Nichole Sobecki

Profilo Nichole Sobecki

© Nichole Sobecki

AwardLa fotografa americana pluripremiata e membro della prestigiosa agenzia fotografica VII, Nichole Sobecki, è uno dei migliori narratori visivi del nostro tempo.


─── di Josh Bright, 17 aprile 2020

Nato a New York, Nichole Sobecki è stata introdotta al medium in tenera età tramite il nonno, che le ha regalato la macchina fotografica che aveva usato per molti anni per catturare immagini dai treni su cui lavorava.

Fotografia di paesaggio a colori della Somalia di Nichole Sobecki
Il paesaggio arido della Somalia visto dall'interno di un edificio coloniale in decomposizione nella città di Sheikh, in Somalia, il 12 aprile 2016. Terra di temperature estreme e poca pioggia, il paese ha dovuto affrontare siccità cicliche e carestie periodiche nel secolo scorso. Da 'A Climate for Conflict'


Ha studiato scienze politiche alla Tufts University del Massachusetts e, dopo la laurea, si è recata in Medio Oriente (in particolare
Turchia, Libano e Siria) dove ha iniziato la sua carriera, concentrandosi su questioni relative a identità, conflitti e diritti umani.

Successivamente si è trasferita a Nairobi, in Kenya (dove vive ancora oggi) per guidare l'ufficio video dell'Africa orientale di Agence France-Presse, anche se in seguito ha spostato la sua attenzione sulla sua pratica documentaria, motivata da un profondo desiderio di educare e informare, e quindi generare positività. modificare. 

Foto a colori, donna e cammello, Somalia di Nichole Sobecki
Il cammello di cinque mesi Baarud tira scherzosamente l'hijab di Aadar Mohamed nel villaggio di Hiijinle, nel Somaliland nordoccidentale. Baarud, che significa duro in somalo, ha ricevuto questo nome perché quando sua madre era incinta di lui, quasi morì nella siccità. Da 'A Climate for Conflict'
Foto a colori, uomo, animale domestico, Somalia di Nichole Sobecki
Da 'A Climate for Conflict'
Fotografia a colori, ritratto, ragazza, Somalia, Nichole Sobecki
Da 'A Climate for Conflict'


“Per cambiare il mondo, dobbiamo prima capirlo così com'è. La fotografia documentaria è una finestra su vite, luoghi ed esperienze oltre noi stessi. Può ampliare la nostra prospettiva, informare le nostre scelte e, nella migliore delle ipotesi, fungere da ponte per collegarci gli uni agli altri ". - NS

È questo ethos, sostenuta da un profondo umanesimo, che informa la sua pratica, e ha generato una ricchezza di lavoro davvero sorprendente. Dai trafficanti che traghettano i migranti attraverso il Sahara, all'epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, o al suo reportage sulla guerra in corso in Afghanistan, Il lavoro di Sobecki è caratterizzato da rara empatia e veridicità, incentrato invariabilmente sull'umano sfumato stories dietro le questioni chiave del nostro tempo, in una rinfrescante divergenza dall'approccio di molti wprofessionisti esteri.

 

Fotografie a colori di, uomini armati, camion, Nichole Sobecki
Da "Revolution and Anarchy"
Fotografie a colori di Nichole Sobecki, uomini con pistole, esplosione, fuoco
Da "Revolution and Anarchy"
Nichole Sobecki, ritratto a colori, fotografia, Niger, Sahara, Libia, contrabbandiere
Da "Highway to hell"


“Dopo anni passati a occuparmi di conflitti e terrorismo in Medio Oriente e in Africa, ho cominciato a preoccuparmi di concentrarmi sulla parte più drammatica, ma forse meno vitale, di questi scontri. Il contatto, ma non la connessione. Cosa stava succedendo sotto la superficie di queste crisi e in che modo quelle correnti avrebbero plasmato il futuro? "

Fotografia a colori di Nichole Sobecki, monti Domboshawa, Zimbabwe, preghiere
Il vescovo Manyange Chenjerai canta le sue preghiere alle montagne di Domboshawa, nello Zimbabwe, che si dice siano sacre e sono state a lungo luogo di pellegrinaggio per seguaci di varie religioni. Il vescovo Chenjerai è in visita ogni giorno dal 2008, quando il paese è stato gettato in una spirale discendente di inflazione dilagante e violenti attacchi a seguito di elezioni contestate.
Fotografia a colori di Nichole Sobecki, donna, fuoco, Gibuti, Africa
Da "Jostling for Djibouti"
Foto a colori di Nichole Sobecki, uomo in bicicletta, uccelli, Gibuti, Africa
Da "Jostling for Djibouti"


Queste domande riflessive l'hanno portata a creare, "Un clima per il conflitto", (insieme alla giornalista Laura Heaton), un corpus di lavori assolutamente avvincente che esplora il modo in cui il cambiamento climatico ha avuto un impatto drammatico sul panorama fisico, socio-economico e politico della Somalia.

“La Somalia è il canarino nella miniera di carbone per il resto di noi. In una generazione parti del paese sono passate dall'essere semi-aride al deserto, alimentando i conflitti e spingendo le comunità sull'orlo del baratro ".

 

Ritratto fotografico a colori di 3 donne di Nichole Sobecki, Somaliland, Somalia
Ritratti di Bassora Ismaan Jaama; Nimo Mohamed Hussein e Yurub Suleiman Mohamed, campo per IDP di Aakil Yare, Somaliland, dicembre 2019. Tutti e tre hanno un bambino che è attualmente trattenuto dai trafficanti in Libia dopo essere stato rapito mentre cercava di raggiungere l'Europa. Da "A Climate for Conflict".


“Questo lavoro racconta al stories di persone che lottano per far fronte a un ambiente che cambia: il pastore di cammelli che è andato in guerra con i vicini per pascoli e acqua, l'anziano che lotta per adattarsi mentre la terra della sua comunità si erode intorno a loro, i pescatori attirati dalla pirateria quando non potevano più guadagnarsi da vivere al mare.

Questo è uno dei luoghi che ha contribuito meno alle emissioni globali di anidride carbonica, eppure il suo ambiente è tra i più gravemente colpiti, in modo irreversibile. Ho sentito un senso di responsabilità nell'evidenziarlo; così come la necessità di esaminare le dinamiche tra ambiente e sicurezza, che sono poco conosciute ".

Foto a colori di Nichole Sobecki, donna, Somalia, Somaliland
Sabad Ali Ahmed smonta la casa della sua famiglia nel campo IDP dell'aeroporto di Burao, Somaliland, il 13 dicembre 2019. È arrivata qui durante la siccità del 2016 dopo aver perso 300 pecore e capre e 25 cammelli. Ora, il governo ha detto loro che devono trasferirsi di nuovo in un altro campo di sfollati interni fuori Burao. Da "A Climate for Conflict".


Composta da ritratti, paesaggi e scene quotidiane "scoperte", la serie trasmette in modo toccante le realtà della vita quotidiana a coloro che vivono in un'area del mondo che è una delle più colpite dalla crisi climatica. Un promemoria del sempre più interconnesso essenzialità del nostro pianeta, e della necessità di un immediato, radicale, cambiamento, esemplifica la profonda percezione di Sobecki così come l'abilità unica della fotografia di comunicare efficacemente la verità.

Fotografia a colori di Nichole Sobecki, rifugiato, migrante, campo Somalia, Somaliland, tende
Il sole tramonta sul campo IDP dell'aeroporto di Burao, Somaliland, dicembre 2019. Con l'OIM che prevede 200 milioni di sfollati ambientali entro il 2050, innumerevoli somali saranno cacciati dalle loro case, con donne e ragazze che sopportano il peso degli sfollati. Da "A Climate for Conflict".


“La più grande forza trainante del mio lavoro è la connessione tesa, intima e in definitiva indistruttibile dell'umanità con il mondo naturale. Troppo spesso la copertura del cambiamento climatico è stata politicizzata, o è stata descritta come qualcosa che sta accadendo al pianeta, o agli orsi polari o ai ghiacciai, dimenticando che siamo tutti parte della stessa cosa ". - NS

Ritratto fotografico a colori di una donna e un bambino di Nichole Sobecki
Ritratto di Nasteha Hassan Abdi (circa 15 anni) e suo figlio Musab Farah Waro (1 anno e 8 mesi) nel campo profughi di Dadaab, nel Kenya settentrionale, il 3 dicembre 2019. Da "A Climate for Conflict".


“Non esistiamo separatamente dal nostro ambiente, né sopravviveremo alla sua distruzione (sebbene parti di esso possano sopravvivere al nostro). Ogni possibilità di un futuro qui richiede un ripensamento completo e rapido delle nostre priorità e la creazione di un senso di umanità collettiva che manca al pensiero individualistico a breve termine che ha dominato la nostra politica ed economia per il secolo scorso. Credo che lo storytelling abbia un ruolo da svolgere nel coltivare queste nuove idee ".

 

Tutte le immagini © Nichole Sobecki / VII foto

Nichole Sobecki era La giuria: di gara per il 2021 Visual Storytelling Award. Guarda i risultati

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.