Wing shya

Editoriale L'ossessione del colore di Wong Kar-Wai

© Wing Shya

Durante gli anni '90, il regista di Hong Kong Second Wave Wong Kar-Wai ha raggiunto la ribalta nel mondo del cinema, ottenendo riconoscimenti dalla critica cinematografica dopo successi come Chungking Express, Fallen Angels e In the Mood for Love che hanno espresso le complessità dell'amore moderno in Hong Kong.


─── Rosie Torres, 29 luglio 2020

Alla fine degli anni '90, insieme a un collaboratore e amico di lunga data, il direttore della fotografia Christopher Doyle, WKW aveva sviluppato un linguaggio cinematografico basato su una tavolozza di determinati colori, tutti con i propri significati e intonazioni.

Dietro le quinte sul set di Happy Together di Wong Kar Wai Christopher Doyle
Dietro le quinte sul set di Happy Together © Christopher Doyle
Dietro le quinte sul set di Happy Together di Wong Kar Wai Christopher Doyle
Dietro le quinte sul set di Happy Together © Christopher Doyle


Con film saturi di toni profondi e significativi, metafore visive sviluppate per enfatizzare il melodramma della storia, possiamo leggere nella narrazione senza fare affidamento sul dialogo come ausilio.

In questo ancora da Hong Kong Express ad esempio, senza che venga esplicitamente detto che i personaggi stanno affrontando la separazione, WKW usa un blu profondo insieme all'elica visiva di un piccolo aeroplano per suggerire che i personaggi non si vedranno per molto tempo dopo questo incontro - il blu qui rappresenta imminente malinconia.

Chungking Express © Wong Kar Wai


La tavolozza in In
L'umore dell'amore è anche uno dei colori primari distinti, che si alternano tra rossi e neri. È la storia di due vicini solitari in un appartamento di Hong Kong che forgiano una relazione complessa costruita sulle ceneri dei rispettivi matrimoni, e i rossi ei neri servono a sottolineare la dolorosa moderazione e la passione che i protagonisti sperimentano e rifiutano di agire.

Questi sono giustapposti a verdi e blu che enfatizzano la tristezza e la consapevolezza che i loro rispettivi matrimoni si stanno sgretolando. In vena di amore è una grande lezione di improvvisazione, poiché non c'era la sceneggiatura per il film, tutte le scene e le location servono come ausili narrativi. Nonostante poco sia stato pianificato, Wong Kar Wai e il direttore della fotografia Christopher Doyle riescono a fornire una storia succinta e ricca di significato.

Gli attori Tony Leung Chiu Wai e Maggie Cheung sul set di In the Mood for Love di Wong Kar Wai © Wing Shya
Gli attori Tony Leung Chiu Wai e Maggie Cheung sul set di In the Mood for Love © Wing Shya


“Sono una persona molto lunatica. Trovo il tradizionale un po 'noioso….
I cinesi sono piuttosto conservatori con le immagini, quindi devi sfondare dall'interno. " - Wong Kar-Wai

Su Happy Together © Wing Shya


Traendo ispirazione da registi come WKW, possiamo vedere come la fotografia aiuti a creare emozioni con il suo uso del colore. Il lavoro di Nan Goldin è un buon esempio. Utilizzando la luce naturale e i colori riflessi degli interni, Goldin è in grado di evocare sentimenti di alienazione, malinconia e lussuria nelle sue immagini.

In quella che è forse la sua immagine più famosa, possiamo leggere così tanto: prendiamo queste code sottili dallo sguardo di Nan, il suo amante voltato le spalle, il bagliore della luce mattutina che suggerisce un lento ritorno alla realtà e una partenza di amanti.

Da The Ballad of Sexual Dependency © Nan Goldin
Da vicino © Greg Girard


Allo stesso modo, il fotografo canadese Greg Girard, che ha anche girato molto a Hong Kong, cattura i sentimenti di alienazione che derivano dall'essere uno straniero in una grande città. I suoi vagabondaggi notturni sono saturi del bagliore delle luci al neon. Questi colori servono a sottolineare che lo spazio urbano è caratterizzato da contraddizioni binari in conflitto che creano le nostre metropoli, un'invitante alienazione.

Ad Hong Kong, c'è un netto contrasto tra il giorno e la notte, una lotta tra i volti che mostriamo al mondo e la lotta per nascondere la verità dietro l'etichetta sociale e la tradizione.

Tony Leung Chiu Wai nel ruolo di Chow Mo Wan - Sul set del 2046 di Wong Kar-Wai Wing Shya
Tony Leung Chiu Wai nel ruolo di Chow Mo Wan - Sul set di 2046 © Wing Shya


Molte lezioni di fotografia si possono trarre dai film di Wong Kar Wai. Sebbene lavoriamo con strumenti limitati, il colore può catturare la vitalità di un paesaggio, rivelare il gioco della memoria e impiantare enigmi nel subconscio dello spettatore.

A differenza del film, la fotografia non ha il potere del suono o del movimento su cui fare affidamento, quindi un'immagine deve essere in grado di significare le emozioni singolari che i soggetti provano, dove manca il dialogo.

Dietro le quinte sul set di Happy Together © Christopher Doyle
Dietro le quinte sul set di Happy Together © Christopher Doyle
Sul set di In the mood for love, © Wing Shya


Il modo magistrale di Wong Kar Wai di illuminare e tonificare una scena è un manifesto sulle connotazioni psicologiche ed emotive del colore e sui vari modi in cui queste connotazioni possono essere utilizzate e manipolate.

Insieme all'approccio ingegnoso e sperimentale di Christopher Doyle, possiamo vedere che mentre la pianificazione e la perfezione tecnica sono tipicamente un prerequisito per la fotografia commerciale, la fotografia urbana può prestarsi a un approccio più rilassato e improvvisato che riflette gli infiniti difetti e le idiosincrasie che compongono la vita cittadina .

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari