Marcel Gautherot

Editoriale Rollei e Rolleiflex

© Marcel Gautherot

"Appoggiandosi sulla prima Rollei proprio come una profetessa sulla sua sfera di cristallo,
una domanda il tempo. " - Robert Doisneau


─── Rosie Torres, 19 aprile 2019

Rollei, anche se non così grande come Kodak o Nikon, ha comunque rivendicato il suo posto nella storia della fotografia, sviluppando il proprio seguito di utenti devoti, inclusi alcuni dei fotografi più importanti del mondo come Robert Capa e Richard Avedon.

Marilyn Monroe Banff, Canada, 1953 Rolleiflex
Marilyn Monroe Banff, Canada, 1953 © John Vachon


Fondata da Reinhold Heidecke e Paul Franke nel 1920, produttori di fotocamere di professione, Rollei iniziò la sua vita come un'impresa modesta, che si fece strada verso l'alto.

La leggenda narra che durante la prima guerra mondiale, Heidecke stava sbirciando dalla cima di una trincea di guerra con un periscopio quando pensò a un'idea per una fotocamera che usasse lo stesso principio di due obiettivi separati ma identici: uno per scattare foto e uno per visualizzarli . Questa idea sarebbe poi diventata il sistema Rollei Twin-Lens Reflex (TLR).

Autoritratto con John Steinbeck, 1947 © Robert Capa
Autoritratto con John Steinbeck, 1947 © Robert Capa
Robert Doisneau Autoritratto Rolleiflex
Autoritratto, 1947 © Robert Doisneau


Dopo la guerra, Heidecke portò la sua idea del TLR ai capi di Voigtlander, il più antico produttore di fotocamere, e al suo nuovo posto di lavoro. Non sorprendentemente, hanno rifiutato la sua offerta. Tuttavia, credendo fermamente nella sua visione, Heidecke lasciò la società per fondarne una propria, insieme all'aiuto di Paul Franke.

Adeguamenti di fabbrica Rolleiclub
Adeguamenti di fabbrica © Rolleiclub


Prima di procedere direttamente allo sviluppo del sistema TLR, avrebbero realizzato delle telecamere stereo, un sistema che utilizzava due obiettivi identici per scattare due foto identiche, tranne che l'uno dall'altro di pochi pollici.

Dopo aver prodotto e venduto con successo questi, hanno iniziato a sviluppare il sistema TLR in cui il fotografo guardava verso il basso attraverso uno specchio attraverso l'obiettivo di visualizzazione e vedeva molto vicino a ciò che vedeva la fotocamera.

Manuale Rollei e Rolleiflex
Teen Guy & Girl Holding Old Rolleiflex Camera, 1973 © Rivista co-ed
Pubblicità della fotocamera Rolleiflex, 1973 © Rivista co-ed


L'azienda è stata inizialmente chiamata
Franke e Heidecke, con la loro prima telecamera etichettata Heidoscop, una telecamera stereo che utilizzava pellicole in fogli e lastre. Successivamente hanno seguito questa versione con una versione su pellicola che hanno chiamato Rolleidoscop, e nel 1927 avevano realizzato con successo il loro concetto TLR, una fotocamera reflex che decisero di chiamare Rolleiflex. È stato un successo immediato.

Per il decennio successivo hanno sviluppato la loro nuova fotocamera in una fotocamera di livello professionale ambiziosa e incredibilmente utilizzabile, aggiungendo una leva a manovella per far avanzare la pellicola e un meccanismo di conteggio che avrebbe accelerato il processo di caricamento e scatto delle foto. Sebbene la Rollei si sia evoluta nel tempo, la Rolleiflex del 1937 è praticamente la stessa di quella del 2017.

Le mani di Aiko, 1971 © Imogen Cunningham
Le mani di Aiko, 1971 © Imogen Cunningham
Bobbie Libarry, 1976 © Imogen Cunningham
Bobbie Libarry, 1976 © Imogen Cunningham


Alla fine hanno ampliato la loro gamma di prodotti per creare il Rolleicord, una versione modesta del Rolleiflex che era rivolto ai dilettanti che chiedevano prezzi più bassi. Tuttavia, a questo punto, la competizione era feroce con altri produttori che producevano TLR che impallidivano rispetto alla serie Rollei ma erano molto più economici.

Il successo della Rolleiflex deriva senza dubbio dalla sua fluidità, poiché era molto più facile da usare rispetto alle comuni macchine fotografiche dell'epoca. Utilizzando pellicola da 120, con un formato da 2.25 pollici, è stato anche preferito da molti editor di foto che hanno trovato più facile ritagliare le foto. Franke & Heidecke hanno aggiornato la fotocamera man mano che procedevano, aggiungendo vari accessori importanti lungo il percorso, come il flash elettronico.

Autoritratto di Gordon Parks Roleiflex
Autoritratto, USA, 1948 © Gordon Parks
Richard Avedon Autoritratto con Sophia Loren Rolleiflex
Autoritratto con Sophia Loren, 1960 © Richard Avedon
Autoritratto, New York, data sconosciuta © Vivian Maier
Autoritratto, New York, 1955 © Vivian Maier


Tuttavia, negli anni '1960 il mercato era completamente cambiato. I giapponesi erano ora in prima linea nella produzione di fotocamere, guidando il mercato con marchi 35mm come Nikon e Canonee headliner in fotocamere di medio formato come la Mamiya.

Sebbene Franke e Heidecke abbiano cercato di diversificare creando una linea di fotocamere 35mm, queste sono state rapidamente messe in ombra rispettivamente dalle Nikon o Canon a buon mercato e ad alto funzionamento.

Autoritratto allo specchio, Marsiglia, 1943 © Julia Pirotte
Autoritratto allo specchio, Marsiglia, 1943 © Julia Pirotte
Autoritratto con flash, USA, 1951 © Willy Ronis
Autoritratto con flash, 1951 © Willy Ronis


Mentre la Rolleiflex era ancora molto rispettata come fotocamera, alla fine questa competizione divenne troppo agguerrita e nel 1981 la società dichiarò bancarotta.
Eppure, nonostante ciò, la Rolleiflex ha trasceso ogni genere fotografico.

Documentario, ritratto, paesaggio, strada o moda - può essere ricordato nelle foto di alcuni dei più iconici creatori di immagini: da Gordon Parks a Cecil Beaton, da Diane Arbus a Richard Avedon, da Irving Penn a Robert Capa. È innegabilmente attraverso l'obiettivo della Rolleiflex che conosciamo e comprendiamo il XX secolo: in un'eredità unica che non potrà mai essere rivaleggiata.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari