Susan Meiselas / Magnum Photos

Editoriale Donne leggendarie nella fotografia

© Susan Meiselas / Magnum Photos

Da voci famose come Nan Goldin e Susan Meiselas all'incredibilmente feroce Gerda Taro, le donne hanno contribuito immensamente alla fotografia come la conosciamo oggi.


─── Isabel O'Toole, 25 novembre 2020

Tutti gli artisti, indipendentemente dal sesso, stanno tentando di plasmare la prospettiva del pubblico sull'esperienza umana. Ma queste fotografe pioniere hanno contribuito a plasmare la comprensione collettiva dei diritti e delle sfide femminili, attingendo dalla vita o riproducendo scenari metaforici per farlo.

Donna che collega uno dei primi computer IBM, dalla serie di documentazioni scientifiche, 1958 © Berenice Abbott Legendary Women in Photography
Donna che collega uno dei primi computer IBM, dalla serie di documentazione scientifica, 1958 © Berenice Abbott


La fotografia, un mezzo giovane rispetto alle sue controparti artistiche, è stata un campo in cui le donne hanno esibito straordinarie abilità nel XX secolo, un campo in cui gli standard patriarcali applicabili alla maggior parte delle aree di lavoro non sembravano avere molta importanza.

Forse perché la fotografia stessa è un mezzo artistico così "giovane", diventato popolare all'inizio del XX secolo e che non era considerato una forma d'arte credibile fino a tempi abbastanza recenti, che è nato proprio quando i ruoli di genere hanno cominciato a -esaminato.

Romeria del Rocio, Siviglia, Spagna, 1955 © Inge Morath / Magnum Photos Donne leggendarie nella fotografia
Romeria del Rocio, Siviglia, Spagna, 1955 © Inge Morath / Magnum Photos


Queste donne esemplari, sperimentarono e si opposero a molteplici forme di oppressione sociale e politica oltre il genere, offrendo prospettive critiche, politiche e immaginarie su varie comunità radicali ed emarginate. Esponendo le atrocità della guerra, documentando le rivoluzioni mentre si svolgevano e persino portando alla luce l'epidemia di abusi domestici o tossicodipendenza nelle case private delle persone, in innumerevoli occasioni queste donne hanno mostrato il coraggio e l'empatia per rivaleggiare con le loro controparti maschili.

La Cala, Palermo 1980 © Letizia Battaglia Legendary Women in Photography
La Cala, Palermo 1980 © Letizia Battaglia
Cholas, White Fence, East LA, 1986 © Graciela Iturbide


La guerra, ad esempio, è sempre stata considerata un fenomeno maschile, non un posto per una donna. In effetti, fino agli ultimi decenni, solo gli uomini erano soldati e politici e dettavano in gran parte il modo in cui il mondo era gestito. Ricordiamo le atrocità della guerra moderna attraverso gli occhi dei grandi fotografi di guerra e fotoreporter come Don McCullin e Robert Capa, uomini coraggiosi che hanno contribuito a portare alla luce gli orrori che colpiscono l'umanità nel XX secolo. Ma, proprio come c'erano fotografi uomini coraggiosi in prima linea, c'erano anche donne che giravano dietro le quinte. Due nomi di spicco sono Margaret Bourke-White e Gerda Taro.

Margaret Bourke-White si appollaia su un gargoyle a testa d'aquila, New York, 1935 © Oscar Graubner Legendary Women in Photography
Margaret Bourke-White si appollaia su un gargoyle a testa d'aquila, New York, 1935 © Oscar Graubner
Russia, Margaret Bourke-White, 1941 Donne leggendarie nella fotografia
Russia, 1941 © Margaret Bourke-White


Bourke-White ha iniziato a fotografare come hobby mentre frequentava l'università, ma ha sviluppato rapidamente una passione per il mezzo ed è stata notata dalla rivista Fortune che le ha commissionato di lavorare alla storia di un produttore di ferro in Germania. Poi, per tutti gli anni '1930, Bourke-White fu mandato in missione in Germania e nell'Unione Sovietica. In questo periodo ha ridefinito il suo stile, introducendo persone e questioni sociali nella sua opera, e tessendo un approccio compassionevole e umanistico.

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, Life le commissionò di lavorare direttamente con le forze armate statunitensi. Mentre stava attraversando l'Oceano Atlantico verso l'Africa, la sua nave fu silurata e affondata, ma Bourke-White sopravvisse e continuò a coprire la lotta dei fanti alleati nella campagna d'Italia. Ha anche coperto l'assedio di Mosca, e in seguito le sue fotografie dei detenuti emaciati dei campi di concentramento hanno scioccato il mondo.

Formazione di donne per la milizia spagnola, Barcellona, ​​1936 © Gerda Taro Donne leggendarie in fotografia
Addestramento di donne per la milizia spagnola, Barcellona, ​​1936 © Gerda Taro
Barcellona allo scoppio della guerra, Barcellona, ​​1936 © Gerda Taro


Taro, come Bourke-White, non avrebbe permesso che il fatto che fosse una donna in una zona di guerra la tenesse lontana da una buona fotografia. Taro, lo pseudonimo di Gerda Pohorylle, ha contribuito a inventare il nome Robert Capa, letteralmente, il nome è stato creato come pseudonimo per Endre Friedmann che poi è venuto a guadagnare la fama che il nome aveva fatto.

Tuttavia, è in gran parte dimenticato che molte delle fotografie di Capa della guerra civile spagnola sono state scattate da Taro. Il suo nome è ormai scomparso nell'oscurità, non da ultimo a causa della sua prematura scomparsa in prima linea, ma anche perché molte delle foto che ha scattato al fianco di Capa sono andate perse per anni e poi, una volta riscoperte, attribuite al suo nome.

Muchachos attende il contrattacco della Guardia Nazionale. Nicaragua, 1978 © Susan Meiselas / Magnum Photos Donne leggendarie nella fotografia
Muchachos attende il contrattacco della Guardia Nazionale. Nicaragua, 1978 © Susan Meiselas / Magnum Photos


Le donne erano presenti in molte delle rivolte più tumultuose del XX secolo quanto gli uomini, e allo stesso modo, ribellandosi ai governi, guidando movimenti di guerriglia e scattando le foto che sarebbero venute a definire queste lotte. La fotografia rivoluzionaria di Susan Meiselas traccia la rivoluzione del Nicaragua mentre si è svolta nelle strade nel 20 ed è una potente testimonianza da vicino del coraggio dei civili. Il lavoro svolto in questo periodo l'ha definita una delle fotografe più coraggiose e coscienziose della sua epoca.

Analogamente, Tina ModottiIl suo lavoro è un'elegia della rivoluzione messicana, anche se lei la racconta attraverso interpretazioni poetiche dei tropi e dei simboli dei lavoratori. Sebbene sia nata in Italia, la sua vita e il suo lavoro sono stati fortemente segnati dal tempo trascorso in Messico e dal suo rapporto con la cultura messicana. Ha creato un importante archivio visivo della cultura e della politica del paese all'indomani della sua rivoluzione.

Bandoliera, mais, falce, 1929 © Tina Modotti
Bambino nel sombrero, 1927 © Tina Modotti


Molte di queste fotografe pioniere hanno scelto di non concentrarsi sul sensazionalismo stories, ma invece hanno rivolto le loro lenti alle comunità emarginate o ai diseredati.

Due buoni esempi sono Mary Ellen Mark e Diane Arbus, il cui lavoro ha contribuito a evidenziare le disuguaglianze e i pregiudizi della società moderna. Il progetto fondamentale di Mary Ellen Mark scafato, sui bambini che vivono nelle strade degli Stati Uniti, è un'esplorazione straziante della lotta per la sopravvivenza in un mondo crudele e ha ispirato ONG, enti di beneficenza e organizzazioni governative a contribuire a combattere l'epidemia.

Tiny, dalla serie Streetwise, 1983 © Mary Ellen Mark Legendary Women in Photography
Tiny, dalla serie Streetwise, 1983 © Mary Ellen Mark


Arbus era attratta da personaggi unici, spesso quelli che incontrava per caso, e la sua capacità di suscitare curiosità su ciascuno dei suoi soggetti e di renderli eccezionali dimostra un occhio lungimirante e democratico, libero dal giudizio delle norme sociali . Il lavoro che ha lasciato ci aiuta a comprendere e ad apprezzare la diversità della società, ed è un'importante reliquia delle persone che hanno sempre e sempre vivranno ai margini.

Altri praticanti leggendari si sono impegnati in quello che ora chiamiamo "giornalismo lento" o Nuovo giornalismo, in cui il fotografo è immerso nella vita del loro soggetto per lunghi periodi di tempo. Dobbiamo ringraziare Inge Morath, Eve Arnold, Berenice Abbott e Dorothea Lange per aver investito le loro vite nella creazione di testamenti onesti e commoventi delle classi lavoratrici e dei poveri del mondo usando questa ardua metodologia.

Jack Dracula in un bar, New London, CT, 1961 © Diane Arbus
New York, 1957 © Diane Arbus
Autoritratto un mese dopo essere stato maltrattato, USA, 1984 © Nan Goldin


Le donne hanno anche influenzato la storia della fotografia dall'interno della casa o documentando la propria vita. Nan Goldin, ad esempio, è diventata famosa cancellando la distanza tra soggetto e fotografo. Le sue foto intime della comunità LGBTQ, le prostitute, i lavoratori del bar, tutti i suoi amici, sono state legittimate attraverso l'inclusione di foto di se stessa, in particolare autoritratti di se stessa dopo essere stata attaccata da un fidanzato violento.

Donna Ferrato ha continuato questa tradizione esponendo l'epidemia di abusi domestici che avviene nel segreto delle case delle persone. Nel suo progetto decennale, Vivere con il nemicoFerrato ha documentato gli effetti della violenza domestica su donne e bambini vittime di abusi, un lavoro rivoluzionario che porta alla luce il lato oscuro della vita familiare.

Lisa e Garth, USA 1982 © Donna Ferrato


Sebbene questi nomi graffino solo la superficie delle donne che hanno avuto un impatto sul mondo con l'uso delle loro macchine fotografiche, le loro eredità hanno ispirato innumerevoli donne a seguire le loro orme e ad abbracciare le complessità del mondo con l'idealismo per cambiare le cose.

La fotografia si è rivelata uno dei campi di gioco più democratici per le artiste. Alla base di tutta la fotografia c'è la ricerca della verità e della rappresentazione, e questi fotografi hanno la responsabilità di aiutarci a comprendere sia la repressione femminile che l'espressione.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari