Ritratto Award novembre 2021


  • fotografia ritratto in studio a colori di una ragazza con la sindrome di Hay-Wells di Sujata Setia

    Fotografo vincitore Sujata Setia

    Fotografo vincitore Sujata Setia

    "Hanna" - Regno Unito
    “Avevo 16 anni quando mi ha sputato addosso... questo ragazzo che continuava a seguirmi. È stato allora che ho deciso di iniziare ad amarmi. È stata una scelta che ho fatto consapevolmente». - Quando ho incontrato Hannah per questo servizio fotografico, non ho dovuto dare istruzioni. Mi ha chiesto semplicemente quale fosse il mio scopo e io ho detto “un mondo senza eccezioni”. Quindi è andata a sedersi nel punto sullo sfondo e ha guardato dritto nella telecamera e nei suoi occhi; la sua anima mi ha risposto. Questa è la sua storia.
    "Ciao. Sono Anna. Ho 18 anni. Sono nata con una rara condizione genetica chiamata sindrome di Hay-Wells. Ci sono solo circa 30 altre persone come me in questo mondo. La mia condizione ha lasciato i capelli, i denti e la pelle non sviluppati. Tutto è iniziato al college... il bullismo. È allora che diventiamo consapevoli di noi stessi e iniziamo a notare le differenze. Era troppo, semplicemente troppo da sopportare. Di conseguenza ho sviluppato un disturbo alimentare. Sto ancora combattendo con esso. Ricordo che mi vendicavo se mi insultavano. Sapevo nel profondo che non era colpa mia, ma non potevo fermarmi. Questo è ciò che volevano i bulli. Volevano potere su di me. Volevano abbassare la mia luce. Ma invece, ho deciso di attenuare il loro. Ho iniziato a ignorarli e le loro battute. Li ho perdonati perché tutti meritano una possibilità di riscattarsi. Il nostro io più giovane non ci rappresenta come un adulto. Se le persone mi fissano ora... cosa che fanno... tutto il tempo... allora gli sorrido. Incoraggio le persone a farmi domande sulla mia condizione perché voglio aumentare la consapevolezza sulle disabilità. Ecco perché sono diventato un modello; così, potrei rappresentare la mia tribù. Voglio che questo mondo diventi un'unione collettiva, dove tutti possiamo abbracciare l'unicità dell'altro. E finché ciò non accadrà; Prometto di non giudicarti, ridere di te, ridicolizzarti o farti sentire indegno... anche se scegli di non fare lo stesso per me. Perché io sono io. Sono gentile, forte, compassionevole e pieno di un bagliore interiore. Perché sono più di una "condizione genetica rara". © Sujata Setia
  • ritratto in bianco e nero di una giovane ragazza irlandese di Rebecca Moseman

    Secondo premio Rebecca Mosè

    Secondo premio Rebecca Mosè

    "Filomena" - Irlanda
    I viaggiatori irlandesi sono un popolo fiero e solitario, che conserva una cultura e tradizioni le cui origini si perdono nel tempo. Nell'autunno del 2017, 2018 e 2019, ho avuto l'opportunità di essere tra loro sotto la supervisione di un collega fotografo che ha fornito l'accesso al loro mondo e mi ha permesso di fotografare le loro vite. Questa serie di immagini riflette le mie interazioni personali con i viaggiatori con cui mi sono connesso alla Ballinasloe Horse Fair, vari siti di sosta e accampamenti illegali in tutta la contea di Galway, Limerick e Dublino. © Rebecca Moseman
  • pellicola a colori autoritratto di una donna che indossa gli asciugamani di Foteini Zaglara

    Terzo premio Foteini Zaglara

    Terzo premio Foteini Zaglara

    "Bollore rotolante" - Grecia, 2021
    Dalla serie "Autoritratto"
    © Foteini Zaglara
  • ritratto in bianco e nero di un ragazzo a Calgary Stampede di Leah Hennel

    Finalista lia hennel

    Finalista lia hennel

    “Cowboy fangoso” - Calgary, Canada
    Il pilota alle prime armi Kade McDonald di Melville, Sask. posa per un ritratto dopo la sua corsa fangosa al rodeo di Calgary Stampede. © Lia Hennel
  • primo piano ritratto a colori di una donna indiana di Nicola Ducati

    Finalista Nicola Ducati

    Finalista Nicola Ducati

    “Comunità Jat” - India
    Il popolo Jat è una comunità di coltivatori e pastori tradizionalmente non d'élite nel nord dell'India e in Pakistan. A causa delle periodiche siccità, le comunità hanno iniziato a rompere le loro tradizioni di pastori semi-nomadi ea spostarsi nei pressi dei centri abitati. Il deserto che avanza inesorabile nei loro territori ha ormai poco da offrire a questa popolazione in via di estinzione. © Nicola Ducati
  • ritratto a colori di un ragazzo e il suo gallo di Emily Fisher

    Finalista emily pescatore

    Finalista emily pescatore

    “Penna e Alejo” - USA
    Ritratto di un giovane ragazzo e il suo gallo domestico.
    © Emily Fisher
  • Ritratto di donna in bianco e nero di Bongani Tshabalala

    Finalista Bongani Tshabalala

    Finalista Bongani Tshabalala

    “Montsho” - Sud Africa
    Montsho che significa nero è una parola comunemente usata in Sud Africa per prendere in giro una persona scura a causa del tono della pelle. Questa fotografia esplora gli effetti emotivi delle prese in giro dell'infanzia che causano la depressione di giovani ragazzi e ragazze di colore. Per me questa fotografia riguarda sia la distruzione che la conservazione, riguarda ciò che scegliamo di abbracciare dopo aver attraversato un trauma. © Bongani Tshabalala
  • ritratto a colori di una donna olandese di Salvatore Montemagno

    Finalista Salvatore Montemagno

    Finalista Salvatore Montemagno

    “Heidi” - Italia
    © Salvatore Montemagno
  • ritratto a colori di una donna di Olga Urbanek

    Finalista Olga Urbanek

    Finalista Olga Urbanek

    “Sorella iraniana” - Teheran, Iran
    Parte della serie "Come mimetizzarsi completamente". © Olga Urbanek
  • ritratto in studio a colori di una donna di Niki Genchi

    Finalista Niki Genchi

    Finalista Niki Genchi

    “Eica” - Milano, Italia
    Ritrattistica editoriale.
    © Niki Genchi

Finalisti

Feedback della giuria

  • Ritratto di Dan Winters di Travis Smith
    © Travis Smith

    Giudicato da: Dan Winters

    Noto per l'ampia gamma di argomenti che è in grado di interpretare, artista americano Dan Winters è ampiamente riconosciuto come uno dei fotografi ritrattisti più acclamati del suo tempo.

    Il suo iconico ritratto di celebrità lo ha vinto più di cento nazionali e internazionali awards dal Fotografia americana, arti della comunicazione, PDN, L'Art Directors Club di New York e Life Magazine. Nel 2003 ha vinto il 1° posto World Press Photo Award nella categoria dei ritratti ed è stato premiato da Kodak come "Icona" fotografica nella serie biografica "Legends". Per tutta la sua carriera lo è stato anche awarded il prestigioso Alfred Eisenstaedt Award per la fotografia di riviste.

    Oltre agli incarichi regolari per riviste come Scudiero, Il New York Times Magazine, Vanity Fair, Rolling Stone, NewsweekOrae The New Yorker, il suo lavoro è apparso in cinque mostre personali in gallerie di New York e Los Angeles e un suo libro intitolato "Dan Winters: Periodical Photographs" è stato pubblicato nel 2009 da Aperture.

Kristyn Taylor
© Kristyn Taylor
ritratto a colori di una donna anziana di Can Sever
© Può tagliare

Tema corrente:
Visual Storytelling Scadenza: 31 gennaio 2022

L'arte di visual storytelling racchiude una vasta gamma di possibilità con al centro la volontà di raccontare una storia.

Dal classico documentario sociale allo storytelling fantasioso: questo mese cerchiamo artisti visivi che mirano ad affascinare; voci uniche disposte a condividere la loro stories con convinzione e consapevolezza.⁠

Ritratto, strada, documentario, paesaggio: tutti gli approcci sono validi. Entra ora e mostraci il TUO stories!


1 ° Premio: $ 1000 · 2° Premio: $ 600 · 3° Premio: $ 400

Vincitori precedenti


Edizione precedente 2020 / 2021


Edizione 2019/2020

Edizione 2018/2019

Edizione 2017/2018

Edizione 2016/2017

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.