Dorien Scheltens

Colloquio Catturare l'attenzione: consigli per i fotografi

© Dorien Scheltens

"A volte il grande potere di un'immagine non risiede nell'immagine stessa, ma nella sua capacità di innescare il desiderio di avere di più". 


─── di Josh Bright, 11 dicembre 2021


Elisa Medde, Editor e Curator di Foam Magazine e giudice del 2021 Open Call Premio fotografico offre ai fotografi suggerimenti su come far notare il loro lavoro.

Ritratto in studio a colori di un uomo con le piume del fotografo emergente Mati Gelman
"Una chiamata interiore" ©Mati Gelman


Una delle nostre competizioni più popolari e una delle preferite dal nostro team, il Open Call Il premio offre un'opportunità a professionisti di tutte le età, background ed esperienze, che lavorano in tutti gli stili e generi per mostrare il loro talento, creatività e abilità.

Rinomato curatore di fotografia, scrittore ed editore, Medde ha un background in Storia dell'Arte, Iconologia e Studi fotografici, ed è particolarmente interessato alle relazioni tra immagine e potere.

foto concettuale a colori di un muro con fiori di Tika Jabanashvili
Senza titolo - Tbilisi, Georgia © Tika Jabanashvili
colorato astratto ritratto di una donna con i capelli lunghi
"Capelli epici, tutti i giorni" © Suki Lui


Nel corso della sua carriera ha lavorato per diverse istituzioni culturali, case editrici e organizzazioni no-profit, e come curatrice ed editore indipendente, e negli ultimi dieci anni ha lavorato come Editor in Chief presso
Rivista di schiuma.

Cosa cerchi in un'immagine?

IN: Direi che la cosa più importante che cerco in una singola immagine è il suo potenziale comunicativo. Il che non ha nulla a che fare con il suo essere presumibilmente iconico o meno, ma con la sua potenza narrativa, il suo impatto visivo, la sua voce. A volte il grande potere di un'immagine non risiede nell'immagine stessa, ma nella sua capacità di innescare il desiderio di più. Quando dopo aver guardato una singola immagine mi sento come se volessi saperne di più, vedere di più, continuare la conversazione, questo mi entusiasma.

immagine in bianco e nero di una riflessione del viso nello specchio di Kseniia Apresian
Autoritratto © Kseniia Apresian


Lanciato due decenni fa, Foam è diventato una delle piattaforme più importanti della fotografia contemporanea: uno spazio di conversazione, contemplazione e connessione in cui si incontrano visioni e prospettive disparate.

Spinti dal desiderio di rendere il mezzo più accessibile, mirano a favorire e incoraggiare il dialogo, al fine di affrontare e sfidare il ruolo stesso della fotografia.

Foto di viaggio a colori di uomini che camminano nel fiume in Bangladesh di Rifat Hasan
"Sentiero fluviale" - Bangladesh © Rifat Hasan
Fotografia di viaggio di Trevor Cole di due uomini circondati dal loro bestiame che camminano a Khartoum, in Sudan
"Camaraderie Mundari" - Khartoum, Sudan © Trevor Cole


– Qual è il tuo momento preferito o più memorabile del tuo periodo di lavoro in Foam?

IN: Potrebbe sembrare banale, ma i miei momenti preferiti in assoluto sono quando le nuove riviste vengono consegnate al Museo. Ricordo ancora con affetto il mio primissimo numero, nel lontano 2012. Ho un rapporto molto fisico con Photobooks e ovviamente anche Foam Magazine: appena ne prendo uno noto con le mani le diverse carte, l'odore, la manifattura, il legame. Quindi, quando viene consegnato un nuovo numero, l'apertura della prima scatola, è sempre come aprire un nuovo barattolo di caffè: ho quel picco di gioia che deriva dal vedere finalmente qualcosa che un team straordinario ha lavorato così duramente per così tanto tempo.

colore street photography di marinai della Marina francese davanti alla Sfinge in Egitto di Jonathan Jasberg
“I marinai e la Sfinge” - Giza, Egitto 2020 © Jonathan Jasberg
Fotografia del paesaggio a colori di una scogliera nel mare delle Isole Faroe di Paul Lichte
Frangiflutti” - Isole Faroe © Paul Lichte
Fotografia in bianco e nero, documentario, strada, fiume Gange, India
“Purificazione con l'acqua” - India © Cristina Dimitrova


Incentrato sul loro spazio della galleria di Amsterdam, il loro programma diversificato di mostre, eventi e programmi educativi, sostiene la fotografia di tutti gli stili. Allo stesso modo, la loro rivista eponima e pluripremiata viene pubblicata ogni tre anni, con ogni numero dedicato a un tema specifico che viene esplorato attraverso l'obiettivo di artisti visivi sia affermati che emergenti

Che consiglio daresti ai fotografi emergenti?

IN: Direi che la cosa più importante è dedicare le proprie energie alla costruzione, o alla ricerca, della propria voce forte e unica, del proprio codice. Soprattutto all'inizio, non preoccuparti del successo, della visibilità, ma piuttosto di avere una pratica solida, porre le domande pertinenti, capire come la tua voce interagisce, dipende e naviga all'interno della tua comunità. Assicurati che il tuo messaggio arrivi. Inoltre, non abbiate paura di sperimentare. Un mezzo o una tecnica specifica è tanto utile quanto contribuisce a portarti dove vuoi andare. Questa è l'unica cosa che conta.

foto paesaggistica a colori di alberi nel deserto di Sandra Ramos
“Gemelli” © Sandra Ramos

Tutte le immagini in questo articolo erano antipasti per premi precedenti. Fin dall'inizio, abbiamo fornito una piattaforma per gli artisti visivi emergenti, sia attraverso i nostri premi mensili che attraverso la nostra rivista, dove, insieme al lavoro di artisti più affermati, presentiamo e diamo visibilità ai premi che catturano la nostra attenzione. Senza restrizioni espresse, Open Call premio è un'opportunità unica per i fotografi di tutto lo spettro fotografico di mostrare il proprio talento. Insieme ad Elisa, non vediamo l'ora di scoprire il tuo lavoro.

 

Tutte le immagini sono © dei rispettivi proprietari