Roger Deakins

Book Review Byways – Roger Deakins

© Roger Deakins

Byways, la monografia di debutto del direttore della fotografia premio Oscar Sir Roger A Deakins (recentemente pubblicato da Damiani), svela alcune delle sue opere fotografiche raramente viste.


─── di Josh Bright, 17 novembre 2021

Rinomato per le sue collaborazioni con alcuni dei registi più illustri del nostro tempo, Deakins ha, nel corso degli anni, conferito la sua visione unica a titoli celebri come The Shawshank Redemption, Fargo, A Beautiful Mind, Caduta del cielo, Blade Runner 2049e 1917.

Fotografia in bianco e nero, asino sulla spiaggia. Roger Deakins, Byways


Prima di passare all'immagine in movimento, tuttavia, Deakins era un fotografo. Il suo interesse per il mezzo ha raggiunto l'apice mentre studiava graphic design alla Bath Academy of Art.

All'epoca, Roger Mayne, il famoso fotografo di documentari sociali britannico, (meglio noto per le sue rappresentazioni di Londra's Southam street negli anni '1950) era un docente ospite al college, ed è stato lui a galvanizzare la curiosità di Deakins. 

Fotografia in bianco e nero, donna alla fermata dell'autobus con ombrellone. Roger Deakins, Byways


La sua prima produzione fotografica ritraeva quasi esclusivamente il quotidiano. Durante il college, trascorreva i fine settimana in autostop a Bristol, o nella vicina cittadina balneare di Weston-Super-Mare, dove, a volte, dormiva sulla spiaggia per "prendere la luce del primo mattino".

Dopo aver completato gli studi universitari, ha iniziato a lavorare come fotografo al Beaford Arts Center nel suo nativo North Devon, dove è stato incaricato di catturare la vita quotidiana nella zona. Fiere di paese; mercati del bestiame; braccianti al lavoro: le immagini che ha catturato mentre vagava per le "vie secondarie" della regione, mostrano la rara abilità artistica che in seguito sarebbe stata alla base della sua tanto celebrata cinematografia e, insieme, catturano la quintessenza pastorale di questo tranquillo angolo d'Inghilterra. 

Fotografia in bianco e nero, mani, treno. Roger Deakins, Byways
Fotografia in bianco e nero, cane sulla spiaggia. Roger Deakins, Byways
Fotografia in bianco e nero, spiaggia. Roger Deakins, Byways


A parte i suoi primi giorni come direttore della fotografia (quando, purtroppo per sua stessa ammissione, portava raramente una macchina fotografica fissa), ha mantenuto un interesse attivo per la fotografia per tutta la sua carriera.

Insieme ad alcuni dei suoi primi esordi sopra menzionati, Byways include immagini scattate in tutto il mondo mentre era alla ricerca di luoghi per le riprese, e altri, mentre viaggiava con sua moglie. Tuttavia, per Deakins, la fotografia è stata spesso un'impresa solitaria, un antidoto al processo "piacevole" ma intensamente collaborativo del lavoro sui film. È nelle sue stesse parole una persona riservata, per la quale la fotografia è “una scusa per passare molte ore semplicemente camminando” con “nessun fine specifico se non quello di osservare”.

Fotografia in bianco e nero, croci, arcobaleno, crocifissi, cimitero. Roger Deakins, Byways


Primi piani schietti, paesaggi grandangolari e lunghe esposizioni dinamiche, le sue fotografie monocromatiche mostrano una varietà di approcci e tecniche, ma prima di tutto testimoniano lo sguardo artistico straordinariamente perspicace che lo ha visto candidato all'Oscar in quindici occasioni separate (vincendo due volte).

Riflessivo, poetico e profondamente accattivante, mostrano la sua spiccata sensibilità enigmatica, e presentati per la maggior parte con poche o nessuna informazione o contesto (indice a parte) formano un avvincente soliloquio visivo che trasmette con grande eloquenza, il profondo potere dell'immagine fissa .

 

Byways è ora disponibile tramite Damiani

Tutte le immagini © Roger Deakins

Non perdere quando aggiungiamo notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.