Ruota / Maison Meta

Editoriale Fotografia e intelligenza artificiale

©Revolve/Maison Meta

L’intelligenza artificiale segnerà la fine della fotografia? Quali sfide devono affrontare i fotografi e il mezzo può resistere? Unisciti a noi mentre approfondiamo queste domande cruciali.


─── di Josh Bright, 20 novembre 2023
  • Nell'aprile 2023, il fotografo Boris Eldagsen ha scosso il mondo della fotografia quando la sua immagine, intitolata "The Electrician", ha conquistato il primo posto nella categoria Creative Open al Sony World Photography Awards della World Photography Organization. Tuttavia, Eldagsen ha rifiutato il premio, rivelando che la sua creazione non era una fotografia ma, in realtà, interamente generata utilizzando l'intelligenza artificiale.

    Ai ha generato un'immagine in bianco e nero di due donne di Boris Eldagsen
    'L'elettricista' © Boris Eldagsen


    Eldagsen ha affermato di aver utilizzato l'immagine come esperimento per sfidare la competizione e accendere un discorso sul futuro della fotografia. Alcuni hanno messo in dubbio le sue motivazioni, percependolo come una cinica trovata pubblicitaria, ma qualunque sia il tuo punto di vista, questo evento ha senza dubbio avuto eco in tutto il settore della fotografia e ha sollevato importanti domande sul ruolo dell'intelligenza artificiale.

    Sebbene le immagini generate dall’intelligenza artificiale esistano fin dagli anni ’1960, con pionieri che esploravano il potenziale dei computer nell’arte, è solo nell’ultimo decennio che abbiamo assistito all’emergere di immagini veramente realistiche. Questa evoluzione può essere in gran parte attribuita all’ascesa del “deep learning”, un sottoinsieme dell’apprendimento automatico che utilizza reti neurali multistrato per raccogliere informazioni da vasti set di dati.

    Immagine generata dall'intelligenza artificiale di un cane corgi su una spiaggia
    Immagine di un corgi creata utilizzando DTutti-E © Courtesy DTutti-E


    Potresti chiederti perché, data la disponibilità di immagini IA di alta qualità da oltre un decennio, solo di recente hanno raccolto tale attenzione. La ragione principale di ciò può essere ricondotta allo sviluppo dell'algoritmo di deep learning di OpenAI, CLIP (Contrastive Language-Image Pretraining) nel 2020. CLIP combina perfettamente l'elaborazione del linguaggio naturale e la visione artificiale, consentendogli di comprendere e analizzare efficacemente le connessioni tra parole e parole. immagini, ponendo così le basi per la creazione di arte basata sull'intelligenza artificiale utilizzando suggerimenti basati su testo.

    Un’ulteriore accelerazione si è verificata lo scorso anno con l’avvento dei Latent Diffusion Models, una forma di tecnologia AI in grado di generare arte creativa e visivamente accattivante. DTutti-E di OpenAI, in particolare, è emerso con la capacità unica di trasformare le descrizioni di testo in immagini, trasformando le parole in rappresentazioni visive.

    Immagine del papa con un grande mantello bianco. Ai generato
    Il "Papa in giacca" virale generato dall'intelligenza artificiale © Pablo Xavier


    Questa ondata di popolarità ha portato alla proliferazione di immagini “realistiche” generate dall’intelligenza artificiale, come la recente rappresentazione virale del papa adornato con un’incongrua giacca invernale.

    Tuttavia, questa rapida ascesa ha sollevato anche preoccupazioni etiche. Le "foto" generate dall'intelligenza artificiale possono essere utilizzate per diffondere teorie del complotto, propaganda e altri scopi nefasti. E, mentre il fotoritocco e la manipolazione hanno fatto parte della fotografia sin dal suo inizio, esiste una distinzione tra l’editing tradizionale e la creazione di immagini interamente generate dall’intelligenza artificiale, sollecitate da individui.

    Immagine generata dall'intelligenza artificiale dell'arresto di Donald Trump
    Immagine generata dall'Ai dell'arresto di Trump © Eliot Higgins


    Indubbiamente, i confini si sono sfumati con l’avvento degli strumenti di intelligenza artificiale, come quelli disponibili in Photoshop che consentono agli utenti di select, rimuovere e sostituire elementi all'interno delle loro fotografie. La tecnologia per la produzione di immagini fotorealistiche è, per la maggior parte, ancora limitata, spesso ci sono dettagli sottili che mettono in luce l'inautenticità dell'immagine, in particolare quando sono coinvolte le mani umane, che spesso hanno un aspetto insolito.

    Ai ha generato la foto di una modella con delle fiamme dietro di lei. Da un articolo su "fotografia e intelligenza artificiale"
    © Cultured Mag / David King Reuben
    Il primo cartellone pubblicitario al mondo con immagini generate dall'intelligenza artificiale
    La "prima" campagna pubblicitaria al mondo generata dall'intelligenza artificiale (AI) © Revolve / Maison Meta


    Tuttavia, l’intelligenza artificiale è un campo in continua evoluzione e rappresenta una sfida per i fotografi “veri” con marchi commerciali sempre più propensi a utilizzare immagini generate dall’intelligenza artificiale anziché fotografie. Studio creativo dell'intelligenza artificiale Casa Meta ha creato una serie di pubblicità e campagne per marchi di moda, inclusa la "prima" campagna pubblicitaria al mondo generata dall'intelligenza artificiale (AI) per i rivenditori ruotare, mentre nota pubblicazione bimestrale di moda e arte, Rivista colta, ha recentemente pubblicato un editoriale di 30 pagine con Louis Vuitton esclusivamente con immagini generate dall'intelligenza artificiale.

    Un'immagine generata dall'intelligenza artificiale di una portinaia arrestata dalla polizia in Colombia
    Un'immagine generata dall'intelligenza artificiale utilizzata per rappresentare le proteste e la brutalità della polizia in Colombia. Amnesty International ha affermato di aver utilizzato immaginiI al posto delle fotografie come misura per salvaguardare l'identità e la sicurezza dei manifestanti © Amnesty International


    Amnesty International, recentemente è stata criticata per aver utilizzato immagini generate dall'intelligenza artificiale di manifestanti colombiani invece di fotografie autentiche, un incidente preoccupante che ha coinvolto la principale organizzazione mondiale per i diritti umani, i cui standard etici ci si aspetterebbe fossero più elevati. Abbiamo anche assistito ad alcune famose piattaforme di fotografia “pura” che sostengono tali immagini. Sebbene ciò abbia scatenato un inevitabile contraccolpo, sembra che lo abbiano previsto e siano disposti a perdere alcuni dei loro principali seguaci alla ricerca di un pubblico più ampio affascinato da questa nuova tecnologia.

    A volte, non si può fare a meno di pensare che le immagini generate dall’intelligenza artificiale stiano tentando di ingannarci. Mentre alcune creazioni di intelligenza artificiale si avventurano nei regni della fantascienza o del surrealismo, delineandosi chiaramente dalla realtà, altre tentano di imitare fotografie più tipiche, con crescente successo (in particolare per gli spettatori meno esigenti).

    Immagine generata dall'intelligenza artificiale del Mahatma Gandhi
    Immagine del Mahatma Gandhi generata dall'intelligenza artificiale e recentemente diventata virale © Jyo John Mulloor


    Prendi, ad esempio, il ritrattista Jos Avery, che ha accumulato un notevole seguito su Instagram con i suoi ritratti monocromatici, che ha presentato come vere e proprie fotografie. Ha sottotitolato le immagini con i nomi dei soggetti e aneddoti su di essi ed è arrivato persino a fornire dettagli sulla fotocamera che presumibilmente utilizzava. Tuttavia, alla fine, apparentemente sopraffatto dal senso di colpa, ha deciso di rivelare che tutti questi ritratti erano stati generati dall'intelligenza artificiale tramite Midjourney e poi ulteriormente modificati in Photoshop.

    Potrebbe aver rivelato il suo segreto, ma permangono ancora dubbi sull’integrità del suo approccio. Ad esempio, considera l'immagine qui sotto che presumibilmente rende omaggio a Elouise Cobell.

    Il ritratto generato dall'intelligenza artificiale di Jos Avery è stato realizzato "in omaggio" all'attivista nativa americana Elouise Cobell. © Jos Avery
    ritratto a colori di Elouise Cobell
    Ritratto fotografico della vera Elouise Cobell © Fire in the Belly Productions


    La rappresentazione da modello non assomiglia in alcun modo all'attivista nativo americano, come sottolineato da un commentatore che ha osservato: Quindi questo è presumibilmente un “omaggio” a una donna indigena nata nel 1945 e il tuo “impulso artistico” è stato quello di farla sembrare una modella di razza mista stile Kardashian!? Dov'è la foto originale, se esiste, dell'essere umano reale? E se sei così ispirato da lei, perché non pubblicare semplicemente una sua foto com'era realmente?

    Sebbene questo possa essere un singolo esempio, incarna l'approccio di numerosi "artisti" dell'intelligenza artificiale, che realizzano immagini che presumibilmente rispecchiano la "realtà" ma in pratica sono artificiali e idealistiche, guidate dalla ricerca di accumulare il maggior numero di Mi piace.

    La rapida proliferazione dell’intelligenza artificiale potrebbe anche essere di particolare preoccupazione per i fotografi che hanno catturato immagini che possiedono una qualità ultraterrena e surreale o un livello di tempismo e inquadratura così perfetto da sfidare quasi la realtà. Prendi, ad esempio, l'immagine qui sotto, catturata da Brian Goldfarb. Anche se può sembrare ultraterreno, in realtà è una fotografia reale, scattata nelle Bonneville Salt Flats vicino a Salt Lake City, negli Stati Uniti.

    foto a colori di un uomo e della tv a Bonneville Salt Flats, Utah, USA di Brian Goldfarb
    “L'insonne”. Bonneville Salt Flats, Utah, Stati Uniti © Brian Goldfarb


    Goldfarb ha avuto l'idea di scattare un'immagine surreale di un amico che guarda la TV in mezzo alle saline durante un viaggio nella zona. Con l'aiuto di un caro amico, ha fatto di tutto, assicurando una TV e prendendo in prestito un generatore e una prolunga (poi rimossi in Photoshop) e con temperature gelide e venti forti, ha catturato questa immagine straordinaria mentre il sole stava tramontando: un esempio di ciò che la fotografia può ottenere attraverso l’immaginazione, una messa in scena meticolosa e uno sforzo notevole. In passato, tali immagini sarebbero state celebrate per la loro maestria. Tuttavia, oggi, c’è il rischio che possano essere liquidati come la creazione di una macchina ben guidata piuttosto che come il risultato di un professionista esperto e creativo.

    Qui a The Independent Photographer, negli ultimi mesi abbiamo riflettuto ampiamente sul ruolo delle immagini dell'intelligenza artificiale. Recentemente abbiamo pubblicato un dichiarazione, riflettendo il nostro punto di vista, e ha ricevuto feedback estremamente positivi dalla nostra comunità di fotografi e appassionati di fotografia.

    Mentre studiamo l'affascinante lavoro dei maestri e veniamo riportati indietro nel tempo, immaginando i momenti in cui hanno premuto l'otturatore mentre tutti gli elementi convergevano solo per un istante fugace, o quando esaminiamo la diversità delle incredibili proposte che riceviamo ai nostri premi che ogni mese ci trasporta in ogni angolo del globo, siamo davvero stupiti di ciò che questo mezzo può ottenere.

    Fotografia di viaggio a colori di pellegrini in cammino a Varanasi, India, di Eduardo Ortiz
    "Ghat e anime". Varanasi, India. ©Eduardo Ortiz


    Sebbene le immagini generate dall’intelligenza artificiale possano avere il loro posto, non potranno mai replicare veramente l’essenza profonda della fotografia. Il talento genuino e l'abilità artistica di coloro che sono all'avanguardia nel nostro campo rimangono impareggiabili, ricordandoci la capacità unica della fotografia di immortalare momenti di vita reale che, senza la fotocamera, andrebbero persi per sempre.

    Tuttavia, questo argomento è innegabilmente in continua evoluzione e la domanda che dobbiamo porci non è se le immagini generate dall’intelligenza artificiale soddisfino i criteri dell’arte, ma piuttosto se dovremmo attribuire loro lo stesso valore di quelle realizzate dai fotografi. Di conseguenza, dobbiamo decidere se ci sentiamo a nostro agio con il potenziale scenario in cui le immagini generate da suggerimenti e macchine sostituiscono un mezzo che richiede immensa abilità, creatività, sforzo, dedizione e, cosa più importante – come affermato in modo così eloquente da uno dei più grandi mezzi – umanità.

     

    "C'è una cosa che la fotografia deve contenere, l'umanità del momento."

    - Robert Frank


    Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari