Walter Dhladla

Top 10 Il Sudafrica in 10 immagini iconiche

© Walter Dhladhla
NB: questo articolo contiene immagini che possono essere angoscianti per alcuni lettori.

La "nazione arcobaleno", il Sudafrica, un paese che sta ancora guarendo dalle ferite dell'apartheid, ha sopportato l'isolamento internazionale, l'opposizione armata e decenni di proteste di massa. Eppure, nonostante queste difficoltà, il Sudafrica ha avviato processi di riconciliazione sociale da quando la leadership democraticamente eletta di Nelson Mandela è stata istituita negli anni novanta. Il Sudafrica esiste come un luogo unico nel continente, con una forte identità e una grande storia da raccontare, rendendolo uno dei luoghi più affascinanti per i fotografi in cui scattare.


─── di Isabel O'Toole, 28 novembre 2019
David Goldblatt - Commesso di negozio, Orlando West, Soweto, Sud Africa, 1972
© David Goldblatt

1. David Goldblatt - Commesso di negozio, Orlando West, Soweto, 1972

Il famoso fotografo sudafricano David Goldblatt ha lasciato un'eredità di fotografie contro l'apartheid. Goldblatt ha visto in prima persona gli effetti delle politiche di apartheid mentre emarginavano sistematicamente i sudafricani non bianchi.

L'obiettivo principale di Goldblatt era mostrare al mondo le ingiustizie del regime dell'apartheid, ma ha preso una posizione dietro le quinte piuttosto che marciare verso i picchetti. La sua attenzione si è concentrata sulle complesse realtà della vita quotidiana durante l'apartheid. Le sue foto sono incredibilmente empatiche, foto che spogliano meravigliosamente i suoi soggetti, rivelando la loro umanità.

Abbas Police Training School, Sud Africa, 1978
© Abbas

2. Abbas - Scuola di addestramento per la polizia, Sud Africa, 1978

Questa straordinaria fotografia della leggenda di Magnum, Abbas, è una perfetta metafora visiva della vita sotto la politica dell'era dell'apartheid. Raffigura un'accademia di formazione della polizia per aspiranti ufficiali neri, ma mostra anche le strutture di potere oppressive inerenti alla società più ampia.

Mentre file di uomini neri stanno seminudi dietro il loro ufficiale in comando, i loro volti tradiscono tracce di disagio, rabbia e angoscia mentre il loro generale è orgoglioso e severo. L'immagine di Abbas potrebbe quasi essere messa in scena e ricorda immediatamente al pubblico ancora una volta la storia dell'oppressione razziale, suggerendo che una vita bianca è sempre vista come più preziosa di più vite nere.

Sam Nzima La rivolta di Soweto, 1976
© Sam Nzima

3. Sam Nzima - La rivolta di Soweto, 1976

Fino al 16 giugno 1976, i media internazionali avevano ampiamente ignorato le atrocità dell'apartheid. In questo giorno, diverse migliaia di studenti di Soweto si sono uniti in protesta per opporsi all'introduzione dell'istruzione obbligatoria in lingua afrikaans nelle scuole locali. Raccogliendo slancio e folle da altre scuole, la polizia ha iniziato a reagire con i gas lacrimogeni. Il fotografo Sam Nzima che stava coprendo le proteste per Il Mondo, un giornale focalizzato e gestito dai neri a Johannesburg, era presente.

Scattando foto mentre i proiettili piovono sulla folla, Nzima ha assistito all'uccisione da parte della polizia di Hector Pieterson, un ragazzo. Mentre Nzima continuava a fotografare, il liceale Mbuyisa Makhubu raccolse il corpo di Pieterson e corse al sicuro con la sorella di Pieterson. L'immagine di Pieterson e Makhubu ha scioccato il mondo, dimostrando che il regime sudafricano aveva ucciso la sua stessa gente e anche i bambini. Nzima è stata costretta a nascondersi tra minacce di morte dopo aver pubblicato l'immagine, ma gli effetti della fotografia non sono stati facilmente messi a tacere. L'opposizione che alla fine avrebbe rovesciato il sistema razzista era stata generata da una fotografia.

Pieter Hugo Portrait # 16, Sud Africa, 2016
© Pieter Hugo

4. Pieter Hugo - Portrait # 16, Sud Africa, 2016

Pieter Hugo, un fotografo sudafricano bianco che ha vissuto nel paese per tutta la vita, ha realizzato lavori controversi in Nigeria e nel resto del continente africano. Eppure le sue fotografie sono giustapposizioni equilibrate di tenerezza cariche di una fervente energia politica. Hugo ha spesso espresso la sua frustrazione per il clima politico del Sudafrica, dicendo: “Guarda il Sudafrica adesso ... è tutta una questione di arricchimento personale. Gli opportunisti hanno preso il sopravvento. Vuoi sapere cosa mi rende abbattuto? Questi problemi potrebbero essere risolti. Ma non lo sono. "

Il suo ritratto di due fratelli ricorda l'iconica foto scattata da Sam Nzima durante la rivolta di Soweto del 1976. Eppure l'intenzione di Hugo era di invertire i ruoli di potere nella sua fotografia: "Volevo che si sentissero responsabilizzati nelle immagini, non solo vittime".

Margaret Bourke-White Carpenter Phillip Mbhele in segno di protesta, Johannesburg
© Margaret Bourke-White

5. Margaret Bourke-White - Carpenter Phillip Mbhele in protesta, Johannesburg, data sconosciuta

Bourke-White è stata la prima fotoreporter donna americana, a occuparsi di conflitti in tutto il mondo e ora famosa per le sue immagini coraggiose e scioccanti di alcune delle più grandi atrocità del mondo. Il suo contatto con gli attivisti del partito comunista in Sud Africa l'ha portata a una protesta contro le leggi sui pass, tenutasi alla periferia di Johannesburg, dove ha fotografato la folla e singoli oratori, tra cui il falegname Phillip Mbehle, qui raffigurato. In questa foto iconica puoi quasi sentire il suo grido di rabbia, la sua richiesta di uguali diritti e sentire il suo indignazione per le condizioni a cui erano soggetti i neri sudafricani secondo le nuove leggi.

Mikhael Subotzky Ponte City, Johannesburg, 2008
© Michael Subotzky

6. Mikhael Subotzky - Ponte City, Johannesburg, 2008

Ponte City, una torre residenziale immaginata negli anni '1970 e costruita durante il boom economico di Johannesburg, era una fantasia architettonica che prometteva ai suoi residenti ogni comodità che potevano immaginare e che le persone potevano "Vivi a Ponte e non uscire mai." Il colosso di 54 piani ora si erge come un'utopia fantascientifica fallita, che si sgretola in rovina, i sogni svaniti mentre diventa sede di attività illecite. Ora noto come centro del crimine, il grattacielo residenziale più alto del Sud Africa è stato documentato in modo enciclopedico dal fotografo sudafricano Mikhael Subotzky e dall'artista britannico Patrick Waterhouse.

Disegnati per indagare sull'edificio fatiscente, il loro approccio esaustivo copre ogni aspetto della torre, comprese ogni porta, televisore, ogni finestra e ogni residente, nella speranza di scoprire ciò che è al centro della vita dei cittadini di Johannesburg. Il loro gigantesco progetto è stato il vincitore del premio Deutsche Borse per la fotografia nel 2015.

Fotografia in bianco e nero Roger Ballen Dresie Casie gemelli Sud Africa
© Roger Ballen

7. Roger Ballen - Gemelli Dresie Casie, 1993

Le opere bizzarre ed estreme di Roger Ballen hanno tutta l'intenzione di confrontarsi con il loro pubblico. Come figura di spicco nella fotografia artistica moderna, Ballen, americano, ha trascorso oltre 30 anni vivendo e lavorando in Sud Africa. Dagli anni '1990 ha sviluppato uno stile che chiama "fiction documentaria" - un confronto dei profondi recessi della sua mente ingegnerizzati attraverso potenti psicodrammi fabbricati. Il suo stile è distinto e inquietante; fotografie in bianco e nero in formato quadrato, di solito raffiguranti persone che vivono ai margini della società, che sembrano, come attori, creare scenari inquietanti e scomodi. Queste immagini fondono idee di critica sociale con metafore visive interpretative che esplorano i movimenti della mente.

Fotografia di ritratto Chris Steele Perkins Sangoma Witch Doctor a casa con apprendisti, Soweto, sud africa 1981
© Chris Steele Perkins

8. Chris Steele Perkins - Sangoma Witch Doctor con apprendisti, Soweto, 1981

I professionisti della medicina africana nell'Africa meridionale svolgono diversi ruoli sociali e politici all'interno delle loro comunità. In molte città sono responsabili del benessere fisico, emotivo e spirituale dei loro cittadini, eseguendo rituali di protezione, divinazione e dirigendo lo spirito dopo la morte. I due principali tipi di guaritori tradizionali all'interno delle società Nguni, Sotho-Tswana e Tsonga dell'Africa meridionale sono l'indovino (sangoma) e l'erborista (inyanga).

I guaritori sono molto venerati e rispettati in una società in cui si crede che la stregoneria sia la causa principale della malattia. Chris Steele-Perkins di Magnum ha documentato tutti gli aspetti della vita sudafricana, dagli eventi quotidiani ai momenti di grande cambiamento. Questa sua immagine più tranquilla mostra parte della ricca storia culturale viva all'interno di una nazione complessa e divisa.

Croce di scena di nebbia di fotografia in bianco e nero
© Andrew Tshabangu

9. Andrew Tshabangu - Donne che pregano al Crocifisso, da 'Ponti', 2001  

Le inquietanti immagini in bianco e nero di Andrew Tshabangu sospendono il Sudafrica in un regno etereo che non siamo abituati a vedere. Diventando maggiorenne quando le conseguenze della rivolta di Soweto alzarono la sua brutta testa, Tshabangu non fuggì come molti giovani della sua età, ma si rifugiò invece nel cattolicesimo, sperando di entrare nel sacerdozio.

Quando non veniva accettato nell'ordine, il suo unico altro mezzo di tregua era la telecamera, l'unico oggetto a parte un crocifisso che sentiva aveva il potere di cambiare il mondo.

Nelson Mandela arriva per il suo primo comizio elettorale, Mmabatho, Sud Africa, 15 marzo 1994
© Walter Dhladhla / AFP / Getty Images

10. Walter Dhladhla - Nelson Mandela arriva per il suo primo comizio elettorale, Mmabatho, 15 marzo 1994

Nelson Mandela, la figura di spicco nella storia moderna del Sud Africa, è stato un rivoluzionario anti-apartheid, leader politico e filantropo che ha servito come presidente del Sud Africa dal 1994 al 1999. Il combattente anti-apartheid che ha trascorso 27 anni come prigioniero politico prima di diventare il primo leader democratico della sua nazione e il primo presidente nero eletto in un'elezione democratica pienamente rappresentativa, è qui raffigurato alzando un pugno chiuso, segno del trionfo nero, ai sostenitori di Mmabatho, in Sudafrica, al suo arrivo per la sua prima manifestazione elettorale. Il 10 maggio 1994 è stato insediato come primo presidente democraticamente eletto del Sud Africa.


“Non c'è passione da trovare giocando in piccolo negli stabilimenti
per una vita che è inferiore a quella che sei capace di vivere. "
- Nelson Mandela

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.