato a New York, residente da molto tempo nella capitale francese, è ampiamente riconosciuto come uno dei fotografi più innovativi e influenti del settore. Non ortodosso nel suo approccio, dovuto, almeno in parte, al tempo trascorso sotto la tutela di Fernand Leger, le sue immagini spesso flirtano con l'astrazione. Ha combinato il flash con esposizioni multiple, ha usato un grandangolo o un teleobiettivo e ha fotografato modelli per strada invece che in studio, come era convenzionale all'epoca. 

Nel 1986, dopo una pausa ventennale dall'industria della moda, è tornato a produrre il documentario 'Mode in France': uno studio tipicamente insolito degli anni '80 haute couture con il lavoro dei designer Jean-Paul Gaultier e Azzedine Alaïa. Durante il backstage delle sfilate, ha scattato numerose fotografie, di cui 'Blonde & Hood' è forse la più iconica, rappresentando perfettamente gli attributi che hanno definito il suo lavoro rivoluzionario negli anni '50 e '60.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di Henri Cartier-Bresson
© Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

9. Place de l'Europe, Gare Saint Lazare - Henri Cartier-Bresson, 1932

Pochissimi fotografi hanno avuto un impatto sul mezzo alla maniera di Henri Cartier-Bresson: padre del fotogiornalismo e ampiamente considerato come il fotografo più influente del XX secolo. 

Il suo lavoro è caratterizzato da una capacità istintiva di catturare immagini spontanee e fugaci che trasmettono l'essenza del soggetto, un concetto che chiamava 'il momento decisivo'. Questo è forse meglio esemplificato in Place de l'Europe, Gare Saint Lazare (1932), un'immagine di una figura stagliata (la sua forma rispecchia quella di un ballerino sul poster sullo sfondo) che salta sull'acqua dietro la stazione di Parigi Gare Saint-Lazare. Una sorprendente combinazione di forma e composizione, è intriso del surrealismo che ha influenzato i suoi primi lavori e mostra perfettamente la sua capacità unica di creare immagini straordinarie da situazioni apparentemente ordinarie.

Parigi - Fotografia in bianco e nero di Elliot Erwitt
© Elliot Erwitt / Magnum Photos

10. Centenario della Torre Eiffel - Elliott Erwitt, 100

Nato a Parigi nel 1928, Elliott Erwitt è senza dubbio uno dei fotografi più influenti e prolifici al mondo la cui carriera dura da oltre 70 anni e ha incorporato il giornalismo così come commerciale e street photography. Nel 1951 Erwitt si arruolò nell'esercito e fu di stanza in Germania e Francia dove lavorò come assistente fotografo. Lasciò nel 1953 e poco dopo fu invitato a unirsi alla prestigiosa agenzia Magnum da Robert Capa, con il quale aveva stretto amicizia mentre viveva a New York. 

La sua collezione di lavori personali include una moltitudine di immagini di Parigi, raffiguranti viali, caffè e monumenti della città, nonché i suoi eclettici residenti, compresi i suoi cani, che sono presenti in modo prolifico nel suo lavoro. In questa immagine, utilizza il punto di riferimento più iconico di Parigi come sfondo per i soggetti gioiosi e proiettati. Preso nel 1989, possiede una qualità senza tempo spesso associata alla città e ha una bellezza e un senso dell'umorismo che caratterizzano il suo lavoro. 

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.