Dorotea Lange

Profilo Dorotea Lange

© Dorothea Lange

“La fotografia prende un istante fuori dal tempo, alterando la vita tenendola ferma.”
-
Dorotea Lange


─── di Josh Bright, 25 maggio 2021

Una delle più grandi fotografe nell'illustre storia del mezzo, Dorothea Lange è rinomata per le sue potenti rappresentazioni umanistiche dell'America dell'era della depressione, che non solo ha catturato lo spirito del tempo del periodo, ma ha contribuito a rimodellare drammaticamente la fotografia documentaria da allora in poi.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange
Cinque membri della cooperativa di segheria di autoaiuto di Ola. Gem County, Idaho, 1939 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Nata Dorothea Nutzhorn nella città industriale di Hoboken nel New Jersey, era la figlia di immigrati tedeschi di seconda generazione e avrebbe adottato la fanciulla di sua madre da giovane, in un'apparente protesta contro suo padre che aveva quasi abbandonato la famiglia anni prima.
All'età di sette anni, contrasse la poliomielite, che la lasciò con una gamba e un piede destro indeboliti. Tuttavia, ciò non le ha impedito di vagare per le strade del Lower Eastside di New York City (dove lavorava sua madre), osservando la vita quotidiana degli altri.

Forse è stata questa naturale curiosità che ha acceso il suo interesse per il mezzo durante la tarda adolescenza e subito dopo, l'ha galvanizzata a dedicarsi alla fotografia accademicamente alla Columbia University, dove ha studiato sotto la guida di Clarence H.White.

Fotografia in bianco e nero di Dorothea Lange. Operaio di cantiere, Richmond California, c 1943
Operaio del cantiere navale, Richmond California, 1943 ca. © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California
Fotografia in bianco e nero di Dorothea Lange. Famiglia che ha viaggiato in treno merci nella valle di Yakima, 1939
Famiglia in viaggio in treno merci, Yakima Valley, 1939 © Courtesy of The Oakland Museum of California


White era un membro dell'influente movimento Photo-Secession, i cui esponenti cercavano di promuovere il mezzo come forma di belle arti. Erano sostenitori del pittorialismo; la priorità della composizione artistica, dell'espressione e della bellezza rispetto al realismo, l'apparente antitesi dello stile per il quale Lange sarebbe poi diventato famoso. Tuttavia, l'influenza di White sul giovane fotografo è stata comunque significativa. Spesso stabiliva incarichi che prevedevano la fotografia di soggetti quotidiani che giocavano sulla sensibilità di Lange e che sarebbero diventati un principio importante della sua pratica.

Dopo gli studi, Lange sentì il bisogno di viaggiare e, sebbene i suoi occhi fossero puntati su destinazioni più lontane, con risorse limitate, arrivò solo fino alla costa occidentale. Si stabilì a San Francisco dove trovò lavoro in uno studio fotografico, prima di aprirne uno poco dopo.

Rifugiati per la siccità, 1935 circa © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Lange arrivò in città all'inizio di un periodo di prosperità economica che sarebbe diventato noto come i "ruggenti anni Venti". Tuttavia, alla fine del decennio, le cose erano cambiate radicalmente. Una recessione economica globale, la più grave mai sperimentata nel mondo industrializzato occidentale, ha portato a un drastico calo della produzione, a una massiccia disoccupazione e a una forte deflazione che, insieme a gravi siccità nel cuore dell'agricoltura, ha fatto precipitare milioni di americani in una grave povertà.

Durante gli anni formativi di quella che oggi è conosciuta come "La Grande Depressione", Lange iniziò a fotografare i gruppi di uomini che vagavano per le strade della sua città natale adottiva: disoccupati, senzatetto e indigenti; così come proteste e episodi di disordini sociali che erano un avvenimento regolare. Schiettezza e intransigente, ma sostenute da un tenero umanesimo, le sue immagini ottennero un riconoscimento quasi immediato e furono ben accolte nei circoli artistici, in particolare, da una collezione di fotografi nota come Gruppo f.64, che includeva figure influenti come Ansel Adams, Imogen Cunningham, ed Edward Weston.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. Fattoria di Dust Bowl. Distretto di Coldwater, a nord di Dalhart, in Texas. Questa casa è occupata; la maggior parte delle case in questo quartiere sono state abbandonate, 1938
Fattoria Dust Bowl, a nord di Dalhart, Texas. La maggior parte delle case in questo distretto sono state abbandonate, 1938 © Courtesy of The Oakland Museum of California
Fotografia in bianco e nero di Dorothea Lange. White Angel Breadline, San Francisco 1933. fotografia documentaria
White Angel Breadline, San Francisco 1933 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California
Fotografia in bianco e nero di Dorothea Lange. Donna nel corteo funebre. California, 1938, fotografia documentaria
"Corte funebre", Small Valley Town, California 1938 © Dorothea Lange / Per gentile concessione del Museum of Modern Art


Il suo lavoro ha anche attirato l'attenzione dell'economista agrario progressista, Paul Schuster Taylor, che ha usato le sue immagini per illustrare i suoi articoli e rapporti federali. La coppia ha formato un rapporto di lavoro produttivo e in seguito, romantico, che portò al loro matrimonio nel 1935 dopo aver divorziato dai rispettivi coniugi.

Fu più o meno nello stesso periodo che Lange iniziò il suo lavoro per la Federal Resettlement Administration (successivamente sostituita dalla Farm Security Administration), un'agenzia del dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti che incaricò Lange e un gruppo di altri fotografi (incluso Walker Evans) di documentare agricoltori e lavoratori agricoli che era stato particolarmente colpito dalla depressione.

Dorothea Lange, Fotografia in bianco e nero. Madre migrante, Nipomo, California 1936
Madre Migrante, Nipomo, California 1936 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Nel corso di sei anni, ha viaggiato attraverso un totale di 22 stati diversi (spesso accompagnata da Taylor), catturando la migrazione "Dust Bowl" (la più grande nella storia americana) in cui milioni di famiglie hanno lasciato gli "Stati delle Pianure" colpiti dalla siccità , in cerca di lavoro e opportunità.

Le sue rappresentazioni schiette di comunità rurali decimate; i campi di migranti e i loro residenti indigenti, hanno conferito un aspetto umano a una crisi di cui molti americani (molti dei quali sono stati coinvolti nei loro stessi cataclismi) non erano a conoscenza.

È per queste immagini che Lange è meglio ricordato. Decisamente onesti e antropologici, ma radicati nella compassione, trasmettono in modo articolato le distinte sensibilità che l'hanno resa unica; acutamente esemplificato nella sua immagine più nota, e in effetti, forse l'esempio più iconico di fotografia documentaristica sociale esistente, "Migrant Mother".

Fotografia in bianco e nero di Dorothea Lange. Manzanar Relocation Center, Manzanar, California, 1942. Fotografia documentaria, campo di migranti.
Manzanar Relocation Center, Manzanar, California, 1942 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California
Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. Operaio agricolo, Near Eutah, Alabama 1936.
Contea di Randolph, Carolina del Nord. Luglio 1939 © Courtesy of The Museum of Modern Art
Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. Operaio agricolo, Near Eutah, Alabama 1936.
Vicino a Eutah, Alabama 1936 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Le sue immagini hanno avuto un impatto senza precedenti, contribuendo a plasmare la percezione pubblica e a generare sostegno per le riforme del "New Deal" del presidente Franklin D. Roosevelt, che alla fine avrebbero contribuito a facilitare la fine della crisi.

L'impatto duraturo di queste immagini è tale che oggi servono come ricordi surrogati per quel periodo, pietre miliari che fanno riflettere di un periodo tragico nella storia americana e, allo stesso tempo, un'attestazione senza precedenti della capacità della fotografia di accelerare il cambiamento sociale e politico.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. Madre migrante, Nipomo, California 1936
Madre migrante e sette figli senza cibo. Nipomo, California 1936 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Durante i primi anni '1940, Lange rivolse la sua attenzione a un nuovo tipo di migrazione interna. Decine di lavoratori rurali si sono trasferiti nell'urbanizzata Bay Area in California per lavorare nelle industrie di fornitura e addestramento militare che si stavano rapidamente espandendo per sostenere lo sforzo bellico in corso. Ha catturato i nuovi arrivati ​​sia dentro che fuori il lavoro mentre si adattavano al nuovo ambiente; le loro condizioni; solitudine e, a volte, isolamento (che era particolarmente potente per gli afroamericani, che erano ostracizzati dalla comunità locale)

Ha anche documentato l'internamento di massa dei giapponesi negli Stati Uniti. A partire dal 1942, alcuni 120,000 persone di origine giapponese (la maggior parte delle quali vivevano sulla costa occidentale) furono rimosse dalle loro case e incarcerate nei campi di concentramento nel Midwest. Poche di queste immagini sono state pubblicate, tuttavia, come la maggioranza è stata sequestrata dal governo e collocata nel Archivi Nazionali. Sono rimasti in gran parte invisibili fino al 2006, quando sono stati pubblicati in un libro intitolato, Sequestrato: Dorothea Lange e le immagini censurate dell'internamento giapponese americano.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. Bambini giapponesi con tag, Hayward, California, 8 maggio 1942
Bambini giapponesi con tag, Hayward, California, 8 maggio 1942 © Courtesy of The Oakland Museum of California
Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. lavoratori messicani. Braceros, Sacramento, CA 1942
Braceros, Sacramento, CA 1942 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Nel 1939 pubblica il suo libro fotografico d'esordio, Un esodo americano: una registrazione dell'erosione umana, e dopo la guerra, ha lavorato a numerosi progetti e importanti saggi fotografici per Vita magazine.

Ha trascorso gran parte dell'ultimo decennio della sua carriera viaggiando, catturando la vita in tutto il mondo nello stesso modo perspicace e schietto che era diventato il suo marchio di fabbrica. Gli ultimi dodici mesi della sua vita furono trascorsi a prepararsi per un'ampia retrospettiva, che si sarebbe tenuta al Museum of Modern Art di New York City all'inizio del 1966. Tuttavia, tragicamente, nel 1965 morì di cancro, pochi mesi prima dell'apertura della mostra.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Dorothea Lange. due uomini che camminano verso Los Angeles 1937
Verso Los Angeles, California 1937 © Per gentile concessione dell'Oakland Museum of California


Sarà ricordata come un individuo di immensa forza e carattere, un'autrice visiva onesta e articolata la cui produzione era saldamente radicata nella compassione e la cui influenza sulla fotografia è stata davvero profonda.

"La contemplazione delle cose come sono, senza errore di confusione, senza sostituzione o impostura, è in sé una cosa più nobile di un intero raccolto di invenzione."

Tutte le immagini © Dorothea Lange / © L'Oakland Museum della California

 

NB: Il 2022 Visual Storytelling Il premio è aperto per le iscrizioni fino al 31 gennaio e i fotografi sono invitati a presentare il proprio lavoro qui.