Jonathan Alpeyrie

Colloquio Professione: fotografo di guerra

© Jonathan Alpeyrie

Fotografo di guerra Jonathan Alpeyrie era al suo terzo viaggio in Siria nell'aprile 2013, quando è stato rapito e tenuto prigioniero per 81 giorni prima di essere acquistato da un terrorista che pensava che la sua buona azione lo avrebbe eliminato dalla no-fly list.


─── Di Erik Nielsen, 24 giugno 2020

Alpeyrie, 39 anni, ha coperto 13 guerre in più di 35 paesi tra cui Iraq, Ucraina e Venezuela. Anche dopo tutto il trauma, ha sopportato di essere ancora costretto dal conflitto e regolarmente esce per un incarico. Alpeyrie ha parlato con il giornalista Erik Nielsen della copertura delle guerre in tutto il mondo, dell'essere catturato in Siria e delle sue immagini che definiscono la carriera.

Un combattente dell'FSA è alla ricerca dall'interno di una posizione difensiva dopo che le forze governative hanno appena bombardato l'area con carri armati 80 km a nord di Damasco - Siria, 25 aprile 2013, di Jonathan Alpeyrie
Un combattente dell'FSA è alla ricerca dall'interno di una posizione difensiva dopo che le forze governative hanno appena bombardato l'area con carri armati 80 km a nord di Damasco - Siria, 25 aprile 2013


- Erik Nielsen:
In che modo l'era digitale ha influenzato il tuo lavoro e la tua pratica del fotogiornalismo?

- Jonathan Alpeyrie: Ho trentanove anni quindi provengo da un aspetto più tradizionale del giornalismo. Stavo girando su pellicola e poi sono passato al digitale per ovvie ragioni finanziarie. La tecnologia ha molto a che fare con il rendere le cose più complicate per i ragazzi che ce l'hanno fatta e hanno fatto carriera facendo questo per molto tempo. Siamo molto costosi e riviste e giornali, come sono sicuro che tu sappia, non hanno più il tipo di fondi che avevano una volta. Mi sono allontanato completamente dalle notizie. Faccio solo cose pesanti come la guerra. Sono stato spesso in Iraq l'anno scorso. Sono tornato in Ucraina. Sto facendo ritratti di veterani di guerra. Sto facendo un'altra serie sui gemelli sopravvissuti all'Olocausto. Ma il mondo delle notizie non è più interessante.

Dopo essere state separate dagli uomini, le donne locali vengono caricate su camion in fuga dalla zona di combattimento - West Mosul, Nord Iraq, 23 marzo 2017.


- Erik Nielsen:
Come hai deciso in passato quali incarichi valeva la pena rischiare la vita?

- Jonathan Alpeyrie: Coprivo le guerre in Africa. Che sono state difficili, molte esperienze pesanti lì. Per lo più in Africa orientale. Mi sono allontanato da quelli man mano che diventavo più conosciuto e di successo. Il che ha portato alla copertura mainstream di guerre come l'Afghanistan. La guerra in Georgia. Quindi questa è la progressione che ho scelto.

Unità di polizia UPP - Rio de Janeiro, Brasile, 22 maggio 2019.
Northern Mosul, Iraq, 4 maggio 2017.


- Erik Nielsen:
Perché pensi che i media impieghino così tanto tempo a mettersi al passo con certe guerre? Hai già detto come sei arrivato in Siria prima che tutti gli altri vi gravitassero.

- Jonathan Alpeyrie: Con la Siria, sapevo che sarebbe stata una brutta situazione. Quando parli di più dei conflitti africani a nessuno importa. A nessuno importa davvero. In parte perché quando chiedi a qualcuno, prima di tutto non dici nemmeno il paese. Dici solo Africa e ovviamente ci sono differenze tra le nazioni. Quindi dico Africa orientale o Somalia. Sono viaggi molto costosi. Sono molto difficili da aggirare.

I ribelli dell'OLF si stanno raggruppando nel nord del Kenya, 2006, di Jonathan Alpeyrie
I ribelli dell'OLF si stanno raggruppando nel nord del Kenya, 2006


- Erik Nielsen:
Qual è la foto più rischiosa che hai mai scattato?

- Jonathan Alpeyrie: In Siria. La Siria è sempre stata cattiva, le bombe cadevano a caso. Mosul è stata intensa. Ho corso molti rischi. Sto andando per una strada e c'è un cecchino dell'ISIS che controllava l'area e sono andato così [gesticola con le mani] per sparare ed è stato super pericoloso perché il ragazzo avrebbe potuto facilmente fulminarmi. Ma volevo davvero ottenere la moschea dove si nascondeva.

Le forze irachene stanno cercando di localizzare un cecchino a Mosul occidentale, nel nord dell'Iraq - 23 marzo 2017 Alpeyrie
Le forze irachene stanno cercando di localizzare un cecchino a Mosul occidentale, nel nord dell'Iraq - 23 marzo 2017
Un uomo della milizia sta indicando un elicottero dell'esercito di passaggio, distretto di Terai occidentale, Nepal, 12 febbraio 2005


- Erik Nielsen:
In una precedente intervista hai detto: “Quando torni a casa devi fare cose come fare la fila e diventa molto noioso”.

- Jonathan Alpeyrie: È vero che nella nostra professione sai di operare sempre ai margini della legalità. Sempre. E se riesci a romperlo, lo fai, lo fai tutto il tempo. Essere contrabbandato in un paese e di nuovo in quel paese. E le leggi in guerra non si applicano allo stesso modo di qui perché non ci sono guerre. Voglio dire, ci sono leggi di guerra in senso filosofico. Ma la seconda parte della tua domanda è quando torni a casa, le cose sono diventate noiose. È vero. Questo è vero per i soldati e penso che sia una conseguenza naturale del fatto che gli umani sono in conflitto e vengono distrutti in quel modo, quindi è difficile tornare alla normalità.

Una donna sola è in piedi di fronte a una casa bombardata - Debalteve, Oblast di Donbass, Ucraina, 6 febbraio 2015.


- Erik Nielsen:
Dopo essere stata rapita, la maggior parte delle persone penserebbe, sai, che non saresti tornato indietro. Cosa ti fa andare avanti?

- Jonathan Alpeyrie: Quando sono tornato per la prima volta sono stato un po 'pazzo per un paio di mesi. Ma la guerra in Ucraina è stata un salvatore per me. Sono tornato in Egitto per coprire tutte le rivolte e gli attentati, ma non è guerra. Poi sono andato direttamente in Ucraina. Quindi sono andato a est, dopo. Questo è ciò di cui avevo bisogno, avevo bisogno di affrontare tutte le mie paure ed è stato molto catartico. Così sono tornato subito al conflitto. Quasi due anni di fila.

I separatisti stanno seppellendo 4 dei loro morti nei combattimenti contro l'esercito ucraino - a sud di Donetsk, Ucraina, 18 agosto 2014.


- Erik Nielsen:
Allora qual è la distinzione tra guerra e politica?

- Jonathan Alpeyrie: Sono la stessa cosa. La guerra è spesso l'ultimo tratto. Potresti avere la diplomazia per un po 'di tempo e poi c'è l'ultima risorsa e questa è la guerra. Ma è pesante, è davvero difficile da dire. Non è così facile.

 

Nato a Parigi nel 1979, la carriera di Jonathan Alpeyrie, che si estende per oltre un decennio, lo ha portato in oltre 25 paesi. Ha coperto 9 zone di conflitto, principalmente in Africa orientale, Caucaso meridionale, Medio Oriente e Asia centrale.

Tutte le immagini © Jonathan Alpeyrie