Melanie Wenger

Editoriale Entroterra: cooperazione rispetto alla competizione

© Melanie Wenger

La società è saturata dalle immagini, quindi come fa un fotografo a navigare nel lato commerciale di un settore durante le consegne stories quello importa?


─── Isabel O'Toole, 11 maggio 2020

Cooperativa dell'entroterra è nato con questa frustrazione in mente. Un collettivo di 13 fotografi si è unito per offrire narrazioni significative con la speranza di avere un impatto sul mondo.

Da "Metamorpolis", Chongqing, Cina © Tim Franco


La diffusione di fake news affligge il mondo moderno. Mentre le informazioni reali servono a educare e ad avere un impatto sulla vita delle persone, sempre più mezzi di comunicazione stanno sacrificando la loro integrità per produrre contenuti virali.

Ma allo stesso modo, in un mondo in cui il tempo è denaro, un'immagine parla più velocemente delle parole. I fotografi stanno ora affrontando il difficile compito di sbloccare nuovi canali di distribuzione sostenendosi a vicenda in questa difficile arena.

Iponk (al centro), uno scooterista del sud di Sumatra insieme a suo figlio (a destra) e un compagno di viaggio (a sinistra). Ha percorso centinaia di chilometri per partecipare a un evento Vespa a Lampung - Da "rebel Riders" © Muhammad Fadli


I fondatori e membri della cooperativa Inland hanno riunito esperti internazionali del settore, sia in contesti editoriali che di belle arti, per fornire una gamma di stories, per fare proprio questo.
Ciascuno di Inland's stories è progettato per essere unico, esposto attraverso vari mezzi come installazioni, libri e altre pubblicazioni sperimentali, laboratori e una serie di eventi educativi.

Inland cooperative si considera più come una collaborazione interdisciplinare, che offre un modello di business ambizioso in cui i fotografi mantengono il controllo delle loro narrazioni. Collaborando al fianco di autori e sviluppatori di progetti, gli obiettivi di Inland sono educare, trasmettere e influenzare.

Marie-Claude, Monts D'arrée, Bretagna, Francia 2014 © Melanie Wenger
Da Antimemories © Romain Philippon e Yann Hamonet


I membri della cooperativa sono orgogliosi di un ampio lavoro investigativo e trasmettono il loro stories attraverso un'estetica pulita. Esplorando tutto, dai cittadini di Pyongyang alla siccità in Iraq, il loro stories mettere in discussione le contraddizioni di un mondo che cambia.

I membri di Inland provengono da tutta Europa, Cina, Indonesia, Reunion, Corea e Stati Uniti. I membri co-fondatori Melanie Wenger, Jef Bonifacino, Patrick Wack e Tim Franco, hanno anche accolto Tjorven Bruyneel, Mathias Depardon, Phyllis B. Dooney, Muhammad Fadli, Jeremie Jung, Tadas Kazakevicius, Laura Pannack, Romain Philippon e Matjaz Tancic al loro famiglia collettiva. L'impressionante elenco di artisti la dice lunga sull'agenda di questa cooperativa.

Da The Cracker © Laura Pannack


Secondo Jef Bonifacino, i membri di Inland hanno messo insieme i loro soldi, connessioni e idee per garantire il miglior risultato per il loro lavoro. Uno dei membri fondatori della cooperativa, Melanie Wenger, ha spiegato in modo più dettagliato:

“Abbiamo deciso di creare questa cooperativa, non esattamente per lavorare collettivamente sul progetto in sé, ma più per mettere in comune i nostri mezzi. Abbiamo riunito autori che sviluppano lavori di qualità mantenendo la completa indipendenza nel modo in cui scelgono i loro stories. I fotografi riprendono il controllo del loro stories. Il nostro lavoro sta davvero cambiando. Abbiamo scelto di adattarci e di scoprire da soli cosa può diventare. "

Da "Western Horizons" © Jef Bonifacino
Tombe abbandonate, Lituania 2017 © Tadas Kazakevicius


Eliminando l'intermediario dell'agenzia, i clienti possono immediatamente parlare con gli artisti e avere un'idea più immediata del loro marchio creativo e di ciò che rappresentano. Tutti i fotografi coinvolti in Inland sono già affermati di diritto, con libri a loro nome e vari clienti alle spalle, e molti di loro hanno anche vinto prestigiose sovvenzioni.

Perché allora unire i propri talenti e le proprie risorse quando ogni individuo è forte, da solo? Poiché il loro approccio collettivo è per il bene superiore, ogni artista è convinto che la fotografia abbia il potere di cambiare il mondo.

Dalle cartoline del Mar Nero © Mathias Depardon
Da 3DPRK, Pyongyang, Corea del Nord, © Matjaz Tancic
Joshua Mann e suo figlio, New York 2019 © Phyllis B. Dooney


Oggigiorno, talento non significa necessariamente successo. Un artista non deve solo avere sensibilità creative, ma deve anche essere orientato al business in questo campo altamente competitivo. I modelli di business sono in qualche modo più difficili da navigare che mai, poiché il panorama del settore cambia in modo esponenziale.

In questo senso forse la collaborazione è il mezzo più sensato per far conoscere al pubblico quelle narrazioni che meritano. Più questi stories si ascoltano, più diventano forti, come il folklore moderno in una società globalizzata sempre più omogeneizzata.

Dalla serie "Out West" © Patrick Wack


I mass media ora detengono così tanto potere narrativo - questo concentrato in pochi media "affidabili" significa che siamo costretti a fidarci dei principali giornali. Ma negli ultimi tempi anche i media più grandi e "affidabili" hanno dimostrato di stampare bugie. Ora è compito del giornalista o del fotografo assicurarsi che la propria storia raggiunga gli occhi e le orecchie delle persone che dovrebbe. Inland dà valore alla verità al sensazionalismo, all'onestà alla commerciabilità, stories sul capitale.

Unendosi insieme, questi artisti hanno sequestrato i loro mezzi di produzione e, si spera, i loro stories sarà visto in lungo e in largo e avrà un impatto sulla vita delle persone in tutto il mondo, persone che hanno anche i mezzi per cambiare il mondo a pieno titolo.


Tutte le immagini © nell'entroterra Stories