Jean Gaumy / Magnum Photos

Top 10 Il Portogallo in 10 immagini iconiche

© Jean Gaumy / Magnum Photos

Quando il XIX secolo passò al XX, la fotografia raggiunse un bivio, colmando il divario tra industria, scienza e arte, oltre a rappresentare una pietra miliare nella modernità.


─── di Rosie Torres, 24 giugno 2020

La fotografia ha avuto un profondo effetto su tutti i tipi di rappresentazione artistica e non ed è stata immediatamente integrata nel contesto artistico e commerciale della società europea, incluso il Portogallo, dove ha prodotto un ritratto innovativo della cultura contemporanea.

© Elena Almeida
© Elena Almeida

1. Helena Almeida - Ouve-me ("Ascoltami")

Helena Almeida è associata al movimento della Body Art e le sue esibizioni affrontano il ritratto delle donne nella storia. Artista multidisciplinare, i lavori radicali e autoriflessivi di Almeida riguardano il corpo e il rapporto della fotografia con le altre arti plastiche, come la pittura. Ha rappresentato il Portogallo due volte alla Biennale di Venezia.

© Gilles Peress / Magnum Photos
© Gilles Peress / Magnum Photos

2. Gilles Peress - La rivoluzione dei garofani, 1974

Nel 1974, fotografo francese Gilles Peress era in Portogallo quando un colpo di stato militare sfidò e rovesciò il regime autoritario dell'Estado Novo del Portogallo. Inizialmente organizzato dal Movimento delle Forze Armate, era composto da ufficiali militari che si opponevano al regime ma presto riunirono una campagna popolare di resistenza civile. Insieme, il popolo e l'esercito porterebbero alla caduta del governo e all'eventuale ritiro del Portogallo dalle sue colonie africane.

© Eduardo Gageiro
© Eduardo Gageiro

3. Eduardo Gageiro - Nazaré, 1962

Uno dei fotografi più acclamati del Portogallo e ampiamente considerato il più importante fotoreporter del paese, Eduardo Gageiro fece pubblicare la sua prima fotografia sulla prima pagina di Diário de Notícias quando aveva dodici anni. Da allora ha fotografato avidamente, lavorando come repubblicato per varie pubblicazioni e agenzie di stampa e vincendo premi al The World Press Photo awardS. I suoi metodi estetici e compositivi possono essere equiparati a quelli di W. Eugene Smith con un occhio che cerca sempre l'umanità nei soggetti.

© Bruno Barbery / Magnum Photos
© Bruno Barbery / Magnum Photos

4. Bruno Barbey - Pellegrinaggio cattolico, regione del Minho, 1979

Bruno BarbeyLa straordinaria capacità di assorbire ciascuna delle sue foto con una serenità spirituale è esemplificata in questa foto in cui un bambino vestito da angelo, è posizionato proprio nel posto giusto per essere colpito da un solitario raggio di sole. Dietro, un genitore allatta il proprio bambino, in quello che potrebbe essere un presepe moderno, richiamando il racconto biblico della nascita di Gesù.

© Miguel Barreira
© Miguel Barreira

5. Miguel Barreira - Sports Action, vincitore di World Press Photo, 2008

Miguel Barreira cattura il momento in cui il bodyboarder Jaime Jesus ha colto un'enorme onda durante il campionato Nazaré Special Edition. Una delle gare sportive più importanti in Portogallo, Jesus ha affrontato onde di oltre cinque metri e ha vinto il premio per la più grande eliminazione durante la competizione, uscendo illeso, solo un po 'più bagnato. Per questa foto, Berreira ha vinto il terzo premio al World Press Photo categoria sportiva del 2008.

© Josef Koudelka / Magnum Photos
© Josef Koudelka / Magnum Photos

6. Josef Koudelka - Bull attraversa Nazare, 1976

Giuseppe KoudelkaL'iconica inquadratura di un toro che semina il caos per le strade dell'Estremadura è comica e affascinante nella sua serendipità. Mentre la gente si allontana per evitare le sue corna, si vede il toro che si allontana quasi allegramente, dopo aver completato il suo sporco lavoro. Koudelka mostra coraggio rimanendo a terra per documentare l'incidente, pienamente consapevole che il toro potrebbe venire a prenderlo in qualsiasi momento.

Arturo Pastore
© Arturo Pastor

7. Artur Pastor - Luce celeste

Mentre terminava gli studi di agraria a Evora, in Portogallo nel 1942, Artur Pastor decise di utilizzare le fotografie per illustrare la sua tesi finale. Fu così che sviluppò un gusto per la fotografia che lo avrebbe affascinato per il resto della sua vita. Dopo la laurea inizia a comporre foto per il Ministero dell'Agricoltura a Montalegre e successivamente si trasferisce a Lisbona.

© Jean Gaumy / Magnum Photos
© Jean Gaumy / Magnum Photos

8. Jean Gaumy - Partigiani che celebrano la vittoria di Mario Soares 1975 

Dopo il colpo di stato militare e popolare del 1974, il Portogallo è precipitato in un'era caotica in cui i partiti di sinistra non sono riusciti a rendere possibile un governo di maggioranza e i partiti socialista e comunista sono stati costretti a costruire un governo di minoranza per contrastare il vuoto lasciato dalla caduta del autoritari. 

Fotografo francese Jean Gaumy faceva la cronaca per Magnum photos la caduta della destra e l'ascesa della sinistra mentre si svolgeva davanti a lui. Le sue foto sono diventate un grande documento sullo sviluppo della vita agricola in Portogallo, ma in seguito si è ramificato per documentare interni, comunità e individui per produrre una delle cronache più complete e importanti della vita rurale in Portogallo per tutto il XX secolo.

© Gérard Castello Lopes
© Gérard Castello Lopes

9. Gérard Castello Lopes - Algarve, Portogallo, 1957

Castello Lopes ha vissuto la maggior parte della sua vita in varie città d'Europa, stabilendosi successivamente a Parigi per studiare economia. Sebbene la sua vita accademica ruotasse attorno ai numeri, la sua vera passione erano il cinema e la fotografia. Figlio di un professionista dell'industria cinematografica, Castello Lopes è stato coinvolto in più produzioni cinematografiche portoghesi e in seguito è stato uno dei fondatori del Centro portoghese di cinema. Come fotografo autodidatta, ispirato nientemeno che da Cartier-Bresson, l'amore di Castello Lopes per le arti ha superato la pittura, la scultura, il cinema, la letteratura e ha influenzato la sua fotografia.

© Guy Le Querrec / Magnum Photos
© Guy Le Querrec / Magnum Photos

10. Guy Le Querrec - Zona industriale, Barreiro, 1974

Francese di nascita Guy Le Querrec si è fatto un nome per la prima volta fotografando musicisti jazz a Londra alla fine degli anni '1950 e gli è stato chiesto di unirsi a loro Vu agenzia nei primi anni '70 dal fondatore Pierre de Fenoyl. Nel 1972 ha fondato la propria agenzia, Viva, ma ha lasciato la testata dopo che gli è stato chiesto di partecipare Magnum photos nel 1976. Querrec, proveniente da un background musicale, ha detto di aver visto tutti gli scenari in senso musicale. 

Questa immagine di operai dell'industria che fanno una pausa tra le macchine ricorda i suoni degli organi in una chiesa o le file di musicisti orchestrali in un concerto. È anche un'interessante esplorazione del Portogallo in quanto ha sviluppato il suo fiorente paesaggio industriale alla fine del XX secolo.  

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.