Raymond Depardon

Profilo Raymond Depardon: The Roving Eye

© Raymond Depardon

Uno dei fotografi viventi più importanti di oggi, Raymond Depardon ha condotto una vita straordinaria, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali e ha fotografato alcuni degli eventi più importanti del XX secolo.


─── Rosie Torres, 25 marzo 2019

Le sue immagini coprono conflitti e celebrazioni, vita quotidiana e momenti di sconvolgimento; il suo lavoro celebra la bellezza del pianeta e la diversità della sua gente. Affermando di essere ossessionato solo dalla fotografia, il suo occhio vagabondo ha inseguito immagini fin dall'infanzia.

Carta d'identità a 15 anni come membro del club Chasseur d'images, 1957


Scattando dall'età di 12 anni, Depardon ha descritto la sua epifania fotografica:

“Penso che la fotografia fosse dentro di me. Una volta che l'ho trovato
è diventato più forte di me e mi sono rifugiato in esso. "

Ha trascorso i suoi primi giorni a fotografare la vita nella fattoria in cui viveva. Le sue foto sono semplici e umili, ma mostrano una comprensione altamente sviluppata del mezzo. Quella che divenne un'ossessione infantile ha portato a una vita di successo.

Da 'La ferme du Garet', Francia 1987
Da 'La ferme du Garet', Francia 1995


Nel 1960, due anni dopo essersi trasferito a Parigi, il primo portfolio di Depardon lo aiutò a entrare a far parte dell'agenzia fotografica Dalmas come giornalista, dove ottenne rapidamente incarichi. Fu qui che ebbe le sue prime opportunità di vedere il mondo.

Negli anni successivi ha lavorato per Dalmas, ma ha rapidamente guadagnato abbastanza successo indipendente da aprire la sua agenzia fotografica, Gamma, nel 1966. Gamma ha permesso a Depardon di assumere progetti in cui era più personalmente coinvolto.

Bambini che costruiscono il proprio muro di Berlino, Berlino Est, 1972
Deserto del Ténéré, Niger, 1989


Dagli anni '1960 in poi, Depardon è stato di stanza in Africa, dove ha prodotto alcune immagini paesaggistiche mozzafiato, oltre a documentare i diversi popoli del continente.

"Volevo soffocare in piedi davanti alla vasta Africa, trovarmi sopraffatto, sul lato della strada dove la nostra macchina si sarebbe guastata, per giorni, rimanere in silenzio e ascoltare".

Massaoua, Eritrea, 1995
Faya, Borkou, Ciad 1978
Premio de Faya-Largeau par les combattants du Frolinat, Ciad, 1978


Dal 1975 al 1977 Depardon ha viaggiato molto in Ciad,
un punto di svolta nella sua carriera. L'anno successivo nel 1978 lui ha ricevuto un Premio Pulitzer per il suo lavoro in Africa. La sua reputazione è cresciuta rapidamente e ha lasciato Gamma per diventare un Magnum foto associato, poi membro a pieno titolo nel 1979.

Alla fine degli anni '60 Depardon attraversò l'Atlantico per coprire la Convenzione Nazionale Democratica che era stata drammaticamente interrotta dall'arrivo di 10,000 manifestanti, gridando sulla guerra del Vietnam. Questo fu l'inizio di una lunga e fruttuosa relazione con gli Stati Uniti che durò diversi decenni.

White Sand, Nuovo Messico, 1982
I manifestanti contro la guerra affrontano le truppe federali a Grant Park, 1968
Distretto di Harlem, 110th Street, New York City, USA 1981


Depardon ha trascorso i primi anni ottanta viaggiando attraverso gli Stati Uniti dal New Mexico alla California, fotografando i vasti e variegati paesaggi del paese ispirandosi alle foto di Anselm Adams e dei grandi fotografi di paesaggi prima di lui.

Innamorato del terreno selvaggio dell'America, Depardon ha continuato la sua serie alla fine degli anni Novanta, producendo immagini diverse da quelle della sua normale opera, sfumate con l'idea di `` Il tocco francese '', un'idea che aveva avuto all'inizio della sua carriera, una visione degli stati che era staccata dai legami nazionali che un americano ha.

Arizona, USA 1982

"A quei tempi eravamo completamente convinti del sogno americano"

Lavorando con il quotidiano francese Liberation, Depardon ha intrapreso una corrispondenza fotografica da New York inviando una foto e una didascalia una volta al giorno per un mese, creando una foto-novella della vita quotidiana negli Stati Uniti. Le sue immagini insolite hanno segnato una svolta nella sua creatività fino a quel momento.

Coney Island, New York, USA, 1981
Denver, Colorado, 1982


Nel 1980 il quotidiano Sunday Times di Londra invitò Depardon a fotografare Glasgow, come parte di una serie sulle città con industrie fatiscenti. Sebbene le fotografie non siano mai state effettivamente utilizzate dalla carta, sono diventate uno dei suoi lavori più riconosciuti fino ad oggi.

Rendendo la città di Glasgow incredibilmente austera, Depardon ha dipinto il popolo scozzese in un modo straordinariamente bello e umanista.

Glasgow, Scozia, 1980
Glasgow, Scozia, 1980
Glasgow, Scozia, 1980


“Il fotografo è pieno di dubbi. Niente lo calmerà "

Sul traghetto diretto a Staten Island. Sullo sfondo: Manhattan, New York, USA, 1981


Concentrandosi maggiormente sulla produzione di opere in Francia, Depardon continua a svolgere un ruolo importante nella cultura francese, lavorando contemporaneamente come artista e come testata culturale.

Raymond Depardon negli anni si è affermato come autore e ispirazione, con l'energia di chi ha scoperto la fotografia per la prima volta. Un artista implacabile, idealista e visionario, dobbiamo ringraziare Depardon per averci insegnato così tanto sul mondo che cambia.

Tutte le immagini © Raymond Depardon / Magnum Photos