Mongolia Un progetto fotografico di Frederic Lagrange - Pubblicato il 6 febbraio 2017

La prima volta che ho sentito parlare della Mongolia è stato quando me lo diceva mio nonno stories di lui come prigioniero di guerra durante la seconda guerra mondiale. Dovevo avere sette o otto anni all'epoca. Entrambi i miei nonni erano stati prigionieri di guerra in Germania e uno di loro, Louis, era stato salvato alla fine del 1944 da un distaccamento di soldati mongoli che si erano uniti alla guerra sotto il comando sovietico quando la Mongolia faceva parte del blocco sovietico.

Da bambino, ricordo che gli occhi di mio nonno si illuminarono quando descrisse come i tedeschi scappassero a prima vista questi enormi e forti uomini asiatici da un paese remoto di cui aveva appena sentito parlare, correndo verso di loro, attaccando il campo e liberando tutti i prigionieri. Descriveva come tutti i prigionieri - americani, britannici, francesi, insieme ai soldati mongoli - saltassero euforicamente l'uno nelle braccia dell'altro dopo essere stati salvati. Questa vivida immagine è rimasta nella mia mente e ha risvegliato in me un fascino a lungo termine per la Mongolia e i Mongoli; un paese affascinante che apparteneva alle persone a cui ero per sempre debitore per aver salvato la vita di mio nonno.

Quando sono diventato più grande, ho deciso di esplorare il paese in cui avevo romanticizzato per così tanto tempo e ho viaggiato in Mongolia sulla ferrovia Transiberiana. Quando sono arrivato, era esattamente come l'avevo immaginato: un ambiente incontaminato e naturale preservato con ampi paesaggi, deserti, catene montuose, taiga e vaste pianure verdi. In ogni direzione, mi sembrava di guardare in lontananza l'orizzonte verso i bordi dell'estesa estensione della terra. Oltre agli enigmatici mongoli, anche i discendenti di Gengis Khan vivono in questo ambiente ostile.

Ho scattato le mie prime foto in Mongolia durante quel viaggio alla fine dell'estate del 2001. Pochi mesi dopo, quando ero di nuovo a New York, ho guardato una mappa e mi sono reso conto che avevo coperto solo una piccola parte del paese mentre Ero lì. Volevo tornare indietro e lavorare a un progetto fotografico a lungo termine lì. Sono partito per la Mongolia durante il mio secondo viaggio nell'inverno 2002 e sono tornato molte volte in diciassette anni, per un totale di 13 viaggi, viaggiando e coprendo il più possibile del paese durante le diverse stagioni.

Nonostante abbia viaggiato in Mongolia in numerose occasioni, provo ancora lo stesso senso di eccitazione ogni volta che visito. L'imprevisto prevale sempre, anche quando un viaggio attraverso il paese è pianificato nei minimi dettagli. Le cose non vanno mai come sono pianificate. Ci sono state bufere di neve, ghiaccio che si spaccava sui laghi ghiacciati, tempeste di sabbia, temperature gelide che ci hanno costretto a modificare la rotta e le aspettative; a volte con l'unico obiettivo di rimanere in vita in un ambiente molto duro.

Queste condizioni estreme rendono la Mongolia un luogo incredibile per scattare con infinite opportunità. Quando il viaggio finisce, sono spesso esausto, ed è sempre un sollievo partire. Ma poi, rapidamente, il sollievo si trasforma in un desiderio di tornare indietro, di vedere ed esplorare di più questo vasto ed enigmatico paese.

- NB: "Mongolia" è ora disponibile come fotolibro in edizione limitata di 185 splendide immagini distribuite su 252 pagine in edizione limitata di grande formato

Chiama per le iscrizioni

ritratto analogico in bianco e nero di medio formato di una donna che nuota nel lago di Daniel Jackont
© Daniel Jackont
2023 Black & White PREMIO

Vinci premi in denaro e visibilità internazionale

A gennaio, invitiamo tutti i fotografi che lavorano in bianco e nero a condividere le loro immagini più commoventi e stimolanti che mostrano la variegata bellezza del bianco e nero.

  • Vinci $ 2000 in contanti
  • Mostre Internazionali
  • Pubblicato nel fotolibro 2023
  • Conto di portafoglio gratuito
Invia foto
Scadenza: 31 gennaio 2023

Articoli recenti

Altri articoli