Mou Aysha

Editoriale I progetti quotidiani

© Mou Aysha

The Independent Photographer'S Premio Persone 2020 è stato aperto alle iscrizioni fino al 31 ottobre 2020. Il premio mirava a celebrare la ricca diversità culturale del genere umano ed è stato giudicato dal co-fondatore di The Everyday Projects: Peter DiCampo.


─── Josh Bright, 16 ottobre 2020

Un movimento organico, globale, di base che comprende prevalentemente comunità di fotografi che, attraverso il loro lavoro, cercano di contrastare le narrazioni mediatiche pervasive della loro città, regione, paese o continente, I progetti quotidiani, è stata fondata otto anni fa da DiCampo e dal suo caro amico, lo scrittore Austin Merrill.

Foto a colori di Diego Baravelli di ragazzi che nuotano in un fiume, Brasile
Comunità Arraiol, Bailique, Amapá, Brasile © Diego Baravelli


“… È iniziata come una critica alla nostra pratica; quando i giornalisti stranieri arrivano in un luogo alla ricerca di una storia, cosa tralasciano? Come ritraggono un luogo quando hanno una narrativa preconcetta e come potrebbero ritrarre un luogo quando si liberano di quella narrazione? "
  - Peter DiCampo

È iniziato nel 2012 con Ogni giorno l'Africa, una pagina Instagram che la coppia ha creato come piattaforma per le immagini personali che hanno catturato durante un incarico in Costa d'Avorio, che copre la caduta dell'allora recente guerra civile del paese e il commercio di cacao che l'ha alimentata - spiega Peter: "Abbiamo iniziato a fare foto sui nostri telefoni mentre viaggiavamo (è ancora un concetto relativamente nuovo!), E mentre lo facevamo, eravamo meno costretti dalla narrazione del compito che stavamo svolgendo e più liberi di creare immagini della vita quotidiana intorno a noi. Entrambi abbiamo vissuto in Africa occidentale per anni della nostra vita e queste foto più casuali e senza vincoli ci sono sembrate molto più familiari ".

Ketra e Mary si abbracciano condividendo un bellissimo momento. Uganda. Da "Born this way" una serie di foto su bambini e donne nate con albinismo © DeLovie Kwagala


La pagina ha rapidamente guadagnato popolarità e li ha portati a invitare altri fotografi, prevalentemente africani, a contribuire. Il suo successivo successo ha generato una risposta organica, virale e presto altre
'Ogni giorno' Le pagine di Instagram, incentrate su altre parti del mondo, hanno iniziato ad apparire. 

Tuttavia, fu due anni dopo durante l'inaugurazione 'Ogni giorno' mostra all'annuale Photoville Festival di Brooklyn, che la decisione di formare ufficialmente il Progetti quotidiani come organizzazione senza scopo di lucro, è stata creata, con l'obiettivo di supportare il numero sempre crescente di pagine Instagram 'Everyday'. 

Foto in bianco e nero di Payam Hamzei di due donne che scalano la montagna Darabad, a nord di Teheran, Iran
Le donne scalano il monte Darabad, a nord di Teheran, in Iran © Payam Hamzei
Foto a colori di Ley Uwera di donne che si truccano alla settimana della moda di Goma, nella Repubblica Democratica del Congo
Goma Fashion Week, Repubblica Democratica del Congo © Ley Uwera
fotografia a colori, tramonto e un pastore e la sua mandria nella bella India di Pushkar, di Anant Shaktipandey
Un pastore e la sua mandria, fiera di Pushkar, India © Anant Shaktipandey


“In precedenza, la sfida più grande era definire cosa siamo e il modo migliore per raggiungere i nostri obiettivi. All'inizio, io e Austin non avevamo deciso di avviare un'organizzazione no-profit: guardavamo con soggezione la comparsa delle dozzine di account di Everyday. È diventato chiaro che doveva esserci una sorta di organizzazione centralizzata, mentre allo stesso tempo non sarebbe stato giusto per noi cercare di dettare cosa fanno gli altri, come funziona Everyday Middle East o Everyday Philippines ".

ritratto fotografico a colori di Oriane Zérah uomo afgano con fiori
Dalla serie, Afgani e fiori © Oriane Zérah


La fotografia ha svolto a lungo un ruolo importante nel plasmare narrazioni e percezioni di luoghi e culture, sia positivamente che negativamente, e
a causa di DiCampo e Merrill's prima di tutto-esperienza della mano, i due sono profondamente consapevoli della mancanza di diversità all'interno del giornalismo visivo che, di conseguenza, ha portato al radicamento di narrazioni pervasive "orientaliste". 

"La disparità che esiste ora, il numero sproporzionato di bianchi, western, giornalisti di fotografia e visual di sesso maschile, è una continuazione degli "esploratori" dell'era coloniale e ha plasmato la nostra visione del mondo storicamente, e continua ancora oggi. Allo stesso tempo, riconosciamo che sono necessarie sia le prospettive interne che quelle esterne. Le opinioni privilegiate sono un must, non solo per correggere quello squilibrio storico, ma anche per l'intuizione acquisita quando una persona racconta la storia della propria comunità. I punti di vista esterni sono necessari anche per riempire i punti ciechi, per vedere con occhi nuovi e critici le cose che una comunità potrebbe perdere di se stessa ".

Foto a colori di Claudia Morales Laruta dell'uomo indigeno boliviano.
Il Tarpuy Raymi è la festa della semina, segna la fine della preparazione dei terreni e l'inizio dei raccolti. La Cumbre, Bolivia © Claudia Morales Laruta


Oltre a supportare e sostenere una varietà di fotografi di tutto il mondo nel tentativo di contrastare l'omogeneità del giornalismo visivo, il progetto include un programma educativo rivolto a studenti delle scuole medie e superiori, che utilizza la pratica fotografica per dotare i destinatari di una maggiore ampia comprensione del mondo.

“L'ho visto in classe con gli studenti e talvolta anche con gli adulti. Ci sono alcune idee sbagliate di base che devono essere corrette - a volte anche semplicemente mostrare fotografie di persone in un centro commerciale, o usare un computer o un telefono cellulare, otterrà la reazione delle persone: "Non sapevo che avessero quelle in Africa . " Ecco quanto è fondamentale il problema, a volte! Molte persone pensano ancora che tutti gli africani vivano in capanne ".

Tijuana, México, 2018 © Alejandro Cossio
Foto a colori di Yzza Slaoui di due ragazzi in mare. Bazaruto, Mozambico
Vicente e Claudio, Bazaruto, Mozambico © Yzza Slaoui


“È molto importante per noi vedere gli studenti in tenera età, mentre stanno formando le loro prime impressioni del mondo in modo che possano crescere con questa prospettiva più ampia. A un livello più profondo, usiamo spesso la frase "celebrare le norme locali e le cose in comune globali" - anche se le persone hanno superato l'ostacolo di base del "non sapevo che avessero dei computer", c'è ancora del lavoro da fare per ricordare alle persone della nostra umanità condivisa. "

Fotografo dell'uomo che dipinge strade a colori vivaci a Istanbul, Turchia di Ali Önal
Pittore, Istanbul, Turchia © Ali Önal


“… Con le nostre migliaia di follower, siamo una pubblicazione? Con le nostre centinaia di fotografi che contribuiscono, siamo un'agenzia fotografica? Con il nostro curriculum educativo, siamo un'organizzazione senza scopo di lucro? Abbiamo ancora queste conversazioni con il nostro team principale, quello che chiamiamo Team della comunità, ma non ci preoccupa più di tanto. Cerchiamo di dare l'esempio e di fare cose buone per la nostra comunità, e il resto va a posto ".

È questa visione umanista che forse incarna meglio l'ethos del Progetti quotidiani, che oggi costituisce un movimento di base veramente globale che, nonostante il notevole tumulto e l'incertezza di quest'anno, continua a svilupparsi e crescere.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari