Saul Leiter

Profilo Saul Leiter

© Saul Leiter

Saul Leiter, ormai ampiamente riconosciuto come uno dei fotografi più importanti del dopoguerra, è stato un pittore americano e uno dei primi pionieri della fotografia a colori.


─── Josh Bright, 17 settembre 2020

Nato a Pittsburgh nel 1923, figlio di un rinomato rabbino ortodosso, Leiter sviluppò un vivo interesse per l'arte durante la sua tarda adolescenza, ma trovò la sua creatività soffocata dai suoi pii genitori che lo iscrissero alla scuola di teologia insistendo affinché seguisse le orme di suo padre.

Sciarpa 1948 circa


Tuttavia, nel 1946, Leiter, che all'epoca aveva poco più di vent'anni, lasciò gli studi e si trasferì a New York City per esplorare il suo interesse per la pittura. Fu qui che incontrò Richard Pousette-Dart, il pittore espressionista astratto che aveva recentemente iniziato a esplorare la fotografia.

Pousette-Dart lo presentò a W. Eugene Smith, il fotoreporter che divenne una figura importante nella vita di Leiter, incoraggiandolo a perseguire la fotografia come mezzo, accanto alla sua pittura. Smith lo avrebbe poi presentato ad altri influenti fotografi di strada, tra cui Robert Frank, William Klein e Diane Arbus, membri del movimento a volte indicato come The New York School of Photography.

Senza titolo, data sconosciuta


In gran parte autodidatta, Leiter inizialmente ha lavorato prevalentemente in bianco e nero, scattando entrambi street photography e ritratti, ma è stato uno dei primi ad adottare la fotografia a colori, le strade intorno alla sua casa di Manhattan erano, quasi esclusivamente, il soggetto del suo lavoro personale.

È per queste immagini che è più conosciuto e dove il suo interesse per la pittura e l'astratto è forse più evidente; sparava spesso attraverso le finestre, le cui superfici erano filtrate dalla pioggia, dal vapore o da deboli riflessi. Ha utilizzato ombre, angoli insoliti e, spesso, un teleobiettivo per ottenere la compressione, un contrasto con lo stile grandangolare solitamente preferito dai fotografi di strada.

Ombrello rosso, 1955 circa
T, New York 1950
Mondrian Worker, 1954


I soggetti umani sono raramente il punto focale, infatti i loro volti sono invariabilmente oscurati, mentre il suo uso frequente di pellicole Kodachrome scadute, conferisce a macchie di colore - fornite da pubblicità al neon, ombrelli o taxi gialli - un tono tenue, quasi pastello, a volte facendo apparire le immagini più simili a un dipinto che a una fotografia.

“Mi piace quando non si è certi di ciò che si vede. Quando non sappiamo perché il fotografo ha scattato una foto e quando non sappiamo perché la stiamo guardando, all'improvviso scopriamo qualcosa che iniziamo a vedere. Mi piace questa confusione. "

Telefonata, 1957
Non camminare, 1952
Piede su EI, 1954


Il suo stile era unico, rifiutando il crudo realismo dei suoi contemporanei e dedicandosi invece alla ricerca della bellezza nell'ordinario; momenti di umanità e serenità tra le claustrofobiche strade di Manhattan. Le sue immagini evocano un senso di calma e positività, sentimenti raramente associati alle fotografie di New York City.

“Non sono mai stato sopraffatto dal desiderio di diventare famoso. Non è che non volessi che il mio lavoro fosse apprezzato, ma per qualche motivo - forse perché mio padre disapprovava quasi tutto quello che facevo - in qualche luogo segreto del mio essere c'era il desiderio di evitare il successo ".

Treno EI, 1954


Leiter ha trascorso gran parte della sua vita professionale come fotografo di moda, lavorando per una serie di rinomate pubblicazioni come Elle e Harper's Bazaar, ma fino a tempi relativamente recenti era relativamente sconosciuto al mondo dell'arte. Questo relativo anonimato sembrava adattarsi a lui, un personaggio naturalmente schivo, che vedeva la fama come una distrazione sgradita.

Nel 2006 Leiter, allora 82enne, assistito dallo storico dell'arte Martin Harrison e dalla Howard Greenberg Gallery, ha pubblicato "Colore iniziale", una raccolta di fotografie personali a colori dal suo vasto archivio. Un grande successo, che ha portato alla prima e innumerevole retrospettiva di Leiter mostre in tutto il mondo, inclusa la sua prima mostra europea alla Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, nel 2008. Nel 2013, il regista britannico Tomas Leach ha diretto il documentario "Senza fretta", un ritratto intimo di Leiter che ha ricevuto ampi consensi.

Riflessione, 1958
Soames Bantry, Nova, 1960


Leiter ha continuato a scattare fotografie quasi fino alla sua morte alla fine del 2013, all'età di ottantanove anni. Le sue opere sono conservate nelle collezioni di numerosi prestigiosi musei e gallerie in tutto il mondo e continuano a ispirare e deliziare coloro che le visionano.

“Potrei essere all'antica. Ma credo che esista una ricerca della bellezza: una delizia per le cose belle del mondo. E non credo che ci si debba scusare per questo. "

Tutte le immagini per gentile concessione di Galleria Howard Greenberg
© Fondazione Saul Leiter 2019