Oleg Tolstoj

Top 10 Tokyo in 10 immagini iconiche

© Oleg Tolstoj

'Più di ogni altra città, Tokyo dimostra che 'città' è un verbo e non un sostantivo.' – Toshiko Mori


─── di Elizabeth Kahn, 27 febbraio 2022

Poche città al mondo intrigano e affascinano come Tokyo, la metropoli più grande del mondo, dove ultramodernità e tradizione si sintetizzano. Un luogo che ha ispirato una ricchezza di arte straordinaria, non da ultimo, alcune delle più iconiche e influenti 'street photography' esistente e continua a incitare le folle di professionisti creativi che oggi percorrono le sue sacre strade.

Colore street photography di Pia Riverola, Shibuya Crossing Tokyo
© Pia Riverola

1. Pia Riverola – Incrocio di Shibuya, Tokyo, 2019 

“Il mio processo creativo è molto intuitivo, soprattutto se scatto per strada o in viaggio, la regola abituale è portare quasi sempre la fotocamera e le cose succedono” 

La Torre Eiffel e Parigi; Big Ben e Londra: L'iconico incrocio di Shibuya di Tokyo è diventato un emblema inconfondibile della città in un modo solitamente riservato alle costruzioni più sontuose. Splendidamente catturato da Pia Riverola, le cui immagini color pastello inducono la voglia di viaggiare in un modo eguagliato da pochi dei suoi contemporanei, si vede spesso che l'attraversamento più trafficato del mondo incarna l'essenza stessa di Tokyo, la modernità e l'intensa energia che la rende unica.

Ritratto ravvicinato di una ragazza in bianco e nero di Tatsuo Suzuki,
© Tatsuo Suzuki

2. Tatsuo Suzuki – Senza titolo 

“Non compongo spesso uno scatto e aspetto il momento giusto per farlo. La bellezza di street photography sta catturando un'immagine che non riesco nemmeno a immaginare. Tendo a rilasciare l'otturatore quando i miei sensi si sincronizzano con la scena in città. È principalmente una questione di percezione sensoriale”.

Giudice di The Independent Photographer's 2022 Premio per la fotografia in bianco e nero, Tatsuo Suzuki è un fotografo di strada giapponese le cui immagini profondamente suggestive mostrano il potere unico del bianco e nero. La sua coinvolgente opera rende omaggio ai giganti del Giappone street photography (in particolare, Daido Moriyama e i suoi colleghi membri del provocare movimento) pur conservando la sua sensibilità unica, esemplificata perfettamente in questo ritratto profondamente accattivante, che risuona con la stessa intensità meditativa che caratterizza tutta la sua opera. 

fotografia ritratto a colori di un uomo giapponese nel bagno di sento a tokyo, in giappone di Simon Urwin
© Simon Urwin

3. Simon Urwin – “Sento Bather” Tokyo, Giappone 

Simone UrwinIl sorprendente ritratto di raffigura un bagnante in uno dei tradizionali "Sentos" di Tokyo. Popolari nelle principali città del Giappone, questi stabilimenti balneari comunali risalgono a più di quattro secoli fa, sebbene siano saliti alla ribalta durante le abitazioni comunali boom del dopoguerra (a causa della mancanza di acqua corrente in tali edifici), mentre oggi offrono ai visitatori un'alternativa capiente e rilassante alle proprie, spesso, anguste dimore.

Intimo e coinvolgente, il soggetto appare a suo agio nonostante la sua nudità, mentre la schiena affrescatadrop, dominato dall'icona che è il Monte Fuji, testimonia la profonda importanza della natura all'interno della cultura giapponese.

Fotografia in bianco e nero di Kineo Kuwabara, ragazza con ombrello e venditrice di giornali 1936
© Kineo Kuwabara

4. Kineo Kuwabara - Una ragazza con un ombrello che passa davanti a un venditore di giornali, Yarakucho, Tokyo, 1936 

Anche se sono quelle figure ormai iconiche emerse nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale che sono accreditate di aver plasmato Giappone's paesaggio fotografico, ci sono a select pochi praticanti precedenti che, allo stesso modo, meritano un riconoscimento.

Uno di questi esempi è Kineo Kuwabara. Completamente autodidatta, è nato a Tokyo nel 1913 e ha trascorso gli anni formativi della fotografia catturando la vita quotidiana per le strade della sua città natale, esclusivamente per il proprio piacere. Le sue immagini rivelano uno sguardo artistico e perspicace per rivaleggiare con quello di alcuni dei suoi contemporanei più noti e rappresentano una specie di rarità rispetto alle iterazioni del dopoguerra.

Tokio, 1978, street photography di Daido Moriyama, donna
© Daido Moriyama

5. Daidō Moriyama – Tokyo, 1978 

“Per me, le fotografie vengono scattate negli occhi prima ancora di aver pensato a cosa significano. Questa è la realtà che mi interessa catturare".

Senza dubbio una delle figure viventi più importanti del medium, daido moriyama è meglio conosciuto per i ritratti sovversivi e granulari della sua terra natale che ha catturato negli anni '1960 e '70, che trasmettono in modo palpabile l'essenza spesso stigia del soggetto e gettano le basi per una generazione di fotografi giapponesi che lo seguì.

Un membro dell'influente movimento Provoke il cui approccio sovversivo ha contribuito a plasmare il panorama della contemporaneità street photography, Moriyama è maggiormente identificato con le sue raffigurazioni della Tokyo degli anni '1960 e '70, esemplificate archetipicamente in questa fotografia iconica che caratterizza lo stile sovversivo per cui è famoso.

Fotografia in bianco e nero di Ron CooperSumo, struttura di addestramento a Tokyo, Giappone, anello di spazzamento di lottatori di sumo
© Ron Cooper

6. Ron Cooper – Centro di addestramento di sumo a Tokyo, Giappone

Il sumo è uno sport con una storia lunga e orgogliosa, che risale a più di 4 secoli fa nel periodo Edo in Giappone. Ricco di rituali, spettacolo e tradizione, i Rikishi (lottatori) devono sottoporsi a un rigoroso programma di allenamento per raggiungere il livello di competizione, con i praticanti junior che dovrebbero svolgere una miriade di lavoretti. 

Ron Cooperl'immagine cattura a Junior Rikishi in una struttura di addestramento di sumo nel centro di Tokyo mentre spazza meticolosamente il ring. Splendidamente incorniciato e caratterizzato da un magistrale apprezzamento della luce e della forma, è un pezzo straordinario visual storytelling che esprime in modo articolato la profonda riverenza che il soggetto ha per il suo mestiere: la sua incrollabile dedizione e rispetto.

Fotografia di paesaggi di strada a colori di Stephanie Jung. Tokio di notte. Esposizione multipla
© Stefania Jung

7. Stefania Jung – "Notte di Tokyo"  

Stefania JungL' immagine cattura magnificamente il frenetico unico della capitale giapponese. La sua inquadratura intelligente e l'uso creativo di esposizioni multiple trascrivono il mosaico caleidoscopico di automobili, persone e luci al neon, in un rendering potente e accattivante che permea di un'intensità onirica che risuonerà con chiunque abbia visitato la città.

Fotografia in bianco e nero di Ken Domon, poliziotto militare, Tokyo, 1946
© Ken Domon

8. Ken Domon - Poliziotto stradale a Ginza, Tokyo 1946

Uno dei fotografi più importanti del suo tempo, Ken Domon è stato un pioniere del realismo, noto soprattutto per le sue rappresentazioni schiette della vita quotidiana nel Giappone del dopoguerra.

Attraverso lo sguardo perspicace di Domon vediamo una nazione nel mezzo di un drammatico cambiamento sociale ed economico, esemplificato in questo ritratto di un poliziotto militare statunitense per le strade di Tokyo. Sensibili e incrollabilmente schietti, le sue fotografie avrebbero avuto un'influenza significativa sulla generazione di fotografi giapponesi che gli sono succeduti, mentre oggi rappresentano affascinanti pietre miliari vernacolari dell'epoca.

Ritratto a colori di Oleg Tolstoj, tassista Tokyo, Giappone.
© Oleg Tolstoj

9. Oleg Tolstoy – Senza titolo, dalla serie 'Who's Driving Tokyo?' 

“Sono stato incuriosito da questi professionisti che trascorrono la maggior parte delle loro giornate in silenzio, nonostante siano spesso seduti a meno di un metro da un altro essere umano”.

'Who's Driving Tokyo?', la serie di ritratti di Londrafotografo di base Oleg Tolstoj, esplora la formalità unica dei viaggi in taxi nella capitale giapponese. A differenza della sua città natale e di molte altre (come New York), dove la conversazione casuale tra guidatore e passeggero è la norma, a Tokyo l'esperienza è notevolmente più riservata, con interazioni normalmente limitate all'essenziale.

 Questa immagine schietta cattura magnificamente il conducente; il suo volto lucido che emerge da a caleidoscopica piscina di neon, un colpo d'occhio immagine dell'introspezione.  Come molti grandi ritratti, stimola la nostra curiosità e suscita domande: cosa sta pensando? Come si sente? Malinconico, solitario, forse malinconico?

Un'immagine riflessiva e perspicace, racchiude il paradosso che è l'isolamento della vita urbana, dove si può essere circondati da migliaia di altri, eppure sentirsi isolati e soli.

 

Fotografia in bianco e nero di Kiego Nakamura alias Diselpower. Fumo, foschia, due uomini, sillouhettes, Tokyo, Giappone
© Keigo Nakamura

10. Keigo Nakamura – Senza titolo, Tokyo 

fotografo giapponese Keigo Nakamura crea rendering monocromatici profondamente suggestivi che sono invariabilmente caratterizzati da una qualità cinematografica intrigante e mostrano notevole abilità artistica e abilità.

Cupa e profondamente accattivante, questa candida immagine evoca il lavoro del direttore della fotografia John Alton (un gigante del cinema noir), mentre porta anche l'influenza dei grandi del cinema giapponese street photography, rappresenta un eccellente esempio dell'incredibile potenziale del bianco e nero.

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari