Stephen Shore

Book Review Stephen Shore: Uncommon Places

© Stephen Shore

'Il suo lavoro è nabokoviano per me: esporre così tanto, e tuttavia lasciare così tanto spazio alla tua immaginazione per vagare e fare ciò che vuole' - Tennessee Williams


─── Edward Clay, 12 dicembre 2018

"Uncommon Places" di Stephen Shore trova la bellezza nei luoghi più banali. La sua visione tentacolare dell'America è diventata un classico contemporaneo, un punto di riferimento della visual americana, influenzando una generazione di fotografi a prendere l'autostrada.

Merced River, Parco nazionale di Yosemite, California, 13 agosto 1979 Stephen Shore
Merced River, Yosemite National Park, California, 13 agosto 1979


Nel 1982, Shore ha scritto,
“Fino all'età di ventitré anni, ho vissuto per lo più in pochi chilometri quadrati a Manhattan. Nel 1972 partii con un amico per Amarillo, in Texas. Non guidavo, quindi la mia prima vista dell'America era incorniciata dal finestrino del passeggero. È stato uno shock. "

Questo risveglio ha chiaramente avuto un forte impatto sul giovane Shore, il cui occhio era attratto dagli oggetti di uso quotidiano come se vedesse tutto per la prima volta.  

Fifth Street e Broadway, Eureka, California, 2 settembre 1974 Stephen Shore
Fifth Street e Broadway, Eureka, California, 2 settembre 1974
Lookout Hotel, Ogunquit, Maine, 16 luglio 1974
Lookout Hotel, Ogunquit, Maine, 16 luglio 1974
Michael e Sandy Marsh, Amarillo, Texas, 27 settembre 1974
Michael & Sandy Marsh, Amarillo, Texas, 27 settembre 1974


Pubblicato originariamente nel 1982, il lavoro a colori di grande formato di Shore era un tentativo di articolare le componenti visive che significano l'America. L'approccio concreto che è stato costretto ad adottare durante le riprese con una fotocamera 8 × 10 rende i suoi soggetti e oggetti immortali con fredda oggettività. Ma la sua scelta dei soggetti e la decisione di includerli nella sua serie dimostra un'intuizione enciclopedica della sua terra natale.

Beverly Boulevard e La Brea Avenue, Los Angeles, California, 21 giugno 1975 Stephen Shore
Beverly Boulevard e La Brea Avenue, Los Angeles, California, 21 giugno 1975


Infastidito dalla grana delle foto dei progetti precedenti, Stephen Shore ha trovato l'impulso di utilizzare negativi più grandi e più dettagliati ed è tornato sulle strade d'America con una fotocamera da stampa 4 × 5, che in seguito ha sostituito con una 8 × 10.

Non puntano più a oggetti singolari, le foto raccolte in Luoghi non comuni sembra meno come istantanee o spioncini nella vita di Shore sulla strada, ma più come vasti spazi abitabili in cui lo spettatore potrebbe quasi arrampicarsi e vedere dall'interno.

US 10, Post Falls, Idaho, 25 agosto 1974
US 10, Post Falls, Idaho, 25 agosto 1974
West 9th Avenue, Amarillo, Texas, 2 ottobre 1974
West 9th Avenue, Amarillo, Texas, 2 ottobre 1974


Poiché l'uso di una fotocamera di grande formato significava che a Shore ci volevano circa 20 minuti per comporre e fotografare, il suo metodo di lavoro è cambiato completamente e, con questo, il suo stile.

Una piccola partenza da Superfici americane, Luoghi non comuni condensava enormi quantità di informazioni pittoriche in ogni fotogramma, il che significa che Shore non aveva più bisogno di articolare esplicitamente le sue fotografie in modo contestuale. Shore spiega 'perché è così dettagliato che lo spettatore può prendere tempo e leggerlo; possono prestare attenzione a molto di più. '

Room 125, Westbank Motel, Idaho Falls, Idaho, 18 luglio 1973
Room 125, Westbank Motel, Idaho Falls, Idaho, 18 luglio 1973


Seguendo le stesse strade di Robert Frank e Walker Evans prima di lui, gli archetipi americani che Shore raccoglie rappresentano anche luoghi di ambigua importanza personale; per esempio l'interno di una camera d'albergo, forse dove potrebbe aver avuto luogo qualche epifania.

Non presentando esclusivamente paesaggi e strade aperte, Stephen Shore documenta anche i suoi amici, i suoi amanti e altri dettagli apparentemente insignificanti della sua vita quotidiana che incornicia con l'eloquenza di un poeta.

Pine Street, Seattle, 1974
Pine Street, Seattle, 1974


Luoghi non comuni
è un distillato dei viaggi attraverso il paese decennali di Shore, in sole 61 foto non sentimentali, ma in qualche modo lucide. Trovando la sottile stranezza e bellezza nei parcheggi e nei cartelloni pubblicitari, questi luoghi si rivelano per quello che sono veramente; luoghi con i propri stories dire.

Nelle visioni ripetute, nuove narrazioni si evolvono dalle profondità di ogni immagine; un parcheggio parla del sogno realizzato dell'industria automobilistica americana; l'immagine iconica del cartellone raffigurante una maestosa scena di montagna deride il paesaggio di cui ostruisce la vista. Ecco gli indizi del sogno americano, condensati e confezionati con intuizione.

A sud di Klamath Falls, US 97, Oregon, 21 luglio 1973 © Stephen Shore
A sud di Klamath Falls, US 97, Oregon, 21 luglio 1973


Il volume include anche un saggio del noto critico Stephan Schmidt-Wulffen insieme a una conversazione tra Shore e la scrittrice di narrativa Lynne Tillman che esplora la metodologia di Shore all'interno dei movimenti artistici pop e concettuali degli anni '1960 e '1970.


“Vedere qualcosa di spettacolare e riconoscerlo come possibilità fotografica non è fare un grande salto. Ma vedere qualcosa di ordinario, qualcosa che vedresti ogni giorno e riconoscerlo come una possibilità fotografica, questo è ciò che mi interessa. "

 

- Uncommon Places è disponibile qui.

Tutte le immagini © Stephen Shore