Susan Meiselas

Profilo Susan Meiselas

© Susan Meiselas

“La telecamera è una scusa per essere in un posto a cui altrimenti non appartieni. Mi dà sia un punto di connessione che un punto di separazione " - Susan Meiselas


─── Rosie Torres, 16 ottobre 2020

La fotografa americana Susan Meiselas ha sempre scelto soggetti audaci. Dai saggi fotografici sulle vite degli spogliarellisti alle fiere della contea del New England alla rivoluzione sandinista del Nicaragua, ha passato la sua vita a documentare le cause in cui crede di più.

Shortie on the Bally - Barton, Vermont, USA, 1974 - Foto di Susan Meiselas
Shortie on the Bally -Barton, Vermont, USA, 1974


Meiselas, laureata all'Harvard Masters, ha iniziato la sua illustre carriera nella fotografia a 25 anni, concentrandosi sulle donne che lavorano come artiste nude alle fiere itineranti della contea di New England, Pennsylvania e South Carolina.

Per tre estati consecutive, ha girato spettacoli, prove generali, dietro le quinte e ha scattato ritratti di queste donne durante i tempi morti, durante le pause sigaretta o in attesa del loro turno per salire sul palco. Le crude immagini in bianco e nero presentano lo spettacolo di queste donne, così come la loro vita privata, rivelando a noi sia i loro volti che i loro cuori.

Lena on the Bally Box, Essex Junction, Vermont, USA, 1973 Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
Lena on the Bally Box, Essex Junction, Vermont, USA, 1973
Candy .. Essex Junction, Vermont, USA. 1973 - Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
Candy, Essex Junction, Vermont. 1973
Extra Girl, Fryeburg, Maine, USA. 1975 Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
Extra Girl, Fryeburg, Maine, USA. 1975


Oltre a queste foto visivamente sbalorditive, ha anche registrato interviste con i ballerini, i loro fidanzati, i manager dello spettacolo e i clienti paganti. Il risultato è un'esplorazione oltre il carnevale che offre una varietà di prospettive sul sesso nel contesto della povertà e della classe.

Lena dopo lo spettacolo. Essex Junction, Vermont, USA 1973 Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
Lena dopo lo spettacolo. Essex Junction, Vermont, USA 1973


Nel 1974, Meiselas si trasferì nel centro di Manhattan, New York, che a quel tempo si trovava in un quartiere noto come 'Little Italy' a causa della sua numerosa popolazione italo-americana.

Anche se un estraneo nel quartiere, un incontro casuale con Le Prince Street Girls, un gruppo di pre-adolescenti locali che hanno fatto di Prince Street e Mott (dove viveva Meisalas) il loro terreno di calpestio ha portato a un altro corpo di lavoro altamente influente che ha catturato i temi dell'adolescenza, della femminilità e della gentrificazione in una serie succinta e bella.

Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
In Baxter Street, Little Venice, New York City, 1978
Roe, JoJo, Dee e Lisa lasciano la scuola di San Patrizio. NYC, USA 1976
Dee e Lisa in Mott Street. Little Italy. NYC, USA. 1976 Fotografia in bianco e nero di Susan Meiselas
Dee e Lisa in Mott Street. Little Italy. NYC, USA. 1976


Nel 1976, Meiselas fu invitato a partecipare Magnum photos. Il suo primo incarico importante sotto la loro ala protettrice fu quello di coprire l'insurrezione in Nicaragua. Ricordata anche come la rivoluzione popolare sandinista, questa rivolta contro la dittatura di Somoza degli anni '1960 guidata dal Fronte di liberazione nazionale sandinista (FSLN) fu un violento spostamento del governo avvenuto tra il 1978-1979.

La Rivoluzione ha segnato uno dei periodi più significativi della storia del Nicaragua e il lavoro di Meiselas ha portato il conflitto all'attenzione internazionale.

Muchachos attende il contrattacco della Guardia Nazionale. Matagalpa, Nicaragua
Muchachos attende il contrattacco della Guardia Nazionale. Matagalpa, Nicaragua
Combattente di strada, Managua, Nicaragua, 1979
Combattente di strada, Managua, Nicaragua, 1979
Sulla strada per Managua, Managua, Nicaragua, 1979
Sulla strada per Managua, Managua, Nicaragua, 1979


Mentre vagava per il paese, documentando la disgraziata disuguaglianza che affliggeva la società nicaraguense in quel momento, si guadagnò la fiducia dei rivoluzionari mentre lentamente prevalevano nella lotta. Il giorno prima che il presidente Somoza fosse estromesso dai rivoluzionari, Meiselas ha scattato la sua foto più famosa, il giovane insurrezionale Pablo de Jesus "Bareta" Araúz che lancia una molotov fatta in casa contro una delle ultime fortezze della guardia nazionale.

L'immagine, ora nota come "Molotov Man", è diventata il simbolo della rivoluzione, un trionfo di Davide su Golia.

'Molotov Man' -Sandinisti alle mura del quartier generale della Guardia Nazionale Esteli. Luglio 1979, Nicaragua © Susan Meiselas
'Molotov Man' -Sandinisti alle mura del quartier generale della Guardia Nazionale Esteli. Luglio 1979, Nicaragua © Susan Meiselas


Successivamente, Meiselas ha continuato a occuparsi di questioni relative ai diritti umani nel resto dell'America Latina, che all'epoca stava attraversando un periodo di turbolenza a causa di diverse rivolte civili. Ha coperto le crisi umanitarie in Cile, El Salvador e al confine tra Stati Uniti e Messico è stata montatrice e ha co-diretto due film: “Living at Risk: The Story of a Nicaraguan Family” (1986) e “Pictures from a Revolution "(1991).

Per tutti gli anni Novanta, Meiselas ha intrapreso un progetto che cura e racconta una storia lunga 100 anni del Kurdistan, che in seguito divenne il libro Kurdistan: all'ombra della storia. Questo copriva argomenti duri come fosse comuni, sfollamenti involontari e distruzione sistematica della vita del villaggio, e essenzialmente tracciava il genocidio di un intero popolo.

Fosse comuni curde, Iraq settentrionale, 1991 © Susan Meiselas
Fosse comuni curde, Iraq settentrionale, 1991 © Susan Meiselas
Un fiero soldato Peshmerga paga per farsi fotografare per le strade di Arbil. Iraq settentrionale, 1991
Un fiero soldato Peshmerga paga per farsi fotografare per le strade di Arbil. Iraq settentrionale, 1991


“Quando è iniziata la guerra del Golfo, io, come la maggior parte degli americani, sapevo poco dei curdi ... Mentre l'attenzione del mondo era concentrata sulla fuga dei curdi, sono stato attratto dai luoghi da cui erano venuti. Sono arrivato lungo la stessa strada su cui stavano ancora fuggendo molti curdi ".

Mistress Rose origliare, New York, 1995 - fotografia a colori di Susan Meiselas
Mistress Rose origliare, New York, 1995


Meiselas si è anche concentrata su progetti nella sua patria, gli Stati Uniti, vale a dire il vaso di Pandora, un'esplorazione della scena S&M di New York, nonché le conseguenze dell'9 settembre. Più recentemente ha lavorato con i Dani, un popolo indigeno di Papua, Indonesia.

I suoi premi onorari di riconoscimento includono il Robert Capa Medaglia d'oro per "Eccezionale coraggio e reporting" dall'Overseas Press Club per il suo lavoro in Nicaragua; il Leica Premio per l'eccellenza e il Hasselblad Premio Foundation Photography. Nel 1992 è stata nominata MacArthur Fellow.


Tutte le immagini © Susan Meiselas / Magnum Photos