Alain Schroeder

Top 10 Visual Storytelling attraverso 10 immagini

© Alain Schroeder

"Se potessi raccontare la storia a parole, non avrei bisogno di trascinarmi dietro una macchina fotografica." - Lewis Hine


─── di Josh Bright, 5 gennaio 2022

Dai più eminenti fotoreporter e documentaristi sociali del XX secolo ai più articolati comunicatori visivi del nostro tempo, per generazioni, i grandi fotografi hanno cercato di trasmettere stories attraverso le loro lenti.

Per festeggiare il nostro 2022 Visual Storytelling Award, (aperto alle iscrizioni fino al 31 gennaio) abbiamo censito alcuni degli antipasti più accattivanti delle precedenti competizioni e selected 10 immagini che mostrano l'immenso potere edificante del mezzo.

Kristof Vadino, fotografia documentaria, visual storytelling. Alex, 41 anni, pescatore di cozze, vive con la moglie e le due figlie in una capanna in riva al mare a North Jakarta, in Indonesia.
“Jakarta che affonda” © Kristof Vadino

1. "Jakarta che affonda” (finalista Visual Storytelling Award 2020) – Kristof Vadino 

L'innalzamento del livello del mare è un aspetto chiave della crisi climatica e in pochi luoghi è più evidente della capitale indonesiana, una città di oltre 10 milioni di persone che sta rapidamente scomparendo sotto il mare. Kristof VadinoIl sorprendente ritratto di Alex ritrae Alex, un allevatore di cozze locale, mentre svolge il suo lavoro quotidiano nelle acque vicino alla sua casa di Jakarta.

È un'immagine ricca di accostamenti suggestivi, tra cui spicca il netto contrasto tra il nostro protagonista
barca stagionata e vestiti con gli ultramoderni edifici in alabastro sullo sfondo, a simboleggiare così la disparità che esiste qui. Alex e la sua famiglia, che vivono in una capanna in riva al mare, subiranno senza dubbio gli effetti più immediati e devastanti dell'alta marea, ma, se non si fa nulla, non c'è dubbio che quei lussureggianti monumenti lo faranno, un giorno, sentire anche l'impatto.

fotografia di paesaggio analogico di medio formato a colori nelle Isole Shetland
“Ninian Northern Platform” - Isole Shetland, 2021 © Peter Iain Campbell

2. “Ninian Northern Platform”, Dales Voe, Isole Shetland, 20 giugno 2021 – Peter Iain Campbell

fotografo scozzese Peter Iain Campbell ha passato anni a documentare il Regno Unito l'industria petrolifera e del gas (una delle ultime industrie pesanti rimaste), culminando nella sua serie in corso, "I loro elicotteri non cantano più", che si concentra sulla fase di fine vita delle piattaforme di perforazione e delle piattaforme di produzione e sul loro smantellamento e smantellamento a terra. 

Catturata con perizia su larga scala, una carcassa monolitica e arrugginita giace incongruamente nei paesaggi verdeggianti della Scozia nordoccidentale: un simbolo di un'industria morente, e forse per la posizione un tempo orgogliosa della Gran Bretagna come potenza industriale globale.

Foto a colori di una famiglia che immerge il bambino di mesi nel sacro fiume Gange -Varanasi, India di Mohit Khetrapal
“Un tuffo di ironia” - Varanasi, India © Mohit Khetrapal

3. "Tuffo di ironia" Varanasi, India - Mohit Khetrapal

Il Gange è stato a lungo al centro della cultura e della tradizione degli indù in India, creduto per lavare i peccati di coloro che si bagnano nelle sue acque e benedirli con una vita lunga e sana.

Tuttavia, è estremamente inquinato e i bagnanti corrono il rischio di contrarre malattie mortali come l'epatite, il colera e il tifo, un'ironia a cui allude il titolo. Eppure per milioni di persone, come la famiglia catturata ad arte in questa immagine, tali rischi non sono un deterrente, la fede prevale e, quindi, i neonati sono abitualmente immersi nelle secche oscure.

fotografia in bianco e nero di Alain Schroeder scattata Nel villaggio di Uzgen, Kirghizistan, dove più di 170 cavalli e uomini giocano a Kok Boru.
"Kok Boru, il polo della capra morta" - Uzgen, Kirghizistan © Alain Schroeder 

4. 'Kok Boru, la capra morta Polo', Uzgen, Kirghizistan (vincitore del 2° premio, Open Call Award 2020) Alain Schroeder 

SchroederL'affascinante immagine raffigura uno sport tradizionale kirghiso, in cui uomini a cavallo combattono furiosamente per il possesso di una carcassa di capra senza testa.

Capolavoro monocromo di grande formato, è una composizione intensamente avvincente, un serraglio di uomini e animali, avvolto in una garza polverosa. Trasmette perfettamente l'energia intensa dell'occasione; il fervore e la determinazione dei partecipanti e fa venire in mente le opere di Sebastião Salgado, uno dei più grandi narratori visivi dei nostri tempi.

Titolo: "Mercedes" - L'Avana, Cuba 2018 La vitiligine è una condizione della pelle a lungo termine caratterizzata da macchie della pelle che perdono il loro pigmento.
“Mercedes” - L'Avana, Cuba 2018 © Rosa Mariniello

5. “Mercedes”, L'Avana, Cuba 2018. (Vincitore del 1° Premio, Open Call Award 2019) – Rosa Mariniello

La vitiligine è una condizione della pelle a lungo termine caratterizzata da chiazze della pelle che perdono il loro pigmento.

Un trionfo di luce, coloree forma, MarinielloLa sua immagine esemplifica il potenziale artistico della ritrattistica. Le tonalità ricche e caleidoscopiche della coperta e, per contrasto, l'iterazione più sottile del fondale, attirano l'attenzione sul protagonista che è splendidamente illuminato dalla luce naturale angolare. La sua posa reclinata è forse un cenno agli iconici dipinti della Dea Venere dei maestri del Italiano rinascimentale (vale a dire, Giorgione e Tiziano) e trasmette forza e sicurezza degne della sua bellezza unica.

La siriana Umm Mohammed e suo marito bevono caffè nella loro casa distrutta nella città di Douma, in mano ai ribelli, alla periferia della capitale Damasco. Fotografia documentaria a colori di Sameer Al-Doumy
"Un altro volto della guerra" - Douma, Siria, 2017 © Sameer Al Doumy 

6. 'Another face of War', Douma, Siria, 2017 (vincitore del 1° premio, Talento emergente Award 2020) – Sameer Al Doumy 

Sameer Al DoumyL'immagine è riflessiva e sobria, una composizione intelligente che rasenta il surreale. Una coppia di anziani catturata durante la loro routine quotidiana, un momento tranquillo di apparente normalità che accentua l'incongruenza della totale devastazione che li circonda. Le rappresentazioni del conflitto, sono state centrali per lo sviluppo della fotografia documentaria e pfotogiornalismo, e rimangono strumenti fondamentali nel plasmare le percezioni. L'iterazione di Al Doumy è un duro promemoria dell'impatto devastante della guerra siriana e una testimonianza della forza e della resilienza di coloro che sono rimasti indietro. 

Foto in bianco e nero di Javier Arcenillas - 'Membro della gang di Maras che prega'. Prigione di San Francisco Gotera, El Salvador. Dal progetto a lungo termine 'Latidoamerica'
"Membro della banda di Maras che prega". Prigione di San Francisco Gotera, El Salvador © Javier Arcenillas 

7. "Membro della banda di Maras che prega". Carcere di San Francisco Gotera, El Salvador (3° Premio, Visual Storytelling Award 2020) – Javier Arcenillas 

Preso da Javier Arcenillas ' award-progetto in corso vincente, “latidoamerica”,  questa potente immagine monocromatica ritrae un membro pesantemente tatuato della banda di Maras di El Salvador immerso in preghiera in a carcere di San Salvador. Splendidamente incorniciato e cronometrato in modo impeccabile, è un ritratto sorprendente che permea di energia viscerale e comunica efficacemente l'essenza della scena; un giovane intrappolato in una vita di povertà e violenza, in cerca di redenzione.

Ross Long, fotografia aerea del Lago Nabberu, una piccola laguna nell'Australia occidentale
"Little Lagoon" - Shark Bay, Australia occidentale © Ross Long

8. “Little Lagoon” Australia – Ross Long

Ross Lungola rappresentazione aerea di 's raffigura la "Piccola Laguna", giustamente chiamata, che fa parte di un più ampio sistema di lagune nella regione di Shark Bay, nel Western Australia. Tagliato fuori dalla perniciosa presa dell'umanità, questo compatto ecosistema ha prosperato e pullula di una varietà di vita marina: razze, squali e cavallucci marini, solo per citarne alcuni.

Catturata magnificamente dall'alto, la topografia surreale è tipica della regione: acque azzurre contrapposte a un ambiente arido e ramato. Inoltre, l'angolo di 90 gradi accentua la qualità astratta, evocando i dipinti di campo cromatico degli anni '1940 e '50, esalta la bellezza diversa e, a volte, surreale del nostro pianeta.

La gara più fangosa del mondo si trova nella reggenza indonesiana Tanah Datar. Corsa di tori, Indonesia, fotografia documentaria di Jozef Macak
"Gara di fango", Indonesia © Jozef Macak

9. “Corsa nel fango”, Indonesia – Jozef Macak

fotografo slovacco Jozef Macak ha splendidamente catturato l'emozione unica della tradizionale corsa di tori da raccolto che si svolge ogni anno nella reggenza indonesiana di Tanah Datar.

Perfettamente sincronizzato e inquadrato: la coppia di tori e il loro fantino sono vistosamente impostato centralmentes, che esplode da un'esplosione a forma di mezzaluna, fangosa. Cattura l'attenzione dello spettatore e comunica brillantemente il dinamismo della scena, facendo sentire lo spettatore presente e dimostrando perché l'evento è stato soprannominato "la gara più fangosa del mondo".

Sharwar Apo Gli effetti del riscaldamento globale" - Rajshahi, Bangladesh. Fotografia in bianco e nero del fiume prosciugato
"Gli effetti del riscaldamento globale", Rajshahi, Bangladesh © Sharwar Apo

10. “Gli effetti del riscaldamento globale”, Rajshahi, Bangladesh – Sharwar Apo

La crisi climatica è stata ben documentata dai fotografi negli ultimi anni, ma poche singole immagini catturano la sua malvagità in modo così efficace come questa trascrizione di un fiume prosciugato a Rajshahi, in Bangladesh. Tra novembre e marzo, la regione è, nelle parole dell'artista, simile a una "valle della morte", una landa desolata priva di acqua potabile e colture.

Il punto di vista non elevato enfatizza il paesaggio disseccato e le sue trame ultraterrene, mentre sia il ponte che la figura solitaria, piegata dal peso del suo attrezzo agricolo, sembrano quasi incongrui in un ambiente così evidentemente arido. È un'immagine che fa riflettere che serve come un duro promemoria della necessità di un'azione immediata.


NB:
il 2022 Visual Storytelling Award è aperto per le iscrizioni fino al 31 gennaio e i fotografi sono invitati a inviare il proprio lavoro


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari

Non perdere quando noi
aggiungi notizie ed editoriali.

Su quale email vuoi riceverli?

Rispettiamo la tua privacy.

Tip-Logo

Per supportare i fotografi, ogni mese siamo
offerta 10 INGRESSI GRATUITI alla competizione.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter per essere preso in considerazione.