C.Ebbets, T.Kelley, W Leftwich

Top 10 USA in 10 immagini iconiche

© C.Ebbets, T.Kelley, W. Leftwich

La tradizione fotografica americana è grande ed estesa come i suoi paesaggi naturali, diversificata come i suoi popoli e riflette sia il gustoso che il disgustoso della più grande superpotenza del mondo.


─── di Rosie Torres, 13 settembre 2019

Sebbene fornire una storia esaustiva della fotografia negli Stati Uniti durante il XX secolo sia un compito arduo, queste immagini ci danno un'idea di alcuni dei più grandi momenti degli ultimi 20 anni, eventi che hanno plasmato e immortalato questa nazione.

Pranzo in cima a un grattacielo, New York City, USA 1932 © Charles C.Ebbets, Thomas Kelley o William Leftwich
© Charles C. Ebbets, Thomas Kelley o William Leftwich

1. Pranzo in cima a un grattacielo, New York City, 1932 © Charles C. Ebbets, Thomas Kelley o William Leftwich 

È difficile credere che la scena in questa immagine davvero iconica - una delle foto più riprodotte di tutti i tempi - sia realmente accaduta. Raffiguranti 11 operai edili che mangiano, chiacchierano e fumano casualmente, seduti senza paura su una trave d'acciaio a 840 piedi sopra Manhattan. Tratte dal 69 ° piano dell'ammiraglia RCA Building (ora GE Building), le identità degli uomini, che erano tutti operai edili che hanno contribuito a costruire il Rockerfeller Center, rimangono sconosciute fino ad oggi. Per aumentare l'intrigo, anche l'identità del fotografo è sconosciuta, in quanto tre fotografi; Charles C. Ebbets, Thomas Kelley e William Leftwich erano tutti presenti all'evento.

© Neil Leifer

2. Muhammad Ali contro Sonny Liston, Lewiston, Maine, 25 maggio 1965 © Neil Leifer

Muhammad Ali vs Sonny Liston - Una delle partite sportive più attese del decennio. Neil Leifer, un fotografo di Sports Illustrated, era in prima fila. Nel suo posto in prima fila, ha guardato Muhammad Ali Square contro la sua nemesi dei pesi massimi di boxe, Sonny Liston. Era solo un minuto e 44 secondi dall'inizio del primo round che Ali ha inferto un colpo di KO vincente alla testa di Liston.

Leifer ha detto del momento "Ero ovviamente nel posto giusto, ma ciò che conta è che non mi sono perso". L'immagine perfettamente composta del campione torreggiante sul suo avversario sconfitto ha aiutato a dipingere Ali come l'atleta più venerato della nazione, in un momento in cui lo sport, la politica e la cultura popolare erano in vantaggio.

I Tetons e il fiume Snake, Wyoming, USA, 1942 © Ansel Adams
© Ansel Adams

3. I Tetons e il fiume Snake, Wyoming, 1942 © Ansel Adams

Ansel Adams, il padrino di fotografia di paesaggio divenne famoso per aver scattato immagini monocromatiche dei parchi nazionali in tutto il West americano. Utilizzando una videocamera di grande formato Deardof 8 × 10 ha catturato immagini di altissima qualità. Tra le sue immagini più famose c'è la fotografia visionaria della cresta del monte Teton e del fiume Snake nel Wyoming.

Adams era stato incaricato dal Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti di fotografare i parchi nazionali, le riserve dei nativi americani e altri luoghi in uno degli studi topografici più intensi dell'epoca. La sua robusta macchina fotografica, il treppiede e la pellicola dovevano essere trasportati per lunghe distanze attraverso alte valli, dimostrando che il suo lavoro non era un'impresa facile, ma una questione di passione e dedizione per i magnifici paesaggi degli Stati Uniti.

Marilyn Monroe, New York, 6 maggio 1957 © Richard Avedon
© Richard Avedon

4. Marilyn Monroe, New York, 6 maggio 1957 © Richard Avedon

Monroe esiste nella memoria pubblica come un raggio di luce: bello, effervescente, sempre sorridente. Ma AvedonL'immagine della star è forse l'immagine più "onesta" di Monroe che esista, rivelando un individuo complesso e sfaccettato la cui profondità era spesso tristemente trascurata.

Avedon ha ricordato “Per ore ha ballato, cantato, flirtato e fatto questa cosa che è — ha fatto Marilyn Monroe. E poi c'è stato l'inevitabile calo. E quando la notte finì e il vino bianco finì e le danze finirono, si sedette in un angolo come una bambina, senza tutto. L'ho vista seduta in silenzio senza espressione sul viso. " Ci è voluto un po 'prima che l'immagine fosse considerata pioniera, ma evidenzia l'abilità unica di Avedon di rivelare l'umanità rispetto alla performatività.

Milk Drop Coronet, Massachusets Institute of Technology, Massachusets, 1957 © Harold Edgerton
© Harold Edgerton

5. Milk Drop Coronet, Massachusets Institute of Technology, Massachusets, 1957 © Harold Edgerton

Harold Edgerton, altrimenti noto come "Papa Flash", è ampiamente accreditato per aver trasformato lo stroboscopio da uno strumento di laboratorio scientifico in un dispositivo domestico di uso comune. Un professore di ingegneria elettrica al Massachusetts Institute of Technology, prima di truccare un contagocce per il latte accanto a un timer e una macchina fotografica di sua invenzione, era praticamente impossibile scattare una buona foto al buio senza una grande attrezzatura scientifica.

Ma Edgerton aveva grandi aspirazioni, sperando di fotografare un momento fugace con minuscoli dettagli. Fu nel suo laboratorio al MIT che iniziò a giocare con un processo che alla fine avrebbe rivoluzionato il flash. Combinando luci stroboscopiche ad alta tecnologia con motori per otturatori, è riuscito a catturare momenti impercettibili ad occhio nudo, distinguibili solo per un millisecondo. Queste foto hanno gettato le basi per il moderno flash elettronico e per la comprensione umana avanzata del mondo fisico.

VJ Kiss a Times Square, New York, 1945 © Alfred Eisenstaedt
© Alfred Eisenstaedt

6. VJ Kiss a Times Square, New York, 1945 © Alfred Eisenstaedt

Quando la seconda guerra mondiale finì il 14 agosto 1945 l'atmosfera per le strade di New York era euforico. Alfred Eisenstaedt si ritrovò presto a festeggiare con i festaioli a Times Square. Mentre cercava argomenti su cui concentrarsi, vide un marinaio afferrare un'infermiera, inclinarla all'indietro e baciarla. Anche se ora alcuni sostengono che sia stato un caso di cattiva condotta sessuale, l'immagine è diventata sinonimo di gioia sfrenata e passione spontanea. All'interno della memoria collettiva, rappresenta un momento di speranza trasformativo nella storia del mondo.

Senza titolo (Greenwood, Mississippi), 1973 © William Eggleston
© William Eggleston

7. Senza titolo (Greenwood, Mississippi), 1973 © William Eggleston

William Eggleston è famoso per aver trasformato il banale in distintivo attraverso il suo uso esclusivo del colore super saturo, risultato del processo di stampa a trasferimento di colore e dell'iconica pellicola Kodachrome ormai fuori produzione.

La sua fotografia più famosa, Greenwood, Mississippi (1973), parla singolarmente del suo richiamo a dettagli che i suoi contemporanei ignoravano completamente e che rendevano il fotografo così unico. Il lavoro della sua vita è un'ode al colore, alla forma e una testimonianza della spinta trasformativa della noia.

Gun 1, New York, USA, 1954 © William Klein
© William Klein

8. Gun 1, New York, 1954 © William Klein

Dopo otto anni trascorsi nell'esercito, Klein è tornato negli Stati Uniti nativi, trovandolo familiare ma anche strano. Vogue gli commissionò rapidamente un libro fotografico su New York, ma Klein, incapace di imbiancare la città senza la sua grinta, produsse un ritratto intransigente della Grande Mela che la rivista alla fine rifiutò.

Successivamente, ha scattato le sue foto a Parigi e autopubblicato il libro Life is Good & Good for You in New York. La sua immagine più famosa della serie raffigura un ragazzo che punta una pistola contro la telecamera, imitando la posa stereotipata di un gangster. Il ritratto della città di Klein presentava un altro lato, più ruvido, del sogno americano.

John Lennon e Yoko Ono, New York City, 1980 © Annie Liebovitz
© Annie Liebovitz

9. John Lennon e Yoko Ono, New York City, 1980 © Annie Liebovitz

Forse uno dei ritratti di musicisti più famosi di sempre è stato questo scatto degli amanti John Lennon e Yoko Ono, che ha consolidato Annie Leibovitz come una delle ritrattiste più influenti della fine del XX secolo. Liebovitz era il fotografo principale di Rolling Stone all'epoca: inizialmente aveva chiesto una foto di Lennon da solo, ma lui insistette che Yoko si unisse a lui nella fotografia che avrebbe fatto la copertina successiva.

Liebovitz voleva una coppia nuda della coppia, ma Ono, esitante a farsi fotografare nudo, rimase completamente vestito. Ne risultò un'immagine profonda, resa ancora più forte dal fatto che Lennon fu assassinato davanti al suo appartamento poche ore dopo. Era l'ultima immagine in assoluto di Lennon nella sua vita.

Madre migrante, California, USA, 1936 © Dorothea Lange
© Dorothea Lange

10. Madre migrante, California, 1936 © Dorothea Lange

Migrant Mother è diventata l'immagine più iconica della Grande Depressione. Delle 160,000 immagini scattate da Dorothea Lange per la US Resettlement Administration, questa foto di Frances Owens Thompson con i suoi due figli ha dato un volto a una nazione sofferente.

Il lavoro di Lange ha fornito un intimo ritrattoDopo il pedaggio in tutto il paese, e con la convinzione che una fotografia potesse far luce sull'ingiustizia, ha scattato sei fotogrammi 4 × 5 di Owen. Dopo aver mostrato le foto alle autorità, hanno inviato 20,000 libbre di cibo al campo "Pea-Pickers" dove è stata scattata la foto.

"Ricorda, ricorda sempre, che tutti noi, e tu ed io in particolare, discendiamo da immigrati e rivoluzionari".- Franklin D Roosevelt


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.