Moises Saman

Editoriale Fotografia e morte

© Moises Saman

Nel corso della storia, i grandi fotografi hanno cercato di catturare l'essenza della condizione umana, esplorando le domande inerenti a tutti noi. È forse naturale quindi che la morte sia un argomento così spesso esaminato.


─── Josh Bright, 11 febbraio 2020

Il fotogiornalismo, in particolare, è intrinsecamente legato al soggetto, poiché, sin dal suo inizio, è stato saldamente fondato sulla guerra, con Roger Fenton, Valle dell'ombra della morte, (uno degli oltre trecento catturati durante la guerra di Crimea) la prima rappresentazione iconica di questo tipo. Come tutte le sue immagini, la morte umana non è raffigurata, ma le centinaia di palle di cannone che tappezzano la strada, simboleggiano lo spargimento di sangue che ha avuto luogo lì.

NB: questo articolo contiene immagini che possono essere angoscianti per alcuni lettori
Roger Fenton - Valle dell'ombra della morte, 1855 © J. Paul Getty Museum


Robert Capa, uno dei fondatori della prestigiosa agenzia Magnum, è senza dubbio uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi, rinomato per le sue avvincenti immagini di guerra. Il suo più iconico raffigura il momento preciso in cui un soldato repubblicano viene colpito a morte da un proiettile nemico durante la guerra civile spagnola, un'immagine che mostra il virtuosismo di Capa e incarna in modo sincrono sia l'intenso dramma che la disperata tragedia della guerra.

Sorprendentemente, Capa ha affermato di averlo catturato senza vista, sollevando la telecamera sopra la sua testa mentre giaceva in una trincea repubblicana durante la battaglia del Cerro Muriano, sebbene ci siano stati, dagli anni '1970, alcuni dibattiti sulla sua autenticità, con alcuni critici che lo affermano è stato messo in scena.

Robert Capa - Falling Soldier, 1936 © Centro internazionale di fotografia


Nonostante questo,
Il soldato che cade (come è diventato noto), rimane indubbiamente una delle fotografie di guerra più eccezionali e influenti mai prodotte, incapsulando lo stile del 'primo piano', per il quale Capa (che una volta ha detto "Se le tue foto non sono abbastanza buone, allora non sei abbastanza vicino") divenne sinonimo e da allora in poi pose le basi per il fotogiornalismo.

Tragicamente, questa dedizione alla sua arte, indipendentemente dal suo pericoloso ambiente, alla fine lo portò alla morte; nel 1954 calpestò una mina mentre documentava la guerra francese in Indocina.

La guerra civile di Cipro, Limassol, Cipro ”, 1964 © Don McCullin
Un gruppo di combattenti di strada, Managua, Nicaragua 1979 © Susan Meiselas / Magnum Photos
Muchachos attende il contrattacco della Guardia Nazionale, Matagalpa, Nicaragua 1979 © Susan Meiselas / Magnum Photos


George Strock, come Capa, era tenace nella sua dedizione a catturare le brutali realtà della guerra, spesso mettendosi in pericolo nel processo.
Il suo ritratto inquietante di tre soldati americani, i loro cadaveri semisepolti nella sabbia della spiaggia di Buna Beach in Papua Nuova Guinea, è senza dubbio una delle più importanti fotografie di guerra mai scattate, anche se quasi mai resa di pubblico dominio.

George Strock - Tre americani morti sulla spiaggia di Buna, 1943 © Time & Life Pictures / Getty images


Life
La rivista, per la quale all'epoca lavorava Strock, fu inizialmente bloccata dalla pubblicazione dell'immagine dai censori militari del governo degli Stati Uniti, che fino a quel momento avevano protetto dalla vista del pubblico tutte le immagini dei soldati americani morti. Tuttavia, gli editori delle riviste, (irremovibile sul fatto che l'immagine dovrebbe essere vista dal pubblico americano, che a loro parere era largamente ignaro delle brutali realtà della guerra nel Pacifico), organizzò una campagna per ribaltare il divieto, che, dopo nove mesi, e in gran parte grazie all'intervento dello stesso Roosevelt, fu un successo.

Nel settembre del 1943 fu pubblicata l'immagine, insieme a un editoriale che si concludeva con quanto segue: “Quindi eccolo qui. Questa è la realtà che si cela dietro i nomi che finalmente si posano sui monumenti nelle piazze verdeggianti delle affollate città americane ".

Battaglia per Saigon, 1967 © Phillip Jones Griffiths / Magnum Photos
Ragazzo ucciso dagli spari di un elicottero americano, Vietnam 1968 © Phillip Jones Griffiths / Magnum Photos


La morte e gli orrori della guerra sono stati raramente così palpabili come nelle immagini che documentano la guerra del Vietnam, molte delle quali hanno alterato il corso del conflitto in modo senza precedenti.

Phillip Jones Griffiths serie Vietnam Inc., una raccolta che fa riflettere di immagini monocromatiche che documentano il costo umano del conflitto, include molti di questi esempi. Allo stesso modo, il ritratto di Horst Faas di un contadino, che tiene tra le braccia il piccolo corpo del suo bambino morto, un'immagine straziante che sembra incarnare la futilità del conflitto.

Horst Faas, Vietnam 1964 - © Horst Faas / AP Photo


Anche se forse l'immagine che meglio incarna l'orrore della guerra, ed è senza dubbio una delle più famigerate, è la rappresentazione di Eddie Adams dell'esecuzione di un soldato vietcong da parte del capo della polizia sudvietnamita, il generale Nguyen Ngoc Loan.

Completamente angosciante, l'espressione calma di Loan smentisce la brutalità della sua azione e contrasta con quella della sua vittima, il viso contorto dall'agonia quando il proiettile gli entra nel cranio. Ha adornato le pagine dei giornali di tutto il mondo, provocando shock e furia diffusi e portando a domande sulla narrativa che ritraeva i sud vietnamiti, (gli alleati degli Stati Uniti), come i bravi ragazzi, e in definitiva la legittimità della guerra nel suo insieme.

Eddie Adams - Esecuzione a Saigon, 1968 © Eddie Adams / AP Photo


Successivamente ha vinto il
Pulitzer Premio ed è stato incluso anche in Tempo rivista top 100 foto più influenti di tutti i tempi, ma in seguito Adams espresse rammarico per le inesorabili ramificazioni che provocò, in particolare la diffusa diffamazione del boia Loan. All'insaputa dei più, compreso, all'epoca, lo stesso Adams, la vittima aveva recentemente assassinato la famiglia di uno dei suoi vice.

Scrivere dentro Tempo poco prima della sua morte nel 2004, Adam ha riflettuto sulla sua immagine più famosa “Due persone sono morte in quella fotografia: il destinatario del proiettile e il generale Nguyen Ngoc Loan. Il generale ha ucciso i Viet Cong; Ho ucciso il generale con la mia macchina fotografica. Tuttavia, le fotografie sono l'arma più potente del mondo ".

Nilüfer Demir - Alan Kurdi, 2015 © Nilüfer Demir / Agence France-Presse / Getty Images


Poche immagini suscitano emozioni come quella di Alan Kurdi, un rifugiato siriano di 3 anni di origine curda, il cui piccolo corpo senza vita è stato lavato sulla spiaggia nel sud della Turchia il 2 settembre 2015.
A poche ore dal suo concepimento, l'immagine, catturata dal fotoreporter locale Nilüfer Demir, è stata applicata su quasi tutte le piattaforme di notizie in tutto il mondo, generando una tempesta di social media senza precedenti e causando vergogna ai governi europei, molti dei quali fino a quel momento avevano fatto poco. per accogliere i rifugiati.

Una delle tante migliaia che hanno incontrato un destino simile mentre fuggivano dalla loro patria devastata dalla guerra, l'immagine di Alan Kurdi rimane un simbolo duraturo, sia del conflitto in Siria che della crisi dei rifugiati in corso.

Una chiesa è avvolta dal fumo delle fiamme vicine nella regione di Vila Nova Samuel, Brasile © Sebastián Liste / NOOR for TIME


Gli ultimi anni hanno visto immagini sorprendenti che rappresentano la morte di un tipo diverso: quello del nostro pianeta. Poche regioni esemplificano questa distruzione ecologica in modo più vivido della foresta pluviale amazzonica; il più grande del mondo, comprende oltre la metà della restante foresta pluviale della terra, ma è in rapido declino, accelerato drammaticamente dai recenti incendi che hanno avvolto gran parte della regione.

Fotografo spagnolo Sebastián Liste ha documentato gran parte della devastazione, inclusa questa straordinaria immagine di una chiesa travolta dalle fiamme. Intriso di simbolismo apocalittico: il bagliore infernale delle fiamme che penetrano nell'oscurità; la croce solitaria; agisce sia come un cupo testamento degli incendi, sia come potente metafora della distruzione del nostro pianeta nel suo complesso.

Incendi causati da agricoltori che abbattono nuove terre per coltivare pascoli - Realidade, Stato dell'Amazzonia, Brasile 26 agosto 2019 © Sebastián Liste / NOOR for TIME


Come abbiamo visto, il rapporto della fotografia con la morte è sia lungo che storico; un rapporto che ha prodotto alcune delle immagini più importanti della storia e che senza dubbio continuerà.
L'incombente ineludibilità della morte lo rende un argomento che risuona profondamente con tutti noi.

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari